martedì , 17 luglio 2018
Home » BMW NEWS » PRIMA MONDIALE: BMW Serie 8 – il ritorno

PRIMA MONDIALE: BMW Serie 8 – il ritorno

È tornata. È qui, per davvero. La seconda generazione della BMW Serie 8 è finalmente arrivata, dopo anni di voci, speculazioni e foto spia, l’auto pronta per la produzione è finalmente stata svelata. È passato molto tempo, poiché la prima generazione della Serie 8 è stata dismessa nel lontano 1999. Ci sono voluti quasi due decenni, ma è valsa la pena aspettare perché questa nuova Serie 8 è favolosa.

Ma non è solo il nome “Serie 8” a fare il suo ritorno con questo nuovo modello. Anche BMW come marchio sembra aver cambiato faccia. Negli ultimi anni, BMW sembrava essersi allontanata sempre più dai valori che hanno fatto innamorare così tanti appassionati. Tuttavia, BMW ha mostrato progressi costanti con i suoi modelli recenti, come la X3 M40i e la M5. Tuttavia, la Serie 8 sembra essere il culmine degli sforzi di BMW per riportare il marchio al suo antico splendore, in quanto probabilmente si tratta della migliore auto da guidare, nonchè l’ammiraglia di tutto il brand. I bavaresi sono finalmente tornati a fare una vera ammiraglia, un’auto che funge da faro per i valori del marchio.

La Serie 8 è basata sull’architettura CLAR di BMW e sarà più leggera, più filante e più dinamica della Serie 6 Coupé che sostituisce. Molto di ciò ha a che fare con la sua tecnologia Carbon Core, che conferisce alla Serie 8 una certa percentuale di fibra di carbonio integrata nella sua struttura del telaio, mantenendo il peso ridotto e aumentando anche la rigidità strutturale. Ciò aiuta l’auto ad essere più agile quando le strade diventano tortuose. Tuttavia, questi dettagli già li sapevamo. Quello che volete veramente sapere è quanto quest’auto sia bella.

Design esteriore

Il concept della BMW Serie 8 ha debuttato la scorsa estate e ha scioccato praticamente tutti con il suo look straordinario. I fan non vedevano l’ora di assistere alla versione finale dell’auto e finalmente ciò è diventato realtà. Sebbene molti pensavano che l’auto di produzione sarebbe stata diversa dal concept originale (considerato “troppo bello”), BMW stavolta non ha ingannato il suo pubblico. Certo la Serie 8 presenta qualche differenza dal concept, ma è ugualmente fantastica.

Ammettiamo che il concept originale era ancora più bello di così, ma stiamo parlando di qualcosa di irraggiungibile. Attualmente stiamo parlando di un’auto vera e propria che deve rispettare delle regole, come la forma di determinate zone d’impatto, airbag e il rispetto di altre norme di sicurezza. Detto questo, questa Serie 8 è veramente quanto di più simile al concept originale, e ciò non può che farci piacere.

A dirla tutta, potrebbe essere la BMW più bella di sempre. Si trova lassù con le migliori del brand, come la BMW 507, la Z8 e, beh, la Serie 8 originale. È lunga, bassa , con un cofano lunghissimo, una coda risicata, dei fianchi muscolosi e un profilo bassissimo. Si tratta di una vera grand tourer sportiva, almeno in termini di design, e sembra più una “BMW by Aston Martin” che una delle BMW uscite recentemente.

Una vera auto GT deve essere aggressiva ma anche elegante. Non è un equilibrio facile da raggiungere, ma pensiamo che BMW ce l’abbia fatta in questo caso. Nella parte anteriore, i suoi fari sono spigolosi e arrabbiati ma anche graziosi. I fanali posteriori sono probabilmente i fanali bavaresi più belli che abbiamo mai visto, perché sono lunghi e ampi, con una forma a L davvero sottile e ben integrata nella carrozzeria. Il cofano è fortemente scolpito e le sue griglie sono ampie, conferendo all’auto un aspetto ribassato, ampio e aggressivo. L’elemento chiave del design, tuttavia, è il modo in cui la coda si affusola verso la parte posteriore, donando alla Serie 8 un look ancora più muscoloso e rendendo la Serie 8 sia atletica che bella. La vista dalla tre quarti posteriore è spettacolare e seducente.

Design degli interni

Dentro, la Serie 8 sfoggia gli interni più particolari che potrete trovare su una BMW, molto belli ma comunque minimali. Ciò che spiccano sono sicuramente la sportività e l’eleganza che rispecchiano l’anima GT della vettura (la Serie 8 non è principalmente un’auto di lusso, ma una vera GT sportiva). L’effetto a cascata della plancia centrale è davvero bello e il suo design semplice e ordinato consente al guidatore di rimanere concentrato sulla guida, senza bizzarre distrazioni.

In cima a quella cascata si trova il nuovo schermo iDrive da 12,3 pollici con l’ultima tecnologia iDrive 7.0 di BMW. Lo schermo è ctouch screen, ma il sistema iDrive mantiene una manopola di controllo rotante sulla console centrale, per l’occasione completa di un bordo in alluminio zigrinato molto più pregiato rispetto a quello precedente realizzato in plastica. Proprio come sulla nuova BMW X5, la Serie 8 presenta un pulsante Start / Stop sulla console centrale e una nuova leva del cambio in cristallo.

Davanti al volante troviamo il nuovo cruscotto digitale BMW, soprannominato BMW Live Cockpit, che sembra molto bello e funzionale, davvero unico. Se magari il Virtual Cockpit di Audi potrebbe sembrare più vistoso e forse più eccitante, con il suo enorme schermo di navigazione e la grafica appariscente, la versione bavarese sembra altrettanto interessante e non vediamo l’ora poterlo provare. Inoltre, gli indicatori digitali qui presenti sembrano molto meglio studiati rispetto a quelli presenti attualmente su alcune BMW (Serie 5 in primis).

L’abitacolo riporta anche un senso di “fluidità”, con i pannelli delle porte e le rifiniture delle portiere che si uniscono quasi perfettamente tramite la pelle e i rivestimenti del cruscotto. Tutto si lega bene e semplicemente senza fronzoli, restituendo alla vista un look non elaborato ma molto elegante. A qualcuno potrebbe non piacere la mancanza di “effetti speciali”, soprattutto rispetto alle concorrenti Aston Martin Vantage o Mercedes-AMG S63 Coupe. Quest’ultime auto son fin troppo caotiche all’interno, impedendo alle rispettive vetture di raggiungere le vette dell’eleganza (soprattutto sulla Vantage). Magari quelli bavaresi non sono gli interni più elettrizzanti, ma crediamo che i clienti ameranno questo senso di semplicità ed eleganza.

Motorizzazione

Al momento del lancio saranno disponibili due versioni: la BMW 840d xDrive e la più eccitante BMW M850i ​​xDrive. Il primo modello avrà un motore diesel a sei cilindri in linea turbo da 3,0 litri con una potenza di 320 CV e 679 Nm di coppia. L’uso di un motore diesel è un po’ inusuale in questo mercato super-premium, ma quel sei cilindri in linea è davvero azzeccato per un’auto GT, poiché offre picchi di coppia immediati e in modo silenzioso, offrendo allo stesso tempo un risparmio di carburante accettabile, che per i viaggi più lunghi non fa mai male.

Tuttavia sappiamo che non vi interessa nulla di questa versione diesel, ma volete scoprire ogni dettaglio sulla versione M850i. Questo modello sarà il più aggressivo fino all’uscita della M8. Questa M850i sarà l’unico modello disponibile nel Nord America, ma in futuro (oltre alla M8) aspettatevi anche una versione 840i che utilizzerà il famoso motore B58 a sei cilindri in linea.

La BMW M850i monta un rivisto motore 4400cc V8 biturbo da 523 cavalli e 750 Nm di coppia, appaiato a una trasmissione automatica a otto rapporti che comunica con il sistema a trazione integrale xDrive. Secondo BMW, la M850i può percorrere lo 0-100 in circa 3,7 secondi, un tempo assolutamente adeguato per il segmento. L’Aston Martin DB11 V8 ci impiega 3,9 secondi per lo stesso tempo, mentre la Mercedes-AMG GT S ce ne impiega 3,6 e la Bentley Continental (grazie al suo motore W12) percorre lo stesso tragitto in circa 3,4 secondi. Insomma, le performance di questa M850i sono assolutamente adeguate.

BMW ha fatto di tutto per migliorare il sound di questo rivisto V8. Il suono sembra molto più muscoloso rispetto al V8 della BMW M550i e anche rispetto a quello della M5. Il rumore è qualcosa di cui i fan si sono lamentati con le moderne BMW e i bavaresi hanno recepito i feedback. Con questa nuova Serie 8, BMW assicura di aver ottenuto un sound più sportivo e aggressivo rispetto a prima. Ciò corrisponde a realtà. I primi feedback affermano di aver sentito un sound nettamente migliore rispetto al passato e di conseguenza non vediamo l’ora di verificare con i nostri occhi e le nostre orecchie, oltre ad attendere con ansia la BMW M8 per un paragone ancora più interessante.

Punti salienti

Per quanto riguarda le dinamiche di guida, BMW voleva che la nuova Serie 8 fosse un’auto sportiva come si deve. Anche se molti fan della BMW rimpiangono la morte della Serie 6 Coupé poiché era la BMW più bella della gamma bavarese, non è mai stata un’auto incredibile dal punto di vista del piacere di guida. BMW voleva che questa nuova Serie 8 non solo fosse migliore della Serie 6 che sostituisce, ma che fosse migliore di qualsiasi altra BMW in ogni campo. Probabilmente non arriverà ai livelli della M2, ma sarà sicuramente altrettanto divertente.

Con le sue sospensioni anteriori a doppio braccio oscillante e le sospensioni posteriori a cinque bracci, BMW ha messo a punto la cinematica e l’elastocinematica delle sospensioni  per renderle più sportive e coinvolgenti delle altre più recenti. Tutta l’auto è stata progettata per essere più agile, dinamica e, soprattutto, divertente. I montanti di torsione sull’asse anteriore e un montante sull’asse posteriore ottimizzano la rigidità e il collegamento dei componenti delle sospensioni alla carrozzeria. Sono presenti inoltre dei cuscinetti in gomma indipendenti, per aumentare la rigidità generale assieme alle piastre di smorzamento sull’asse posteriore. BMW ha dato alla Serie 8 la campanatura più negativa possibile, grazie a supporti alle ruote e alle forcelle appositamente progettate, in modo da aumentare i carichi in curva e le velocità.

Da quello che abbiamo sentito dalle guide di pre-produzione, la nuova BMW Serie 8 è davvero bella da guidare. Il suo sterzo è preciso e con un feeling invidiabile per una moderna auto sportiva, le sue sospensioni sono state studiate in modo sopraffino e le sue dinamiche di guida sono tra le migliori mai trovate sulle ultime vetture bavaresi. Stiamo parlando della BMW M850i, è vero, ma non ci aspettiamo nulla di diverso nemmeno dalla versione 840d. Dopo aver guidato la nuova BMW X3 M40i e la M5, possiamo dire onestamente che ci aspettiamo che la Serie 8 sia ancora più divertente, dato che BMW sta tornando a prenderci gusto nel creare auto dal bilanciamento e dal telaio perfetti.

Con la Serie 8 di prima generazione, BMW aveva creato un’auto dall’aspetto eccezionale ed estremamente desiderabile. Il problema con la Serie 8 originale è stato il fatto che non è mai stata all’altezza delle sue potenzialità e non è mai riuscita a diventare uno status quo per il brand bavarese. E’ stata una buona macchina ma non una grande macchina, ma da un’auto così costosa e premium non ci si aspetta una macchina semplicemente “buona”. Questa nuova BMW Serie 8 ha la possibilità di correggere i torti della generazione precedente e di diventare l’auto definitiva che non è riuscita ad essere fino ad ora. A giudicare da tutto ciò che abbiamo visto e sentito, non abbiamo dubbi che riuscirà a realizzare le sue ambizioni.

Questa nuova BMW Serie 8 è davvero stupefacente. il look, le sue forme muscolose, le linee nette e l’aria aggressiva. A seconda dell’occasione, l’auto è una top model con un vestito aderente oppure James Bond in smoking. E’ proprio questa la bellezza della BMW Serie 8. È in grado di essere sia un’auto touring estremamente lussuosa e confortevole, capace di attraversare i continenti con stile, grazia e, naturalmente, velocità, ma anche di essere una vera e propria auto sportiva, capace di affrontare qualsiasi tipo di curva.

BMW non possedeva nella sua gamma una macchina del genere da tanto tempo. Sebbene fossero belle, entrambe le generazioni moderne della Serie 6 coupè erano molto simili all’originale Serie 8, in quanto son sempre mancati dei dettagli che rendessero queste vetture speciali. Questa nuova Serie 8 sembra poter finalmente essere quella macchina di riferimento, quell’ammiraglia che attira gli appassionati verso il brand bavarese, facendo vedere il meglio di quello che BMW è in grado di fare. Questa nuova BMW Serie 8 è una vera e propria rinascita, non solo per il modello in sè che ritorna dopo 20 anni, ma per il marchio stesso.

About Paolo Colucci

Fondatore del primo forum BMW in Italia nel 2002 è da sempre appassionato del marchio bavarese di cui continua a coltivarne l'interesse e promuovendo eventi e raduni per la propria community

Vedi anche

Ecco il concept delle parti M Performance per la BMW M2

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Al Goodwood Festival of Speed ​​di ...

BMW descrive l’architettura di quinta generazione delle proprie batterie

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Alla fine del 2017, BMW ha ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *