sabato , 20 luglio 2019
Home » BMW NEWS » Prova su strada completa BMW X2: sfida agli scettici

Prova su strada completa BMW X2: sfida agli scettici

Non crediamo sia mai esistita una BMW più controversa di questa fin dall’avvento del turbo sulla M3. Molti puristi sono storcono il naso verso questa BMW X2 perché credono che sia un altro tassello verso la rovina del credo “Ultimate Driving Machine” dei bavaresi. Tuttavia, invitiamo a chiunque ne abbia l’occasione di guidare questa X2 e lo sfidiamo ad ammettere di non essere almeno un po’ sorpresi da quest’auto.

Abbiamo avuto l’opportunità di guidare la nuova BMW X2. Insomma, a noi giornalisti è stata concessa una grande libertà e, chiavi in mano, abbiamo potuto testarla a fondo. Erano disponibili diverse auto con le quali godersi il viaggio, tra queste la BMW M5, la X2, la Serie 6 GT e altre;

In generale

BMW ha attirato a sè le ire di parecchi appassionati in questi anni, accusata di aver perso la retta via dettata dal DNA della casa. Quando i bavaresi hanno presentato e utilizzato per la prima volta la piattaforma UKL, un pianale a trazione anteriore, tantissimi fan sono andati fuori di senno. Ora BMW possiede già tre veicoli sfruttanti questa piattaforma (MINI escluse) ed è già al lavoro sul quarto, ovvero la prossima BMW Serie 1 F40. L’ultimo esemplare montante quest’architettura è proprio questa BMW X2, ovvero un’alternativa più sportiva, stilosa e minuta della BMW X1.

Come già citato, la BMW X2 è più piccola della BMW X1 e ha una forma più in stile coupè, con una linea del tetto più aggressiva, un passo più corto e molto più stile. Sulla carta, però, lo stile e le dimensioni sono le uniche differenze tra la BMW X2 e la X1; la BMW X2 utilizza lo stesso motore 2000cc turbo – il B48 – da 228 cavalli e da 350 Nm di coppia montato sulla BMW X1. Le similitudini non si fermano qui, dato che anche il cambio automatico Aisin a otto rapporti e il sistema a trazione integrale (optional, la trazione standard è quella anteriore) Haldex sono i medesimi presenti sulla BMW X1.

I dettagli

Anche se questa BMW X2 sembra a una prima occhiata una BMW X1 solo più carina, in verità c’è molto di più da scoprire. BMW ha migliorato lo sterzo, le sospensioni e in generale tutte le dinamiche di guida, in modo da renderla davvero più sportiva della sorella minore (o maggiore, a seconda dei punti di vista). Lo sterzo è più rapido, le sospensioni sono notevolmente più rigide e anche il raggio di sterzata è ridotto – grazie allo sterzo ma anche al passo ridotto -; inoltre l’altezza ridotta aiuta in modo efficace a ridurre il rollio della vettura e a garantire più grip durante le sterzate. Insomma, non è solo l’abito a fare il monaco.

Un’auto modaiola

Lo diciamo chiaro e tondo, non siamo dei fanatici della moda. A noi piace la parte “nascosta della auto”, la meccanica e il piacere di guida. Detto ciò, ammettiamo di apprezzare il look stiloso di questa BMW X2.

Questo stile funky e diverso dal solito ci fa sorridere. Il muso che punta verso in basso e un ridotto sbalzo anteriore per la categoria, oltre all’altezza ridotta per un crossover, rendono la vettura molto sportiva. Persino le griglie frontali capovolte riescono a piacerci, anche se il punto forte dell’auto è sicuramente il montante posteriore che accoglie lo stemma BMW, un po’ come la classica BMW CSL 3.0.

Inizialmente, il design non ci è parso troppo azzeccato, forse troppo radical chic. Tuttavia, col passare del tempo abbiamo imparato ad apprezzarla sempre di più; fidatevi quando vi diciamo che per giudicarla dovete vederla di persona e non semplicemente tramite le fotografie. Il modo in cui questi colori sgargianti riflettono la luce per mostrare tutte le piccole curve dell’auto rendono questa BMW X2 speciale. Scegliete un colore particolare, come il Galvanic Gold, il Misano Blue o il Sunset Orange metallizzato.

All’evento, le opinioni dei giornalisti erano contrastanti riguardo al design di questa BMW X2.

Meno stilosa all’interno

Un  po’ di delusione è nell’abitacolo, non all’altezza dello stile esterno. Mentre lo stile esteriore è funky e molto interessante, gli interni sono già visti. C’è davvero poco che riesce a differenziare la BMW X2 alla BMW X1, un vero peccato per quanto visto invece al di fuori. Insomma, la X2 e la X1 sono praticamente identiche in questo senso, nel bene e nel male.

Detto questo, gli interni hanno comunque un feeling sorprendentemente premium, grazie ai materiali di ottima qualità e alle plastiche dure collocate solo nella parte bassa delle portiere. Anche il rumore derivato dalla chiusura delle portiere è soddisfacente da sentire. Insomma, la qualità sembra più “premium” rispetto anche alla sorella X1.

Ovviamente è presente l’ultimo sistema infotainment iDrive, ottimo come sempre. E’ disponibile uno schermo touchscreen così come la classica manopola, rimanendo senza dubbio il miglior sistema del settore, se non dell’intera industria. Anche il quadro strumento non ci dispiace, con un look più tradizionale e delle vere lancette analogiche, che non vengono quindi influenzate dalla modalità impostata dal guidatore – quasi una ventata d’aria fresca, vista la sempre più aggressiva digitalizzazione delle auto.

Piccola fuori, grande dentro

Questa BMW X2 riesce ad essere più spaziosa di quel che sembrerebbe dall’esterno. Dall’esterno, sembra che degli adulti possano sedersi a stento sui sedili posteriori, ma possiamo assicurarvi che sono riusciti ad accomodarsi  senza problemi anche degli adulti alti 1,80 m. Certo, passeggeri più alti di 1,90 m potrebbero trovarsi un po’ stretti, ma non dovrebbe trattarsi di un punto a sfavore troppo pesante.

Anche la capacità di carico non è male per un’auto così compatta. Ovviamente si tratta di una capacità minore rispetto a quella della X1, ma la situazione non è così nera come si potrebbe pensare. C’è spazio a sufficienza per tre o quattro borse e sicuramente si può stipare un passeggino o anche uno o due cani. Per una famiglia non troppo numerosa, questa BMW X2 potrebbe essere il giusto compromesso tra stile e praticità.

Una seduta non perfetta

Gli interni hanno un altro difetto oltre allo stile troppo simile con la sorella X1, ovvero la posizione di seduta. Tutto l’abitacolo è pensato per rispecchiare uno stile da SUV, un po’ come la X1; ecco perchè tutti gli elementi delle plancia e del quadro strumenti sono pensati per una posizione di guida elevata, nonostante la BMW X2 sia più bassa della sorella. Se vorrete sedervi in alto per sfruttare meglio la strumentazione, vi sembrerà quasi di essere seduti sopra l’auto e non dentro.

Certo, l’auto consente comunque di ottenere una seduta bassa se doveste preferirla a una seduta più elevata – proprio come noi -, ma la predisposizione dei controlli a una posizione più elevata vi renderanno più scomoda la vita a bordo. E’ stato più difficile del previsto trovare il giusto compromesso tra altezza di guida e ergonomia dei controlli.

In compenso, i sedili in sé sono comodi e la visibilità e sorprendentemente buona per un’auto con un tetto così spiovente. I montanti anteriori sono sottili e ben collocati, il che consente di mantenere una buona visibilità in curva nonostante il parabrezza sia parecchio inclinato e aggressivo.

Più una due volumi che un SUV-Coupè

La BMW X2 verrà spesso definita come “un SUV in stile coupè“, come noi d’altronde. Anche se effettivamente la natura principale dell’auto è proprio questa, la vettura non si comporta come tale, ma anzi si comporta quasi come una due volumi. L’altezza risicata da terra non vi fa sentire troppo elevati dalla strada e ciò contribuisce a ridurre il rollio della vettura, facendola sembrare quindi più leggera di quanto in verità non sia.

La nostra auto possedeva il pacchetto optional Dynamic Handling, che concede all’auto di montare quello che BMW chiama “sterzo M Sport“. Non abbiamo potuto provare una BMW X2 senza questo accessorio, ma possiamo dire che il feeling dello sterzo è davvero sorprendente. Il volante è pesante e non poco, sicuramente più pesante del volante della X1 e forse anche di quello della M2. Oltre a essere pesante, però, è anche preciso e reattivo, rendendo l’auto molto agile nei cambi di direzione.

Il grip delle ruote anteriori è ottimo, il che vi consente di buttarvi in curva subendo solo un piccolo sottosterzo. Certo, è pur sempre un crossover a trazione anteriore, quindi magari non sarà l’auto più precisa del mondo negli inserimenti, ma è davvero divertente da guidare, più di quanto ci saremmo aspettati.

Il comfort di bordo è ottimo, oltre le nostre aspettative. L’auto non è mai troppo dura e assorbe bene buche e dossi, ma è al tempo stesso rigida quasi quanto un’auto sportiva. Personalmente amiamo questa cosa, ma non dubitiamo che a qualche altro cliente invece ciò possa causare qualche dispiacere. All’interno del pacchetto Dynamic Handling precedentemente citato erano incluse anche le sospensioni regolabili del pacchetto Dynamic Damper Control. In modalità Comfort, l’auto è comunque abbastanza rigida e questo dovrebbe bastare per rinunciare al pacchetto in questione per coloro che non vogliono una vettura troppo sportiva – anche se forse allora sarebbe meglio indirizzarsi verso la BMW X1 -.

Potenza ridotta, divertimento invariato

Una delle critiche più importanti mosse verso questa BMW X2 è quella riguardante la sua potenza, o la sua non potenza. Con soli 228 cavalli e 340 Nm di coppia, la BMW X2 non è sicuramente tra le auto bavaresi più potenti. BMW dichiara un tempo per lo 0-100 di 6,3 secondi nella versione xDrive. Ciò è un tempo plausibile anche se forse si potrebbe puntare al raggiungimento dei sei secondi netti.

In ogni caso, per strada non avrete di sicuro bisogno di più potenza di così. Sulle tortuose e sinuose strade dei canyon nessuno si è lamentato della scarsa potenza. Il piccolo turbo a quattro cilindri è più che sufficiente per spingere quest’auto tra le curve con grinta e anzi, l’assenza di una potenza esagerata concede più libertà al guidatore, che sarà libero di lasciarsi andare e scatenare la sua BMW X2 al 100% senza doversi preoccupare più di tanto della sicurezza – discorso valido soprattutto per la versione xDrive -. Considerato che il test si è tenuto su strade pubbliche non possiamo dichiarare le nostre velocità di crociera, ma vi posso assicurare che non abbiamo mai avuto bisogno di ulteriore potenza.

In pista, la sua mancanza di vera potenza si è fatta più evidente. La BMW X2 sicuramente non è in grado di reggere il confronto sul rettilineo con altre auto sportive più “preparate”. Tuttavia ciò non fa testo, dato che la X2 non è mai stata pensata come un’auto dedicata alla pista, ma come un’auto da tutti i giorni divertente e pratica al tempo stesso; possiamo assicurarvi che questo compito lo assolve brillantemente.

Lo stile e il divertimento costano caro

Anche se la BMW X2 è più piccola della BMW X1, essa costa di più della sorella. La BMW X2 xDrive28i costa €35.000 esentasse, mentre la BMW X1 xDrive28i costa ben €5.000 in meno. Certo, esiste la versione sDrive28i che rimuove dal prezzo un paio di migliaia di euro, ma ciò vorrebbe dire avere solamente la trazione anteriore. Insomma, se volete stile e un handling sportivo, dovrete pagarlo.

Tuttavia, crediamo che questa BMW X2 ne valga la pena. Se siete fan di BMW e avete sempre guidato auto compatte come le BMW Serie 2 e 3 ma ora avete bisogno di qualcosa di più pratico per la vostra giovane famiglia, la BMW X2 varrà i soldi extra rispetto a una BMW X1. La X2 vi darà un handling sportivo e un piacere di guida divertenti. Questa BMW X2 è divertente quanto la BMW Serie 2? certo che no, ma non ci arriva poi così lontana – riuscendo a essere tra le migliori del suo segmento, tra l’altro -.

La BMW X2 sicuramente aveva contro parecchi elementi durante il primo debutto. Non solo questo è un altro crossover coupè – un tipo di veicolo che non piace gli appassionati. Tuttavia, possiamo assicurarvi che dopo averla guidata, questa BMW X2 riuscirà a invertire le tendenze. La BMW X2 è un’auto sorprendentemente buona e molti fan dovranno almeno guidarla prima di decidere se amarla o odiarla.

About Luca Corsini

Entrato nello staff di BMWPassion a settembre 2017, possiedo una forte passione per le auto ma anche per la tecnologia in generale, cosa che mi consente di seguire l'evoluzione del mercato automobilistico con estremo interesse. Ogni muletto avvistato fa scalpitare il cuore e ogni test drive fa tremare le gambe come se fosse il primo, ma la razionalità che mi caratterizza mi consente di analizzare ogni auto nei suoi minimi dettagli.

Vedi anche

Freni BMW M: Ecco come usarli

Come usare i freni BMW M – VIDEO

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Molti di voi potrebbero pensare che ...

La BMW M4 Cabrio avrà un tettuccio in tela

Tettuccio in tela per la BMW M4 Cabrio G82

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn A favore di una costruzione leggera ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *