mercoledì , 20 giugno 2018
Home » BMW NEWS » PRIMA MONDIALE: Rolls Royce Cullinan – Lusso ovunque

PRIMA MONDIALE: Rolls Royce Cullinan – Lusso ovunque

I tradizionalisti di Rolls Royce sicuramente scuoteranno la testa all’idea di un SUV. La parola “utility” non dovrebbe mai stare nella stessa riga col marchio “Rolls Royce”, figuriamoci se tale parola servisse per descriverne una. Tuttavia eccoci qui. Nominata col nome del più grande diamante del mondo presente tra i gioielli della corona britannica, la Rolls Royce Cullinan è il primissimo SUV del brand. a dire il vero, Rolls Royce preferisce chiamarla “vettura di lusso rialzata per fuori strada”, cioè la descrizione più congeniale per la Cullinan. In ogni caso, i tradizionalisti non dovrebbero storcere il naso verso la Rolls Royce Cullinan, perchè è proprio ciò di cui il brand aveva bisogno.

“Lo stile di vita del lusso si sta evolvendo e Rolls Royce con esso. Il lusso non è più solo un concetto urbano, ma abbraccia anche il resto del mondo. I nostri clienti si aspettano di potersi muovere ovunque rimanendo in un ambiente lussuoso, senza compromessi e in modo di superare senza fatica qualsiasi tipo di terreno, in modo di godersi la vita come mai prima in luoghi totalmente differenti. Per questo motivo, ci è stato chiesto di creare una Rolls Royce che offrisse un lusso estremo anche durante gli spostamenti più stravaganti. Questa Rolls Royce Cullinan è la risposta.” ha detto il CEO di Rolls Royce, Torsten Müller-Ötvös.

Innovare il lusso è qualcosa che Sir Henry Royce ha sempre voluto fare. “Cercate la perfezione in qualsiasi cosa facciate. prendete il meglio esistente oggi e miglioratelo. Quando il meglio non esiste, createlo”. Ecco perchè anche se un SUV potrebbe sembrare fuori dalle corde del brand britannico, non è qualcosa da escludere.

La Rolls Royce Cullinan è costruita su un’architettura di lusso fatta totalmente in alluminio, la stessa che sta alla base della Phantom VIII. Secondo Rolls Royce, la Cullinan è il primissimo SUV “a tre scompartimenti” del settore. Una vetrata separa il passeggero dallo scompartimento per i bagagli, in modo da isolare il passeggero dal resto, dato che sarebbe poco elegante per una persona VIP. Questo concetto è così accentuato che il bagagliaio viene chiamato “the Clasp” (la fibbia, il gancio), dato che i bagagli vengono “agganciati” in modo da non potersi muovere e in modo di non invadere il comfort del passeggero in alcun modo.

I passeggeri posteriori verranno trattati come se fosse una configurazione di uno o due posti, ovvero nelle configurazioni Lounge Seat o Individual Seat. Nel primo caso, i sedili formano la classica “panca”, adatta alle famiglie. Nel secondo, i sedili posteriori sono “singoli” e si possono abbattere per avere più spazio per i bagagli, per la prima volta nella storia di Rolls Royce. Ovviamente, i sedili si abbattono automaticamente alla pressione di un tasto nel bagagliaio, coi poggiatesta che si alzano in modo di non rovinare i preziosi sedili. I sedili potranno essere abbattuti in configurazioni 1/3, 2/3 e 3/3.

Ciò che è interessante è che i sedili sono collocati su un livello più alto rispetto al bagagliaio, evitando che i bagagli vadano a finire nella zona passeggeri anche con i sedili abbattuti. Certo, il piano di carico non sarà piatto ma a bordo della Cullinan ciò poco importa, dato che si tratta di un SUV dal lusso estremo e di conseguenza è più importante preservare il comfort dei passeggeri. Anche se probabilmente non importerà a nessuno, la Cullinan ha una capacità di carico di 560 litri, che diventano 600 rimuovendo la cappelliera.

Una cosa che amiamo di Rolls Royce è l’attenzione ai dettagli, come quella che ha fatto dichiarare in conferenza stampa non la facilità di trasporto di un abito o di un passeggino, ma la possibilità di poter accogliere con attenzione “un pezzo d’arte di Mark Rothko oppure un nuovissimo artefatto appena scoperto”. Inoltre Rolls Royce ha voluto tirare una frecciatina alla rivale Range Rover Vogue a passo lungo, dicendo che la Rolls Royce Cullinan possiede una capacità di carico superiore.

Se decideste di optare per i sedili individuali al posteriore, disporrete di due troni separati da una console centrale, che offre un frigorifero per lo champagne assieme a dei bicchieri per il whiskey, dei flute per lo champagne e un decanter. I due sedili possiedono infinite regolazioni, in modo da essere i più comodi possibile.

Tornando alla vetrata che separa i passeggeri dal “ritrovamento archeologico”; non solo serve a tenere i passeggeri distanti dai loro bagagli, ma anche a creare un ambiente più comfortevole, dato che la Cullinan non deve riscaldare-raffreddare anche il bagagliaio, consentendo un cambio di temperatura più veloce. Inoltre, se fuori facesse troppo caldo, ciò garantirebbe un comfort eccellente anche in fase di carico-scarico dei bagagli, mantenendo al fresco (o al caldo) i passeggeri.

Chi può dimenticarsi dei sedili da picnic posizionati nel bagagliaio? La “Viewing Suite” consiste in due sedili e un tavolino estraibili nascosti nel bagagliaio. Ciò consente a due persone di sedersi e di godersi una vista favolosa senza dover montare tende o cose del genere. Come optional è disponibile in “recreation module”, che può accomodare diverse attività ricreative in modo da averle sempre disponibili, come la pesca con la mosca, la fotografia, l’arrampicata e simili.

In generale è evidente che Rolls Royce si sia concentrata sul comfort posteriore come mai prima d’ora. Allo sblocco delle portiere, l’auto si abbasserà di 40 mm in modo da facilitare l’ingresso a bordo. Una volta dentro, le portiere si chiudono automaticamente e la vettura si rialza.

Una volta dentro, i passeggeri sono accolti dagli stupendi interni tipici di Rolls Royce, anche se non si è ai livelli della Phantom. La phantom è su un altro livello, se si parla di pura bellezza, per colpa dell’aspetto “SUV” di questa Cullinan, quanto meno per una Rolls Royce. Non fraintendeteci, gli interni sono comunque favolosi, ma manca qualcosa, come la nuova e famosissima galleria d’arte integrata che troviamo nella Phantom.

Al lato posteriore, i sedili individuali sono spettacolari e assicuriamo che c’è qualcosa di unicamente lussurioso nel sedersi come passeggero su una Rolls Royce, qualcosa che nessun altro brand al mondo possiede. In questo caso, l’altezza da terra vi consentirà di guardare tutti dall’alto verso il basso letteralmente. Certo, non potremmo permetterci nemmeno il simbolo dell’Estasi sul cofano di un’auto del genere, ma possiamo cercare di capire il fascino che si prova a bordo.

Ciò che è straordinario è che a bordo c’è comunque spazio per qualcosa di utile. Per esempio, la parte superiore della plancia è fatta in una particolare pelle molto resistente e impermeabile, utilizzata solitamente per i bagagli italiani di un certo rilievo, quindi il passeggero non dovrà preoccuparsi di rovinare l’auto nemmeno dopo una sciata.

Sotto il cofano si nasconde una configurazione molto simile a quella che sta sotto la Phantom VIII, con lo stesso motore 6750cc V12 biturbo da 563 cavalli e 850 Nm di coppia. Ad accompagnare il motore è presente un cambio automatico a otto rapporti e un sistema a trazione integrale appositamente studiato.

Dopo aver visto la Rolls Royce Cullinan, affermiamo che per Rolls Royce un SUV può avere perfettamente senso, anche se prima un’idea simile era tabù. Comodità assieme a un lusso sfrenato rendono la Cullinan praticamente perfetta, dato che rappresenta il vero, genuino lusso. Ovunque.

About Paolo Colucci

Fondatore del primo forum BMW in Italia nel 2002 è da sempre appassionato del marchio bavarese di cui continua a coltivarne l'interesse e promuovendo eventi e raduni per la propria community

Vedi anche

BMW M850i xDrive a €125.700 in Germania, la 840d a €100.000

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Gli altri prezzi di listino della ...

Nuova BMW M850i sul circuito di Le Mans

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn A Le Mans per la sua ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *