domenica , 5 aprile 2020
Home » BMW i » SPY: BMW i4 – gli interni si… sdoppiano

SPY: BMW i4 – gli interni si… sdoppiano

Una delle auto più attese per gli appassionati del brand bavarese è sicuramente la BMW i4. Non solo perché probabilmente lancerà un design che verrà adottato da tutte le vetture durante il corso del prossimo decennio, ma anche per ciò che si celerà sotto la carrozzeria. Questa sarà la primissima vettura di BMW, facente parte della gamma principale, totalmente elettrica (si affiancherà al segmento della BMW Serie 4) e ci svelerà se BMW avrà fatto a dovere i compiti per sviluppare una berlina elettrica al tempo stesso efficiente e piacevole da guidare.

Nel frattempo, i test della futura BMW i4 continuano e in particolare i bavaresi vogliono stressare le batterie tramite l’uso di temperature estreme.

Fortunatamente, un ragazzo è riuscito ad approfittare del finestrino abbassato di un muletto per un paio di secondi, in modo da ritrarre praticamente per intero gli interni del prototipo. Successivamente, Bimmerpost si è occupata di caricare tutto online.

A quanto pare, gli interni e in particolare la console centrale della vettura cambieranno e non poco. Dalle fotografie possiamo vedere un’impostazione a due schermi molto simile a quella adottata da Mercedes-Benz. Il resto sembra preso di pari passo dall’abitacolo della nuova BMW Serie 3, ma potrebbe essere solo una situazione temporanea.

In ogni caso, al lancio della BMW i4, sicuramente i bavaresi avranno studiato e implementato un design degli interni nuovo e unico, che dovrà rispecchiare l’anima della vettura. La futura BMW i4 dovrebbe montare batterie da 80 kWh che alimenteranno uno (o più) motore(i) per una potenza totale di 530 cavalli. Questa eccezionale potenza permetterà alla vettura di percorrere lo 0-100 in 4 secondi, ma senza sacrificare l’autonomia che sarà di 550 km. Le specifiche tecniche saranno svelate solo verso la fine dell’anno.

About Luca Corsini

Entrato nello staff di BMWPassion a settembre 2017, possiedo una forte passione per le auto ma anche per la tecnologia in generale, cosa che mi consente di seguire l'evoluzione del mercato automobilistico con estremo interesse. Ogni muletto avvistato fa scalpitare il cuore e ogni test drive fa tremare le gambe come se fosse il primo, ma la razionalità che mi caratterizza mi consente di analizzare ogni auto nei suoi minimi dettagli.

Vedi anche

BMW e il sogno del volante mutaforma

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Fin da quando Bertha Benz guidò per ...

Il designer della BMW i8 lascia Monaco per unirsi a Kia

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn L’ex designer di BMW Jochen Paesen ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *