lunedì , 23 aprile 2018
Home » Novità su BMW e MINI » NAUTO: la StartUp di BMW, Toyota ed Allianz

NAUTO: la StartUp di BMW, Toyota ed Allianz

nauto-startup BMW, Toyota, Allianz

NAUTO: la StartUp di BMW, Toyota ed Allianz per la guida autonoma intelligente

NAUTO: la StartUp di BMW, Toyota ed Allianz per la guida autonoma intelligente.

Toyota, BMW e l’assicuratore Allianz avranno in licenza la tecnologia della Start-Up di Silicon Valley Nauto, che utilizza telecamere e sistemi di intelligenza artificiale in auto per comprendere il comportamento dei conducenti. L’amministratore delegato di NAUTO, Stefan Heck, ha detto a Reuters che le case automobilistiche e l’assicuratore, integreranno la tecnologia nei loro veicoli test ed utilizzare l’aggregato di informazioni e dati anonimi – sia sulle abitudini di guida, intersezioni difficili, o congestione del traffico – per contribuire a sviluppare le loro strategie di veicoli autonomi.

I termini dell’accordo non sono stati resi noti, ma le parti hanno ciascuna una partecipazione in Nauto. BMW è rappresentata dalla sua divisione venture – BMW i Ventures . Un’altra casa automobilistica ha partecipato al round di finanziamento, ma è rimasto senza nome.

L’attuale sistema di Nauto, utilizzato dai clienti di flotte commerciali come ad esempio la “San Francisco Citywide” di taxi, utilizza un dispositivo $ 400 attaccato al parabrezza che comprende una piccola telecamera ed sistema di visione computer-based, con apprendimento automatico, per raccogliere ed elaborare i dati. Il sistema è in grado di rilevare il comportamento, come bere o l’invio di sms, ed avvisare i guidatori di non avere certi comportamenti. Il sistema aiuta gli assicuratori per la valutazione del rischio, la prevenzione delle frodi e per poter premiare i buoni guidatori.

In futuro, l’azienda della Silicon Valley si propone di integrare il proprio software direttamente nel computer di bordo, con i dati che vengono condivisi e analizzati via “Cloud”.

La società ha ricevuto una serie di finanziamenti pari a 12 milioni di dollari nel mese di aprile. La stessa società afferma che altre case automobilistiche possono costruire le proprie applicazioni sulla base di quella del software Nauto.

About Michele Picariello

Ingegnere Meccanico con la passione per la scrittura. Si dedica da tempo alla ricerca di informazioni tecniche e commerciali per il mondo BMW e le realtà ad esso connesse.

Vedi anche

Un’incredibile MINI R56 con il motore V8 della BMW M3 E92

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Le MINI sono sempre state auto ...

Arriveranno altri sei modelli BMW a trazione anteriore

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Abbiamo recentemente parlato della prossima BMW ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *