giovedì , 15 novembre 2018
Home » BMW NEWS » MINI suggerisce l’uso di tecnologie per la guida autonoma in pista

MINI suggerisce l’uso di tecnologie per la guida autonoma in pista

Il problema della guida autonoma sta procurando a un sacco di gente dei bei mal di testa. Per quei brand che offrono automobili semplici (quelle che ti devono portare dal punto A al punto B), ciò potrebbe anche sembrare una benedizione dal cielo; una Corolla che diventa completamente autonoma non suona così strano come lo sarebbe per una Porsche 911. La stessa regola (su una scala differente, ovviamente) vale per il brand MINI, conosciuto proprio per le emozioni che offre alla persona dietro al volante.

Ecco cosa il vice presidente di MINI, Sebastian Mackensen, ha suggerito a margine del motor show di Francoforte, parlando di assistenza sulle auto:

“è qualcosa che penso non dovrebbe essere implementata per prima da MINI. Perché MINI si è sempre interessata soprattutto del piacere di guida e Mini vuole che abbiate il volante nelle vostre mani, il controllo dell’auto e vuole farvi percepire ancora delle emozioni di guida con il vostro mezzo o quando premete l’acceleratore in determinati modi. Dal punto di vista emozionale, la guida autonoma non è una grande cosa per il marchio MINI”.

Quindi, per MINI, l’incombenza della guida autonoma assomiglia a una tempesta in arrivo. Però, con qualche pensata creativa, tutto ciò potrebbe anche diventare un vantaggio.

“Sapete quanto sono brave le persone a guidare? Sicuramente meno di un pilota professionista, quindi se la vostra auto autonoma riuscisse a portarvi in pista, portando la vettura sempre al limite, ma senza mai uscire di pista in modi che non potreste immaginare, forse potreste provare delle esperienze con la vostra MINI che non avreste mai provato altrimenti, non è vero? In ogni caso, stiamo andando troppo oltre, non credo che MINI sarà tra le prime auto autonome, saremo quasi sicuramente il fanalino di coda”

ha detto Mackensen, offrendo uno spunto interessante su un possibile utilizzo delle tecnologie autonome.

Ciò è qualcosa con cui invece Audi ha già avuto a che fare, quando hanno letteralmente lanciato un’Audi RS7 comandata da un computer su una pista percorrendola nel modo più veloce possibile. Audi era così sicura delle loro auto che ha addirittura offerto delle corse in taxi a coloro che volevano testarle, e sembrerebbe anche che i piloti si siano divertiti (come passeggeri). Quale sarà lo scenario futuro per le creazioni di Mini, non si può sapere, ma tutto sommato non sembra così male.

About Paolo Colucci

Fondatore del primo forum BMW in Italia nel 2002 è da sempre appassionato del marchio bavarese di cui continua a coltivarne l'interesse e promuovendo eventi e raduni per la propria community

Vedi anche

BMW M140i vs Hyundai i30N – il test di Top Gear

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Riuscite a credere ai vostri occhi? ...

BMW Z4 M40i – la migliore cabrio sul mercato?

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn 10 anni fa, BMW presentò la ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *