mercoledì , 14 novembre 2018
Home » Motorsport » BMW Z4 GT3: leader di categoria alla 24h di Spa

BMW Z4 GT3: leader di categoria alla 24h di Spa

BMW Z4 GT3

BMW Z4 GT3: leader di categoria nelle prime quattro ore di gara della storica 24h di Spa-Francorchamps

BMW Z4 GT3,nella gara di 24 ore presso il leggendario circuito di Spa-Francorchamps in Belgio, è in pieno svolgimento e viva d’azione. Gli spettatori hanno visto continuamente mutevoli condizioni meteorologiche, una grande quantità di incidenti e tre Safety Car, i quali hanno mescolato le carte in campo veramente per bene. Dopo la prima fase da “mangiarsi le unghie” della gara, Maxime Martin (BE), Augusto Farfus (BR) e Dirk Werner (DE) da BMW Sports Team Trophy Marc VDS sono i piloti BMW meglio posizionati. Alla guida della vettura numero 45, una BMW Z4 GT3, sono attualmente al terzo posto generale.

A causa di un forte acquazzone che aveva iniziato sul circuito di Spa nelle prime ore del mattino, le condizioni della pista di 7,004 chilometri erano estremamente difficili. Al via Martin è stato in grado di dimostrare ancora una volta la sua classe pura. Il pilota della BMW DTM ha giocato i suoi punti di forza in condizioni di bagnato, messo in fila una serie di rapidi tempi sul giro, ha migliorato la sua posizione di partenza dalla decima posizione fino ad arrivare in testa. Tuttavia, non per colpa sua, ha perso tempo prezioso sotto la Safety Car – anche questo è esattamente quello che è successo per la seconda vettura iscritta da BMW Sports Team Trophy Marc VDS, guidata dal pilota Lucas Luhr (DE). Entrambe le BMW Z4 GT3 hanno occupato le prime due posizioni al giro 37 prima di andare ai box contemporaneamente mentre l’intero circuito era in condizioni di bandiera gialla. Dopo quattro ore, la vettura numero 46, una BMW Z4 GT3 condiviso da Nick Catsburg (NL), Lucas Luhr (DE) e Markus Palttala (FI), era scesa di nuovo al 30 ° posto.

Dopo l’inizio turbolento alla gara, sei BMW Z4 GT3 erano posizionate tra i primi 20. Sembrava una gara promettente per il Team Russia by Barwell. Leonid Machitski (RU), Jon Minshaw (GB), Phil Keen (GB) e il pilota di partenza Jonathan Cocker (GB)  hanno mantenuto il quinto posto, equivalente alla testa della categoria Pro-Am, dove loro competono.
Alexander Sims (GB), Alasdair McCaig (GB), Devon Modell (GB) e Oliver Bryant (GB) by Ecurie Ecosse, hanno anche mostrato una performance impressionante al via della gara. Sims, sulla vettura 79, aveva iniziato dal 20 ° posto, ma dopo dieci minuti di gara aveva combattuto fino al 12 °.
La prima apparizione della Safety Car è arrivata quando una Ferrari ha lasciato la pista all’ottavo giro e ha colpito le barriere. Sims è stato in grado di passare al decimo posto alla ripartenza.
Si è fermato ai box al giro 14 quando la Safety Car, che è rimasto in pista per altri 16 giri, è apparsa per la seconda volta. Dopo il secondo restart Sims è stato in grado di trasferirsi temporaneamente al primo posto, ma dopo quattro ore di gara, la vettura numero 79, ha mantenuto la decima posizione.

Nella loro prima apparizione insieme ad una gara di 24 ore, Alessandro Zanardi (IT), Timo Glock (DE) e Bruno Spengler (CA) hanno mostrano una buona prestazione. Spengler sulla BMW Z4 GT3 numero 9,  aveva superato il tempo ottenuto nel warm up. Nei giri di apertura della gara di 24 ore il pilota ha mantenuto la calma in condizioni difficili ed era quinto quando si è fermato nel corso della seconda fase di Safety Car. Dopo quattro ore di auto da corsa, il “Dream Team” era al 15° posto.

Anche nella top 20 sono stati Eric Dermont (FR), Henry Hassid (FR), Franck Perera (FR) e Mathias Beche (FR) del Team TDS Racing. I quattro piloti della numero 12 BMW Z4 GT3 occupavano il 16 ° posto dopo quattro ore in gara. Due posti dietro, al 18 ° posto, c’era la numero 77 della BMW Sporting Team Trophy Brasile. Sergio Jimenez (BR), Felipe Fraga (BR) e Caca Bueno (BR), che ha iniziato la gara per la squadra, sono i driver di questa BMW Z4 GT3.

Più indietro nelle posizioni c’è il team Triple Eight Racing, che ha ricevuto una penalità drive-through per violazione delle norme pit-lane. Joe Osborne (GB), Ryan Ratcliffe (GB), Lee Mowle (GB) e il driver di partenza Dirk Müller (DE) avevano il 33 ° posto dopo quattro ore in gara.
Classic & Modern Racing, con Jean-Luc Blanchemain (FR), Pierre Hirschi (CH), Frederic Bouvy (BE) e il driver di partenza Christian Kelders (BE) in macchina, erano in 46 ° posizione.

Un’altra BMW Z4 GT3, sta correndo con i leggendari piloti BMW, ed ha anche completato il suo primo stint della gara. Il “Marc VDS & Friends Race Against the Cancer”, che stava prendendo parte a beneficio di una gara di carità per la battaglia del cancro in Belgio, ha completato i primi 24 minuti di gara, come previsto.Jean-Michel Martin (BE) poi portato la vettura al garage, mentre ha preso parte alla competizione con Pascal Witmeur (BE), Eric van de Poele (BE) e Marc Duez (BE) nella loro propria versione della vettura da gara per la 24 ore. Sabato sera, Domenica pomeriggio ed alla fine della gara che completeranno un periodo di lavoro di 24 minuti della BMW Z4 GT3 numero 240.

D’altra parte, la BMW Z4 GT3 numero 15 di Boutsen / Ginion ha avuto sfortuna. Al giro 14, il pilota d’inizio gara Karim Ojjeh (SA) è arrivato nello stesso punto in cui la Ferrari era uscita di pista poco prima ed ha colpito le barriere. Ciò significava che per Ojjeh, Olivier Grotz (LU), Jordan Grogor (AE) e Ralf Oeverhaus (DE), la gara era giunta al termine in maniera prematura, dopo solo mezz’ora di azione.

A causa di incidenti e  per le difficili condizioni meteo, un totale di 27 giri sono stati completati dietro la Safety Car.

About Michele Picariello

Ingegnere Meccanico con la passione per la scrittura. Si dedica da tempo alla ricerca di informazioni tecniche e commerciali per il mondo BMW e le realtà ad esso connesse.

Vedi anche

BMW M5 F90 da 800 CV grazie a G-Power

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn I ragazzi di G-Power ci hanno ...

PRIMISSIMA: BMW Z4 sDrive20i, sDrive30i e M40i

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Come ci si poteva aspettare, la ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *