martedì , 12 novembre 2019
Home » Accessori e optional » BMW al Mobile World Congress 2019: interazione naturale e “Multimodale”

BMW al Mobile World Congress 2019: interazione naturale e “Multimodale”

Ennesima presenza di BMW al Mobile World Congress 2019, dove viene presentata la BMW Natural Interaction.

BMW al Mobile World Congress 2019

Per BMW è ormai diventata una tappa fissa la presenza al MWC di Barcellona. La fiera che ogni anno si tiene nella stupenda città catalana è il luogo ideale per tutti i maggiori brand del mondo dove presentare le innovazioni tecnologiche raggiunte in qualsiasi campo del mercato globale. Quest’anno la presenza di BMW al Mobile World Congress 2019 è concentrata totalmente alla presentazione di una nuova tecnologia detta “BMW Natural Interaction“, in grado di combinare le più avanzate tecnologie di riconoscimento vocale sul mercato con un migliorato sistema di “gesture control” e con un innovativo sistema di tracciamento del movimento oculare. La prima vettura che potrà vantare tale tecnologia a bordo sarà la BMW iNEXT, in vendita a partire dal 2021.

Grazie alla BMW Natural Interaction, il guidatore potrà interagire con il sistema infotainment della propria BMW in un modo incredibilmente intuitivo e naturale. Ciò è possibile non solo utilizzando le tecnologie citate precedentemente in modo tradizionale, bensì combinandole tra di loro.

BMW al Mobile World Congress 2019

E’ proprio a questo che ci riferisce quando si parla di “interazione naturale e multimodale“. Questa nuova tecnologia vi permetterà di comunicare con l’auto proprio come fareste con una persona reale. Uno degli esempi più convincenti è replicato nell’immagine inserita proprio qui sopra.
Potrete chiedere informazioni riguardanti un edificio, una strada o un monumento semplicemente indicandolo con un dito e dicendo “ulteriori informazioni”.

Tramite questa incredibile tecnologia che impara nel tempo, sarà il conducente a decidere come interagire con la propria vettura e non il contrario. Quando sarà attiva una chiamata in vivavoce, la vettura saprà che il conducente comunicherà con essa tramite gesture, per esempio, mentre quando le condizioni atmosferiche saranno avverse, sarà meglio ignorare i comandi  provenienti dal movimento del volto.

A proposito di quest’ultimo metodo di input, tramite il movimento facciale potrete per esempio alzare il climatizzatore, aprire e chiudere il tettuccio o addirittura puntare lo sguardo verso un pulsante e chiedere “a cosa serve”?

About Luca Corsini

Entrato nello staff di BMWPassion a settembre 2017, possiedo una forte passione per le auto ma anche per la tecnologia in generale, cosa che mi consente di seguire l'evoluzione del mercato automobilistico con estremo interesse. Ogni muletto avvistato fa scalpitare il cuore e ogni test drive fa tremare le gambe come se fosse il primo, ma la razionalità che mi caratterizza mi consente di analizzare ogni auto nei suoi minimi dettagli.

Vedi anche

High Speed Driving Experience – In pista con BMW M4, M2 e M850i (con Cameo della BMW X4 M)!

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Oggi (25 ottobre 2019) è stata ...

BMW M3 sul mercato a inizio 2021

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn La prossima generazione della BMW M3 ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *