Home » BMW NEWS » BMW 635CSi Hartge – una rarità sensazionale

BMW 635CSi Hartge – una rarità sensazionale

Negli anni ’80 e ’90, mettere a punto un’auto era molto più difficile di quanto lo sia oggi. Il più delle volte si richiedeva una conoscenza scrupolosa di come spremere ogni singolo cavallo da un motore, senza semplicemente cambiare la mappa della centralina come succede oggi. Quando si trattava di modelli BMW, pochi erano così preparati come i ragazzi di Hartge. Questo team ha creato dei kit davvero fantastici per una vasta gamma di BMW e alcuni dei loro lavori sono unici nel loro genere, come testimonia ad esempio la Hartge F1.

Questa BMW 635CSi fu un’altra delle loro rare creazioni. La BMW 635CSi standard era ovviamente meno potente della BMW M6 (o M635Ci) in termini di potenza, ma questo perché il motore alla base delle due vetture era diverso (Hartge utilizzò un motore M30 a sei cilindri in linea, mentre la M6 utilizzava il motore M88 montato anche sulla mitica BMW M1).

Il motore da 3,4 litri è stato ritoccato diverse volte negli anni, tanto da passare da 208 CV di potenza fino a 217 CV, raggiunti tra il 1987 e il 1989. In questo caso, Questa BMW 635CSi costruita nel 1983 erogava 215 CV di potenza e 310 Nm di coppia. Grazie alle modifiche di Hartge, la 635CSi raggiunse una potenza di 250 CV e una coppia di 450 Nm (incredibile per l’epoca). Anche la velocità massima aumentò, toccando quota 240 km orari.

Il kit completo di Hartge non includeva soltanto un upgrade al motore, ma anche agli scarichi, ai cerchi, alle sospensioni e al vano motore (grazie a delle barre di rinforzo). All’interno dell’abitacolo si possono notare alcune personalizzazioni importanti, come un nuovo volante e un nuovo pomello del cambio.

About BMWPassion

Vedi anche

BMW M4 G82 – Foto Spia in Frozen Blue

Sembra che per la prossima BMW M4 G82, saranno ancora una volta disponibili alcune vernici ...

VIDEO: BMW Z4 vs Porsche Cayman, Audi TT RS e Jaguar F-Type

I ragazzi di Fifth Gear producono video su belle auto ormai da anni e, anche ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *