Home » BMW NEWS » Basta cavalli, vogliamo più leggerezza!

Basta cavalli, vogliamo più leggerezza!

Chi non si ricorda le riviste automobilistiche di un tempo? Quelle che sulla copertina sfoggiavano la nuova supercar del momento, raccontando di come riuscisse a superare l’impressionante quota di 500 cavalli! Ai tempi, così tanta cavalleria era un traguardo a dir poco impensabile per una vettura. Una BMW M3 E46, uscita soltanto poco più di vent’anni fa, raggiungeva quota 333 cavalli e si parlava di numeri da capogiro, mentre ora una BMW M850i (una vettura M Performance, non sviluppata dalla divisione M!) ne vanta un numero ben superiore.

In questi anni abbiamo vissuto dei progressi da gigante tecnologicamente parlando. I motori odierni sono molto più efficienti, i turbopropulsori sono fantastici e molto meno costosi rispetto a un tempo. Tutto questo ha portato le varie case automobilistiche che producono vetture sportive allo sfidarsi a campo aperto per quanto riguarda la pura potenza in cavalli delle proprie auto.

Tuttavia, questa sfrenata corsa ai cavalli sarà destinata a rallentare, per diverse ragioni. Prima di tutto, si è praticamente raggiunto il limite massimo di accelerazione sopportato dalle auto di oggi. Certo, ci sono alcune supercar elettriche / ibride che possono percorrere lo 0-100 in 2 secondi invece di due, ma quanto in basso ci si potrà ancora spingere? E inoltre, chi vorrebbe andare ancora più veloce di così? Le performance di un’auto che può viaggiare in strada dovrebbero essere concepite per divertire il guidatore. Un’accelerazione ancora maggiore, per quanto possa renderti fico, non solo diventa pericolosa e difficile da gestire, ma anche poco godibile.

Anche la velocità massima sta diventando irrilevante. Certo, è interessante vedere una Bugatti superare per l’ennesima volta i record assoluti di velocità, ma quanto è davvero importante nella vita di tutti i giorni? C’è qualcuno di voi che ha davvero superato i 300, o peggio, i 250 km orari nell’ultimo mese? Basta potenza, ciò che vogliamo è divertirci alla guida con auto più leggere e maneggevoli.

Ricordate le parole di Colin Chapman? “Simplify, then add lightness”. È proprio ciò che dovrebbero fare le case automobilistiche per competere tra di loro. Dimenticatevi la potenza massima, competete per vedere chi riesce a far “dimagrire” di più le proprio auto. Concorrete sulla creazione del telaio più leggero e dinamico a parità di profitto. Concorrete nel creare la supercar che fa davvero battere il cuore senza bisogno di leggere una scheda tecnica.

McLaren ultimamente si è mossa proprio verso questa direzione grazie alla Speedtail. Per quanto il suo look abbia diviso in due gli appassionati e anche la stampa (credo che sia favolosa), non c’è dubbio sul fatto che gli ingegneri e i designer abbiano lavorato con una minuzia incredibile per comporre il design dell’auto. La sua aerodinamicità è impressionante e anche se, ovviamente, i cavalli sono tanti, non è questo il punto focale dell’auto. McLaren si è concentrata soprattutto nel rendere la Speedtail quanto più leggera ed aerodinamica possibile, tanto da riuscire a competere con la Bugatti Chiron pur possedendo molta meno potenza bruta.

Se tutti i costruttori di automobili adottassero questa filosofia anche per le vetture più alla portata di tutti, sarebbe fantastico. L’esempio perfetto è l’Alpina A110. La piccola sportiva francese ha catturato i cuori di tantissimi appassionati di motori grazie alla sua semplicità. La A110 utilizza un piccolissimo motore 1800cc turbo a quattro cilindri con poco più di 200 cavalli, ma è incredibilmente leggera, veloce e estremamente divertente. Se Renault può produrre un capolavoro simile, credete davvero che BMW, Audi o Mercedes non siano in grado di farlo?

Diminuire il peso di una vettura la migliora in ogni modo. A parità di prestazioni, sarà necessario un motore meno potente e costoso e sarà persino più efficiente dal punto di vista dei consumi, venendo incontro alle stringenti normative europee. L’aerodinamica ovviamente è anch’essa un alleato prezioso, basta guardare le forme futuristiche ma al tempo stesso favolose della Speedtail.

Ovviamente non è tutto così facile come lo si vuole far pensare. Chiunque vorrebbe rendere le auto che produce più leggere, ma le normative di sicurezza per gli incidenti, gli elevati standard di comfort ai quali siamo abituati e tutti gli ammennicoli tecnologici che possediamo nei nostri abitacoli sono ormai obbligatori per rimanere competitivi sul mercato. E questo è proprio il motivo che ha spinto i produttori a investire così tanto in nuovi motori molto più potenti, per compensare il peso sempre più crescente delle proprie auto. Tuttavia, mantenere un’auto leggera non è così impossibile, come dimostrano la già citata Alpina A110 e la Mazda MX-5.

Con l’esplosione sul mercato delle vetture elettriche, rendere le auto il più leggere possibile sarà ancora più di vitale importanza, quindo sono fiducioso del fatto che le aziende torneranno ad investire in questo settore. Basta che, anche solo per un po’, l’attenzione non si focalizzi più sulla forza bruta, ma sul divertimento.

About BMWPassion

Vedi anche

BMW Serie 5 e X1 – modelli elettrici in sviluppo

Non molto tempo fa, BMW ha finalmente confermando l’imminente arrivo della prossima generazione della BMW ...

BMW X5 – idrogeno in arrivo nel 2022

Anche oggi, BMW ha confermato ancora una volta che una variante della BMW X5 alimentata ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *