lunedì , 19 novembre 2018
Home » Classiche » Charly Lamm compie 60 anni: “Non mi pento di un solo secondo di quello che ho sperimentato nelle corse automobilistiche.”

Charly Lamm compie 60 anni: “Non mi pento di un solo secondo di quello che ho sperimentato nelle corse automobilistiche.”

Lamm
Charly Lamm sembrava destinato a seguire i suoi vecchi fratellastri Josef e Herbert Schnitzer in Motorsport. BMW e Schnitzer Motorsport hanno goduto di una partnership di successo in pista dal 1960. Tuttavia, l’uomo che oggi guida il BMW Team Schnitzer nel DTM è andato per la sua strada. Spinto dalla passione, meticolosità e il desiderio di scoprire il mondo. Oggi Charly Lamm festeggia il suo 60 ° compleanno.

Signor Lamm, potremmo iniziare chiedendole dei vostri ricordi più belli. Ma non lo faremo. Invece, ci piacerebbe sapere se si fosse pentito di farsi coinvolgere nel motorsport?

Charly Lamm: “Non rimpiango un solo secondo di quello che ho sperimentato nelle corse automobilistiche. Affatto. Tuttavia, ci sono ovviamente stati alcuni momenti che avrei preferito si svolgessero in maniera diversa. Quando avevo 14 anni, sono stato assunto dal team per fare tutti i lavori di pulizia. Preparare le ruote da corsa in magnesio, in particolare, era un compito incredibilmente noioso. I miei compagni di scuola erano fuori a giocare a calcio, mentre io ero in garage. Tuttavia, è stato sempre e solo per un breve periodo. ” 

Più tardi, il motorsport le ha fatto conoscere il mondo …

Lamm: “Esatto, e cioè quando inizia il lato fantastico di questo lavoro. La nostra città natale di Freilassing è un posto tranquillo. Tuttavia, ben presto divenne chiaro che la nostra squadra corse mi avrebbe offerto la possibilità di uscire, scoprire nuovi luoghi e ampliare il mio orizzonte. Questa prospettiva mi ha veramente emozionato, e ha dominato il ritmo della mia vita fin dalla mia giovinezza. Quando stavamo correndo in America o in Asia in seguito, ho spesso trascorso un’altra settimana con il mio zaino sulla schiena, facendo un po’ di viaggi personali. Sono stato molto fortunato in questo senso. ” 

Quindi, il motorsport è qualcosa di più di un semplice desiderio di distinguersi sul gradino più alto del podio?

Lamm: “L’unità e la voglia di vincere è sempre lì, ed è una spinta molto centrale. Questo vale anche per i meccanici, gli ingegneri e me come team manager. Tuttavia, ho sempre cercato di guardare il quadro più ampio. Forse è perché non ho inizialmente fatto il mio apprendimento come tecnico, ma sono stato in grado di portare altri punti di forza nell’equazione. Potrei usare la mia conoscenza delle lingue in pista, la mia capacità come cronometrista, o il mio talento organizzativo. Solo nel corso degli anni ho acquisito gli elementi di ingegneria e di assumersi responsabilità. E’ stato il contrario per il mio fratello gemello Dieter: fin dall’inizio era più interessato al lato manuale e tecnico delle cose. Abbiamo sempre condiviso l’immensa gioia di vincere una gara “. 

Quando hai avuto la tua prima vittoria come boss del team?

Lamm: “1976 nel Campionato Mondiale Sportscar con la BMW 3.5 CSL Coupé. Josef e Herbert erano impegnati con la Formula 2 e il DRM, così ho preso la responsabilità esclusiva per la prima volta nella nostra gara di Spielberg. C’è stato un incidente nella prima sessione di prove libere, dopo che la squadra ricostruì nostra BMW Coupé in due notti, Dieter Quester e Gunnar Nilsson ha ottenuto la vittoria.
E’ stata un’esperienza incredibile. Ho capito subito: ho voluto sperimentare ancora e ancora quella sensazione “. 

Nonostante tutte le sollecitazioni del motorsport nei tuoi primi anni, sei stato uno studente molto buono e hai completato con successo gli studi in ingegneria industriale. Sei un intellettuale?

Lamm: “No, certamente no. Tuttavia, ho sempre affrontato le cose nella mia vita sia con la mia testa che con il mio cuore. Ovviamente è necessario usare la testa a scuola, all’università e al muretto. Tuttavia, c’è anche sempre bisogno di una grande porzione di cuore nel motorsport. Questa miscela è quello che mi piace molto per il mio lavoro. ” 

Ci può fare un esempio di quando si deve usare il cuore?

Lamm: “Il mio modo di trattare con i piloti. Ci sono alcuni che dicono che attribuisco troppa importanza nel cercare di comprendere meglio e conoscere i loro bisogni speciali nella cabina di guida e la loro mentalità. Tuttavia, questo approccio è ancora valido oggi, anche nel mondo di analisi dei dati e della simulazione. Come squadra, prepariamo una macchina che deve essere competitiva. Il pilota è poi il fattore decisivo nel realizzare il successo con quella macchina. Questo è il motivo per cui questo rapporto è sempre stato, e rimane, particolarmente importante per me “. 

E qui arriva la questione: qual è il tuo ricordo migliore in motorsport?

Lamm: “Ci sono un sacco di ricordi. La vittoria a Le Mans con la BMW V12 LMR, le vittorie alle classiche 24 ore del Nürburgring e di Spa-Francorchamps con la BMW e, naturalmente, i nostri titoli DTM nel 1989 e nel 2012. Poi ci sono stati anche un sacco di successi in gare individuali, che hanno anche reso me molto orgoglioso. Tuttavia, il mio primo viaggio alla gara per vetture turismo a Macao era particolarmente speciale. Ho volato a Hong Kong in un aereo cargo con le auto da corsa nel 1980. Poi abbiamo vinto la gara con Hans-Joachim Stuck e il Gruppo5 su BMW 320. Era semplicemente incredibile. In seguito, con la mia attuale moglie ho viaggiato da Macau alle Filippine per esplorare il paese. ” 

Perché c’è a volte più a vita propria che vittoria …

Lamm: “Esattamente”

About Michele Picariello

Ingegnere Meccanico con la passione per la scrittura. Si dedica da tempo alla ricerca di informazioni tecniche e commerciali per il mondo BMW e le realtà ad esso connesse.

Vedi anche

VIDEO: BMW 330d E46 Touring vs BMW M3 E92

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn I ragazzi di Car Throttle da ...

BMW M1 – esemplare venduto a “soli” $325.100

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn La BMW M1 è una delle ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *