martedì , 11 dicembre 2018
Home » Classiche » BMW 507: i suoi primi 60 anni

BMW 507: i suoi primi 60 anni

bmw 507

BMW 507: il costruttore bavarese celebra il 60 ° anniversario della roadster di Monaco.

BMW 507 Roadster: con solo 252 esemplari costruiti 1956-1959, rimane una delle più rare e più costose BMW mai costruita. Per festeggiare il suo 60 ° anniversario, la BMW aprirà una mostra presso il museo di Monaco di Baviera. Chiamato “Family Affairs – Variazioni su un’icona del design”, i visitatori dello stabilimento BMW sarà in grado di  mostrare le bozze del progetto, in modo da consentire una visione d’insieme di tutti gli elementi che compongono questa vettura proviene. Un Concept della BMW 507 realizzato da Michelotti, in uno squillante rosso, può essere ammirata in questa mostra. Giovanni Michelotti è considerato come uno dei più prolifici e talentuosi designer di auto sportive del 20 ° secolo.

La nuova roadster di BMW è stata frettolosamente presentata al Salone di Francoforte nell’autunno del 1955, dove è stata presentata ad una folla entusiasta. Voci di corridoio affermano che la macchina presentata allo show di Francoforte aveva dei sacchi di cemento, invece di un vero e proprio motore nel vano motore e che la prima vera auto è stata mostrata – più tardi – al Parigi Show.

La BMW 507 Roadster è stata progettata dal conte Albrecht Goertz, un giovane designer tedesco di allora che viveva a New York e successivamente è stato responsabile di un’altra bella macchina: la Datsun 240 serie Z.

Un esemplare pronto per la produzione di BMW 507 è stato anche presentato all’hotel Waldorf Astoria di New York nel 1955 ed il suo design ha impressionato tutti. La vettura era caratterizzata dalle proporzioni da roadster ormai familiari con sbalzi corti e un lungo cofano, l’iconica calandra a doppio rene e la posizione dinamica.

Sotto il cofano faceva debutto un nuovo motore V8 da 3,2 litri con carburatori doppio corpo Zenith, che produce 150 cavalli di potenza. Una trasmissione a quattro velocità scaricava la potenza alle ruote posteriori. Lo sprint da 0 a 60 mph è stato registrato in circa 10 secondi mentre la velocità massima è stata limitata a 218 km/h. Un’automobile impressionante per gli anni ’50.

Ma ciò che era iniziato molto promettente, in seguito si è trasformato in un disastro finanziario per la BMW. Quando venne lanciata sul mercato non solo aveva un prezzo pesante – $ 11.000 – a causa di principi di BMW in qualità di forma e forza, ma era così costoso che anche milionari, una specie poi rara in Germania dopo la seconda guerra mondiale, non avevano minimamente l’idea di sprecare così tanti soldi per l’acquisto di un’auto di lusso. BMW se fosse stata in grado di ridurre i costi di produzione, non ci sarebbe stato dubbio che gli esemplari di BMW 507 Roadster sarebbero schizzate alle stelle.

Tuttavia, la BMW 507 Roadster è riuscita a richiamare l’attenzione di una particolare star americana allora di stanza in Germania, il suo nome era Elvis Presley e BMW è recentemente entrata in possesso della macchina del Re per restaurala.

Un’asta recente aveva visto una BMW 507 Roadster venduta per $ 2,4 milioni. Non è un cattivo investimento anche considerando l’inflazione.

About Michele Picariello

Ingegnere Meccanico con la passione per la scrittura. Si dedica da tempo alla ricerca di informazioni tecniche e commerciali per il mondo BMW e le realtà ad esso connesse.

Vedi anche

AMARCORD: BMW Z8 Roadster

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Una delle migliori apparizioni a Hollywood ...

AMARCORD – BMW X5 E53 1999

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Nel 1999, l’idea di un brand ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *