martedì , 11 dicembre 2018
Home » BMW Serie 3 » BMW: 40 anni di Art Cars!

BMW: 40 anni di Art Cars!

BMW Art Cars (5)

Warhol, Koons, Stella, Calder, Rauschenberg, Holzer, Elíasson, tutti questi grandi artisti contemporanei hanno donato la loro arte ad una vettura. Nella fattispecie ad una BMW. Una BMW 3.0 CSL dipinta da Alexander Calder era in fila per Le 24h di Le Mans esattamente 40 anni fa, la BMW Art Car Collection ha affascinato con l’arte gli appassionati di design, così come gli appassionati di auto, dando una nuova vetrina tecnologico-artistica in tutto il mondo.

Da quando è stata inventata la macchina a motore, gli artisti hanno tratto ispirazione dal brivido della velocità, dal fenomeno della mobilità e dalle auto da corsa come esempi di scultura moderna.
Dal 1975,  le BMW Art Cars sono state un elemento centrale di questa storia. L’idea dietro le BMW Art Cars è stato il frutto del pilota ed appassionato d’arte francese Hervé Poulain: 40 anni fa, Poulain chiese all’artista amico Alexander Calder di applicare il suo talento creativo per la sua macchina da corsa. Assieme a Jochen Neerpasch, allora direttore di BMW Motorsport, si è dato inizio alla prima BMW Art Car ed è diventata subito la vettura preferita di una folla in pista. Da allora, nuove vetture si sono aggiunte alla BMW Art Car Collection nel corso degli anni, a intervalli irregolari, con opere d’arte uniche di artisti come Andy Warhol, Roy Lichtenstein, David Hockney e Jeff Koons.

“Le BMW Art Cars forniscono un punto di riferimento interessante a livello di interfaccia dove le auto, la tecnologia, il design, l’arte e lo sport si incontrano in un veicolo a motore,” riflette Massimiliano Schöberl, Senior Vice President Corporate degli affari governativi di BMW Group.
“I 40 anni di storia delle nostre ‘sculture in movimento’ sono unici come gli artisti che li hanno creati.
Le BMW Art Cars sono un elemento essenziale e caratteristico al centro del nostro impegno culturale globale “. 

Le celebrazioni avvenute con mostre a Hong Kong, presso il Centre Pompidou, il Museo BMW e il Concorso d’Eleganza sul Lago di Como, dove le primi quattro BMW Art Cars di Alexander Calder, Frank Stella, Roy Lichtenstein e Andy Warhol, più le BMW M3 GT2 create da Jeff Koons, erano tutte in bella mostra. Ulteriori presentazioni sono impostati per seguire più tardi nel 2015 a New York, Miami e Shanghai.

Volendo ammirare le vetture in video si può cliccare su questo link:https://www.press.bmwgroup.com/global/tvFootageTeaserList.html?left_menu_item=node__9537

Il gruppo di diciassette artisti che hanno disegnato i modelli BMW finora dal 1975 è molto internazionale, e l’interesse per le “sculture rolling” si è diffuso in tutto il mondo. Diverse auto di solito sono in mostra al Museo BMW di Monaco di Baviera, la casa delle BMW Art Cars, come parte della sua collezione permanente. Le restanti BMW Art Cars stanno viaggiando il mondo – a fiere d’arte a Los Angeles, Londra e Hong Kong, così come alle mostre al Louvre, al Guggenheim e il Museo di Arte Contemporanea di Shanghai.

Fino ad oggi, molte delle BMW Art Cars non solo hanno fatto girare le teste nei musei, ma lo hanno fatto anche nella loro precedente vita in pista:

  • Alexander Calder (BMW 3.0 CSL, 1975)
  • Frank Stella (BMW 3.0 CSL, 1976)
  • Roy Lichtenstein (BMW 320 Gruppo 5, 1977)
  • Andy Warhol (BMW M1 Gruppo 4, 1979)
  • Ernst Fuchs (BMW 635CSi, 1982)
  • Robert Rauschenberg (BMW 635CSi, 1986)
  • Michael Jagamara Nelson (BMW M3 Group A, 1989)
  • Ken Done (BMW M3 Gruppo A, 1989)
  • Matazo Kayama (BMW 535i, 1990)
  • César Manrique (BMW 730i, 1990)
  • AR Penck (BMW Z1, 1991)
  • Esther Mahlangu (BMW 525i 1991 )
  • Sandro Chia (BMW M3 GTR, 1992)
  • David Hockney (BMW 850CSi, 1995)
  • Jenny Holzer (BMW V12 LMR, 1999)
  • Olafur Eliasson (BMW H2R, 2007)
  • Jeff Koons (BMW M3 GT2, 2010).

Il BMW Group vorrebbe anche introdurre il 40 ° anniversario della BMW Art Car Collection nella sfera pubblica attraverso i social media. Mentre esplora la visione di ogni artista per le loro auto sui suoi canali di social media, la società vuole anche chiedere alla gente ciò che la ‘arte della vettura’ ha significato per loro. Per monitorare il contenuto, che sarà condiviso con l’hashtag #BMWArtCar.

Nel 2014, Hatje Cantz ha pubblicato la prima pubblicazione completa sulle BMW Art Cars. Il libro di 200 pagine è riccamente illustrato e ripercorre la storia di questa straordinaria collezione di vetture dai suoi inizi nel 1975. Esso utilizza ritratti e interviste per far luce su temi e approcci dei vari artisti.

Per ulteriori informazioni sulla pubblicazione BMW Art Cars si può far riferimento a:

http://www.hatjecantz.de/bmw-art-cars-5319-1.html

About Michele Picariello

Ingegnere Meccanico con la passione per la scrittura. Si dedica da tempo alla ricerca di informazioni tecniche e commerciali per il mondo BMW e le realtà ad esso connesse.

Vedi anche

BMW M3 E30 Sport Evolution, semplicemente fantastica – VIDEO

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Se siete degli appassionati di BMW, ...

BMW Serie 3 in Glacier Silver – che ne pensate? VIDEO

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Di recente BMWBLOG ha pubblicato (probabilmente ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *