1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Vuoi sostenere in prima persona il forum? Iscriviti al nostro Virtual Club e riceverai targhetta speciale e rimozione di tutta la pubblicità, proprio tutta! Clicca Qui!

Vademecum acquisto auto all'estero

Discussione in 'Consigli acquisti BMW e Mini' iniziata da totocamen, 25 Giugno 2010.

  1. totocamen

    totocamen Presidente Onorario BMW

    5.964
    139
    29 Ottobre 2007
    Girona (E)
    Reputazione:
    59.155
    Bmw 318d E91 LCI, Focus TDCI, Saab 9-3
    Siccome comprare un'auto all'estero può rivelarsi molto vantaggioso (il prezzo inferiore ed i km sempre reali sono solo alcuni particolari), voglio aprire questo 3d di consigli per l'acquisto dell'auto all'estero.

    Comincio dalla Svizzera perché presenta varie peculiarità:

    Distanza dall'Italia esigua (chi vive in Lombardia, ed io vivevo a Monza, può raggiungerla in pochissimo)

    Documenti nella stessa lingua nostra (perché l'italiano è lingua ufficiale accanto a francese e tedesco)

    Diversa trafila burocratica per la reimmatricolazione.


    Uno straniero che compra un'auto in Svizzera e vuole portarsela in Italia fai da te, deve eseguire una immatricolazione temporanea per l'export.
    Per farlo deve rivolgersi al servizio immatricolazioni. Il servizio immatricolazioni del Canton Ticino (uno dei 2 cantoni di lingua italiana) si trova a Camorino. Il sito dell'amministrazione del cantone, www.ti.ch fornisce tutte le info di contatto, compresa la mail.

    Vi riassumo i documenti necessari

    Licenza di circolazione annullata
    (potrebbe anche accadere che il vecchio proprietario ha reso le targhe, che in Svizzera sono personali, in tal caso servono pure quelle)

    Un vostro documento nazionale valido per l'espatrio

    Formulario "dichiarazione per il recapito postale" allegato, per cittadini stranieri non residenti nel Canton Ticino
    (non ne conosco l'uso perché il sito non lo spiega bene)

    Si devono poi affrontare i seguenti costi di immatricolazione:

    I prezzi sono in Franchi svizzeri, non metto il valore in euro perché recentemente il franco si sta rivalutando parecchio

    Licenza di circolazione fr. 40.--

    Targhe fr. 30.-- (su questa ci sarà un bollino con la scadenza)

    Carta verde fr. 30.--

    Va poi pagata una specie di bollo in base al veicolo.

    Va poi sottoscritta l'assicurazione, che ha delle tariffe forfettarie. La targa temporanea vale sempre fino alla fine del mese in cui si fa, o se fatta negli ultimi 4 giorni del mese, fino alla fine del mese successivo.

    I costi dell'assicurazione sono:

    Immatricolazione fino al 15 del mese fr. 186.70

    Immatricolazione dal 16 del mese fr. 93.30

    Immatricolazione negli ultimi 4 giorni del mese, targa valida fino alla fine del mese successivo fr. 207.40

    Nel sito da cui ho preso i dati e le tariffe ci sono anche le istruzioni per immatricolare per l'export un'auto nuova.

    Quando tornerete in Italia avrete nella peggiore delle ipotesi 14 giorni per reimmatricolarla in Italia. Io vi sconsiglio di andare all'agenzia, perché vi fregheranno un sacco di soldi...

    I documenti per l'export svizzeri non necessitano traduzione alcuna, perché sono già in Italiano.

    Se andate poi sul sito del DDT è possibile trovare le istruzioni per la reimmatricolazione di un veicolo proveniente da paesi extra UE. So che fino a qualche tempo fa la sola regione Lombardia prevedeva una procedura semplificata per la reimmatricolazione dalla Svizzera.

    Non vivendoci più in Lombardia non so se tale facilitazione è rimasta.

    Credo che la procedura da me descritta sia analoga per tutti i cantoni, probabilmente potrebbero variare le tariffe.

    Chi ha maggiori info in merito è ben accetto che dia il suo contributo.

    AGGIORNAMENTO:

    Per reimmatricolare in Italia un veicolo proveniente da altro stato UE (qualsiasi dei 27) è necessaria la carta di circolazione originale (attenzione, perché in alcuni paesi, tipo la Germania, che a breve tratterò, sono 2 i libretti), la fattura in originale che prova il pagamento dell'IVA in altro paese UE, l'eventuale traduzione dei documenti e basta. Giusto per conoscenza l'ACI chiede un supplemento di 350 euro circa per inoltrare tali pratiche. Le targhe del paese d'origine rimangono a voi, e la macchina durante i giorni necessari all'emissione dei documenti italiani per circolare deve avere un documento dell'agenzia/motorizzazione che attesta l'attesa di reimmatricolazione.

    GERMANIA:

    In Germania comprare un'auto è molto facile. I concessionari di solito prediligono il pagamento in contanti, anche per somme importanti (oltre 30.000 euro)... in Germania tale transazione è del tutto legale, non essendoci limiti alle transazioni in contanti.

    Una volta scelta la macchina bisogna andare in un ufficio che si chiama Landratsamt, abbreviato in LRA, presso il servizio KFZ Zulassungstelle. È L'unico ufficio in cui andrete con molta probabilità. Qui vengono rilasciate le targhe, e spesso anche l'assicurazione, che di fatto è prepagata. Ufficialmente voi acquistate prima l'assicurazione, e poi con questa vi recate all'LRA (se per esempio avete preferito comprare l'assicurazione all'ADAC) e fate fare una targa temporanea per la durata dell'assicurazione che avete acquistato. È possibile fare targhe temporanee di 5, 15 e 30 giorni, di 2, 3, 6, 9 e 12 mesi... le targhe da 5 giorni presentano una fascia gialla al bordo destro, con numerazione del tipo M - 00000 (dove M è la città, in questo caso Monaco di Baviera). Hanno un libretto di circolazione senza intestazione, al portatore. Sappiate che se ve lo rubano chi ha il libretto diventa il proprietario della macchina. Io lo sconsiglio

    Tutte le altre targhe hanno la fascia rossa con la data, numerazione del tipo M - 000 X. Sui documenti figura il vostro nome ed indirizzo che avete sulla carta di identità. Non fate come me, che ho comprato per reimmatricolare in Spagna e mi son trovato costretto a reimmatricolare in Italia perché sono ancora residente in Italia e sui documenti tedeschi c'è l'indirizzo italiano. Fate aggiornare i vostri documenti di identità prima di partire.

    Per effettuare questo passaggio di proprietà il venditore vi consegnerà il Certificato di Conformità CE, noto anche come COC dalle iniziali in lingua inglese, il Fahrzeugshein, libretto di circolazione tascabile con il nome del vecchio proprietario, che verrà ritirato dalle autorità per emettere quello nuovo a vostro nome, ed il Fahrzeugbrief, molto simile al nostro cdp, che non va MAI lasciato in auto. Questo invece verrà aggiornato, nello spazio bianco a destra, coi vostri dati. Riconsegnerete anche le targhe originarie della vettura, che sono ancora valide e vanno annullate con la procedura della rimozione dei simboli del Länder (in realtà dopo potrebbero pure ridarvele, perché perdon valore, ma pochi lo fanno). La targa temporanea ha una validità limitata che é riportata sia sula targa che sul libretto. Tutti questi documenti vengono rilasciati in 15 minuti, e poi potete partire.

    Vi ricordo che non tutti gli LRA sono aperti di pomeriggio. Spesso sono aperti solo di mattina, fino alle 12. In alcune città sono aperti solo 2/3 pomeriggi.

    Non parlo volutamente di costi, perché cambiano da distretto rurale a distretto, oltre che a durata dell'assicurazione.

    Per reimmatricolare in Italia ci chiederanno i seguenti documenti:

    Fahrzeugshein
    Fahrzeugbrief
    COC (in fotocopia, tenetevi l'originale)
    Fattura (con autocertificazione IVA)
    Traduzione giurata dei documenti

    Tale pratica è alla portata dell'utente medio. Tuttavia è pratica di parecchie motorizzazioni di ricattare i privatisti, cercando di convincerli ad andare presso agenzie, pena il ricevimento delle targhe italiane in moltissimo tempo. DENUNCIATE ALLA POLIZIA QUESTI SOPRUSI!
    Io comunque, per una questione puramente di tempistica, consiglio di chiedere parere a più motorizzazioni di diverse provincie prima di consegnare la pratica.

    AGGIORNAMENTO Germania

    Attenzione, voglio chiarire una volta per tutte che la Repubblica Italiana ha vietato, con la circolare 954 del 11 gennaio 2013, l'utilizzo di targhe temporanee tedesche a fascia gialla su veicoli non precedentemente immatricolati in Germania, con validità su tutto il territorio nazionale. Per quanto questa circolare sia al limite dell'illegalità, non rispettando i principi del diritto comunitario, fino a prova contraria è legge sul territorio della Repubblica Italiana.

    Sempre in base a questo principio fate attenzione all'acquisto in Germania di veicoli che presentano nell'annuncio la dicitura EU Fahrzeug, sono veicoli non tedeschi ma importati in Germania usati. Possono circolare in Italia con targa gialla solo se erano stati precedentemente immatricolati in Germania e vi consegnano i libretti tedeschi. Se hanno il libretto non tedesco (prevalentemente belga o italiano, ma ho visto anche auto vendute in Germania con libretto e targhe polacche) non possono circolare in territorio italiano con la targa gialla!

    FRANCIA:

    La Francia è un mercato automobilistico alquanto atipico. Come in quasi tutti i paesi europei, l'immatricolazione è non sulla residenza, bensì sul domicilio autocertificato. Dal 15 aprile 2009 (15 ottobre 2009 per i veicoli usati) sono stati introdotti sia un nuovo sistema di numerazione delle targhe (identico a quello attuale italiano) sia un nuovo libretto di circolazione. Per evitare i dimicili fittizi questo viene inviato al domicilio dichiarato via raccomandata AR 15 giorni dopo l'immatricolazione. In Francia la stragrande maggioranza dei concessionari vi proporrà di immatricolare l'auto con una targa definitiva francese, se siete in possesso di un domicilio francese magari offerto da un amico, e non di fare una targa temporanea. È una pratica scorretta ma che può essere utilizzata, in quanto legale.

    In Francia il mercato è dominato dai 3 marchi nazionali (a volte la sola Renault ha superato il 50% del mercato), e le auto non francesi spesso hanno delle quotazioni molto basse che le rendono molto appetibili. Tra le nostre amate Bmw segnalo che la X3 ha delle quotazioni particolarmente basse.

    In Francia tutte le pratiche di immatricolazione si fanno presso la Prefettura (Prefecture in francese). La prefettura si trova in tutti i capoluoghi di dipartimento e in tutte le città che hanno il titolo di Sous-Prefecture (sottoprefettura). Parigi, unico dipartimento costituito da un solo comune, non ha sottoprefettura. Non è necessario recarsi presso la prefettura del paese in cui si compra l'auto. Questo vuol dire che, se comprate a Parigi, potete rivolgervi alle prefetture e sottoprefetture di tutti gli altri dipartimenti della semicorona, che magari potrebbero essere più vicini al vostro alloggio.

    Se avete deciso di sfruttare un domicilio di qualche amico compiacente vi servono questi documenti:

    Carte Grise (è la carta di circolazione)
    Certificat de cession (atto di vendita)
    Demande d'immatriculation (richiesta di immatricolazione, vi dan loro il modulo)
    Documento di identità
    Giustificativo di domicilio (è una fattura di acqua, luce, gas, telefono o quant'altro legato al domicilio)
    Proces-Verbal de contrôle technique (è la ricevuta della revisione di stato, se l'auto ha più di 4 anni deve essere di max 6mesi prima)

    La prefettura vi rilascerà una carta di circolazione provvisoria, con la quale andrete dal tabaccaio e vi farete stampare la targa. Tutti i veicoli immatricolati secondo il vecchio sistema (esempio targa 956 AYT 93, dove 93 indica il dipartimento, in questo caso Seine Saint Denis) riceveranno un nuovo numero di targa col nuovo sistema denominato SIV. Se l'auto che comprate è già immatricolata col sistema SIV non è necessario stampare una targa nuova.

    Ricordatevi che se usate questo escamotage non siete soggetti a scadenze della targa, ma dovete essere sicuri che qualcuno riceva per voi la carta di circolazione al domicilio indicato, altrimenti con la carta temporanea NON È POSSIBILE reimmatricolare in Italia!

    Pagherete una tassa di immatricolazione, che cambia da dipartimento a dipartimento, e che è legata ai cv fiscali dell'auto (che in Francia sono calcolati diversamente, di solito un'auto diesel ha almeno 2cv fiscali in meno dell'omologa a benzina). Per esempio per una 320d, accreditata di 8cv fiscali, pagherete circa 270 euro a Parigi.

    In Francia non esiste la tassa di circolazione.

    Dovrete recarvi poi presso una assicurazione e stipulare una polizza.

    Una volta in Italia avrete tutto il tempo che volete per reimmatricolarla, in quanto si tratta di una targa definitiva, non soggetta a scadenza né a nessuna tassa di possesso/circolazione.

    Presenterete all'MCTC:

    Carte Grise
    COC (tenetevi l'originale e date una fotocopia)
    Fattura (con autocertificazione IVA)
    Traduzione giurata dei documenti

    ATTENZIONE, in Francia non è pratica diffusa rilasciare il COC quando comprate un'auto usata, il che vi potrebbe costringere a doverlo richiedere alla casa madre/importatore. Chiedete sempre a chi vi vende l'auto se può procurarvelo, perché potrebbe avere un costo extra.

    Con la riforma del 2009 sono state abolite le targhe di tipo Transit Temporaire in Francia, ovvero le targhe provvisorie con scadenza.

    Vengono ancora emesse solo sui veicoli nuovi acquistati da cittadini residenti al di fuori dell'UE o nei cosiddetti DOM-TOM (dipartimenti e territori francesi oltremare), ma in realtà, colore della targa a parte, che é rossa con la data di scadenza e le lettere color argento, la numerazione è la stessa delle altre targhe.

    Chi compra in Francia un veicolo già immatricolato col sistema SIV (sono le targhe di tipo AA-111-AA) e non vuole intestarlo a se stesso in Francia ma solo esportarlo e reimmatricolarlo in Italia direttamente, scrive semplicemente il suo nome a penna sul coupon del libretto che è stato precedentemente tagliato dal vecchio proprietario, e con questo può continuare a girare 1 mese in tutta UE. Va sottoscritta una polizza temporanea presso un'assicurazione (possibilità di fare la furto-incendio e kasko) perché dal momento che il libretto viene tagliato dal vecchio proprietario l'assicurazione non vale più nemmeno se vi lascia il tagliandino. Non è dovuta nessuna tassa allo stato francese, e si mantengono le targhe del vecchio proprietario. L'unico costo è l'assicurazione.

    Kilometraggio dei veicoli

    Su richiesta preciso, ancora una volta, avendo ricevuto parecchi mp, che per i veicoli usati con più di 6 mesi e 6000 km non è dovuto nessun conguaglio dell'IVA, nemmeno in caso di differenze di tariffa notevoli (credo che in questo momento la più bassa aliquota sia in Lussemburgo). La Repubblica Italiana non ha il diritto di chiedere tale conguaglio, poiché una legge dell'Unione Europea lo vieta esplicitamente.

    Lingue accettate in Italia senza traduzione giurata

    Per i veicoli provenienti dal Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord, Irlanda e Malta, il fatto che i documenti siano in lingua inglese, spesso considerata lingua universale da molti, non esenta l'obbligo di traduzione dei documenti, perché la lingua inglese non è lingua ufficiale della Repubblica Italiana (lo sono invece, oltre all'italiano, il tedesco, il francese e lo sloveno).
     
    Ultima modifica di un moderatore: 25 Luglio 2015
    A 12 persone piace questo elemento.
  2. Jacky

    Jacky Presidente Onorario BMW

    14.089
    710
    7 Dicembre 2006
    Reputazione:
    48.253
    ex 330ci
    =D>
     
  3. laponite

    laponite Secondo Pilota

    719
    14
    10 Marzo 2006
    Reputazione:
    7.651
    Infiniti FX, Classe A
    E INGHILTERRA!

    Prova a configurare lì, poi vedi la differenza con l'Italia :eek:

    Basta poi chiedere la guida a sx ed il gioco è fatto.
     
  4. totocamen

    totocamen Presidente Onorario BMW

    5.964
    139
    29 Ottobre 2007
    Girona (E)
    Reputazione:
    59.155
    Bmw 318d E91 LCI, Focus TDCI, Saab 9-3
    Si, però per esempio comprare un'auto usata in Gran Bretagna può essere problematico.. non credo ce ne siano tante di usate col volante dalla parte giusta...
     
  5. sat.paolo

    sat.paolo Collaudatore

    432
    2
    27 Ottobre 2006
    Reputazione:
    4.705
    BMW 320 D
    rep + per questo stupendo articolo

    Non sono un moderatore, ma posso chiedere a tutti di tenere il topic, più pulito e tecnico possibile...????

    D'altronde serve a noi stessi

    Ciao

    e grazie a tutti
     
    A 1 persona piace questo elemento.
  6. laponite

    laponite Secondo Pilota

    719
    14
    10 Marzo 2006
    Reputazione:
    7.651
    Infiniti FX, Classe A
    Usate forse zero, scusa, parlavo del nuovo.
     
  7. totocamen

    totocamen Presidente Onorario BMW

    5.964
    139
    29 Ottobre 2007
    Girona (E)
    Reputazione:
    59.155
    Bmw 318d E91 LCI, Focus TDCI, Saab 9-3
    Grazie... in realtà penso di mettere gli aggiornamenti nel primo post, di modo che chiunque apra possa andando a pagina 1 trovare tutte le info...

    A breve Francia e Germania...

    Si, diciamo che la mia idea era scrivere qualcosa per chi compra usato, che oltre ad essere la maggioranza son quelli più soggetti a fregature in Italia...
     
  8. sat.paolo

    sat.paolo Collaudatore

    432
    2
    27 Ottobre 2006
    Reputazione:
    4.705
    BMW 320 D
    Perfetto..ottima idea...

    Quoto..e grazie..tuned
     
  9. alemagico1978

    alemagico1978 Aspirante Pilota

    5
    0
    1 Ottobre 2010
    Reputazione:
    10
    Peugeot 307 1.6 benzina 2002
    Consigli per acquistare all'estero? Siti per visionare le auto ? Svizzera o Germania?
     
  10. totocamen

    totocamen Presidente Onorario BMW

    5.964
    139
    29 Ottobre 2007
    Girona (E)
    Reputazione:
    59.155
    Bmw 318d E91 LCI, Focus TDCI, Saab 9-3
    Dipende da cosa vuoi comprare....

    Ti ho mandato un PM comunque...

    in Svizzera se vivi in Lombardia è davvero dietro l'angolo, ma ti devo avvisare che in questo momento il cambio col Franco (loro non hanno l'euro) è piuttosto sfavorevole....
     
  11. actarus8v

    actarus8v Presidente Onorario BMW

    49.750
    4.251
    31 Ottobre 2007
    Parthenopes
    Reputazione:
    18.323.554
    Christine
    sposto in "Forum Generale BMW"
     
  12. totocamen

    totocamen Presidente Onorario BMW

    5.964
    139
    29 Ottobre 2007
    Girona (E)
    Reputazione:
    59.155
    Bmw 318d E91 LCI, Focus TDCI, Saab 9-3
    Siccome ho ricevuto dei supplementi di precisione in merito, voglio ricordare che le info del mio vademecum sono attuali e verificate in MCTC a dicembre 2010 (data in cui ho reimmatricolato la mia auto).

    Non serve assolutamente nient'altro. Solo quello che ho elencato...
     
  13. Ervis E90

    Ervis E90 Presidente Onorario BMW

    6.004
    187
    28 Agosto 2010
    Reputazione:
    46.204
    BMW
    ottimo lavoro!!!! complimenti=D>
     
  14. Loris999

    Loris999 Collaudatore

    460
    10
    7 Febbraio 2010
    Reputazione:
    205
    X3 3.0d Restyling
    complimenti, ottimo lavoro!
     
  15. JAJO

    JAJO Presidente Onorario BMW

    10.406
    406
    24 Ottobre 2008
    Reputazione:
    69.323
    123d E88
    ottimo reportage!
     
  16. Wall19

    Wall19 Presidente Onorario BMW

    6.854
    90
    10 Gennaio 2011
    Reputazione:
    15.631
    auto aziendale.. ex mini cooper s f55
    io nell'ultimo mese ho preso 3 auto in germania.. come sito per la ricerca di auto uso http://www.automobile.it

    si ha la possibilità di personalizzare la proprio ricerca in moltissimi modi, per la ricerca della propria auto ideale.. se qualcuno vuole consigli, chieda pure!!!
     
  17. totocamen

    totocamen Presidente Onorario BMW

    5.964
    139
    29 Ottobre 2007
    Girona (E)
    Reputazione:
    59.155
    Bmw 318d E91 LCI, Focus TDCI, Saab 9-3
    Ma lo fai per lavoro?
     
  18. Wall19

    Wall19 Presidente Onorario BMW

    6.854
    90
    10 Gennaio 2011
    Reputazione:
    15.631
    auto aziendale.. ex mini cooper s f55
    no... magari.. soltanto che avendo mio suocere che cambia auto ogni 2/3 anni, e le prende sempre importate dalla germania, ormai sono abbastanza esperto.. e a dicembre lui ne ha prese 2 e io la mia...
     
  19. feb120d

    feb120d Amministratore Delegato BMW

    4.469
    214
    26 Febbraio 2007
    Reputazione:
    281.443
    asdasd
    ciao!

    scusate, pongo una domanda molto stupida ma sostanziale:

    QUANTO COSTA L'IMMATRICOLAZIONE ITALIANA??

    ovvero, poniamo che io abiti in germania, mi compro l'auto di mio piacimento e gli metto la "aurfuhrkennzeichen" per 3/6 mesi...una volta in italia vado ad immatricolarla personalmente in motorizzazione con tutti i documenti necessari, ma IN TOTALE (revisioni, ipt, imposte e gabelle varie), quanto costa l'operazione?!?!

    ho cercato e ricercato ma sto impazzendo per sta cosa; dal sito aci/pra sembra che con 300 euro te la cavi, ma non scrivono il costo di tutto, altri mi parlano di 400 euro ed altri hanno esperienze sui 1000 euro...

    qualcuno mi sa dare una risposta precisa su quanto si spende e per cosa?!

    grazie mille (spedisco bonifico di 2 euro e 50 a chi è così gentile da spiegarmi per bbene!)

    ciao!!!
     
  20. Wall19

    Wall19 Presidente Onorario BMW

    6.854
    90
    10 Gennaio 2011
    Reputazione:
    15.631
    auto aziendale.. ex mini cooper s f55
    guarda a me per portarla a roma ed immatricolarla mi hanno preso solo 1000€.....
     

Condividi questa Pagina