Smart speaker domestici | BMWpassion forum e blog
  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Smart speaker domestici

Discussione in 'Informatica e computer' iniziata da Sam_Cooper, 29 Ottobre 2021.

  1. Sam_Cooper

    Sam_Cooper Presidente Onorario BMW Oltre 2.147.378.170 Rep

    7.921
    13.021
    30 Maggio 2008
    Reputazione:
    2.147.483.647
    Coupè Convertibile
    Ho sempre declinato l'idea di acquistare un'assistente vocale domestico, più che altro perchè non mi va che Amazon o Google ascoltino le mie conversazioni.

    Ora, però, con il rilascio della lingua Italiana per l'HomePod di Apple e sperando (probabilmente male) nel fatto che a Cupertino cerchino di essere un po' più rispettosi della privacy dei loro clienti, ho acquistato un HomePod Mini più che altro per sfruttare la funzione interfono (che permette di parlare tra stanze diverse).

    Diciamo che l'ho fatto prevalentemente in virtù di 2 aspetti: il costo ragionevole (99€) ed il fatto di avere già molti dispositivi della Mela. Quest'ultimo, probabilmente, più fondamentale del primo.

    Allora, iniziando da Siri, nessun dubbio che, nonostante sia arrivato per primo e con tanti buoni propositi, oggi è sicuramente più indietro rispetto ad Alexa e Google Assistant. Il lavoro fatto da Amazon per rendere il suo assistente capace di comprare il latte ed in alcuni casi capace perfino di fare il caffè, ma anche quello di Google, la cui IA è tale da rendere le conversazioni quasi umane, fanno apparire Siri come lo scemo del villaggio.
    Non permette di acquistare nulla, fatica a comprendere frasi eccessivamente complesse e privilegia l'ecosistema di servizi Apple, verso i quali punta nel tentativo di farvi spendere altri soldi.
    A parte questo, tutto sommato non è poi così male: se avete qualche componente demotico compatibile con Apple Homekit lo potrete controllare dall'Homepod, potete chiedergli che tempo fa, che ore sono, di fissare un appuntamento, di controllare l'agenda e diverse altre cose. Insomma, troppo male non sembra.
    La sensibilità dei 4 microfoni è buona e consente di attivarlo anche da alcuni metri di distanza, perfino con notevole rumore di fondo.
    Se chiedete di ascoltare musica, purtroppo, punta prima di tutto ad Apple Music e qualora non siate abbonati cerca nella libreria dell'iPhone (o altri dispositivi Apple in rete). Per ascoltare Spotify, ad esempio, dovete prima avviarlo da iPhone e poi "inoltrarlo" tramite Airplay allo speaker.
    Come dicevo all'inizio, interessante la funzione interfono, che permette di mandare dei vocali da una stanza ad un altra (o a tutte simultaneamente) e di fare la stessa cosa dall'iPhone (magari mentre siete) fuori casa ai dispositivi domestici (ad esempio per annunciare che state arrivando) e viceversa.

    Veniamo infine alla parte audio.
    Ho letto diverse recensioni, sapendo che molte potrebbero essere di parte e molte altre poco competenti, ma speravo di potermi fidare un po' di più di alcuni blog specializzati in Hi Fi.
    La parte buona è che hanno fatto un buon lavoro di calibratura, evitando distorsione e vibrazioni anche a massimo volume.
    Per le dimensioni (è una palla di circa 9cm di diametro) suona decentemente, ma qui finisce. Nel senso che non c'è nessun risultato sonoro miracoloso, come invece ogni tanto qualcuno descrive, e non c'è motivo di preferirlo ad altri speaker wireless di simili dimensioni e caratteristiche.
    Valutazione che, per quanto mi riguarda, applico all'intero segmento degli smart speakers, anche quelli più grandi e costosi.
    L'alta fedeltà (Hi Fi) musicale è tutta un'altra cosa e non la troverete certo in una cassa digitale, autoamplificata ed alimentata.
    Mi fa sorridere che si parli di Dolby Atmos, Spatial Sound, di qualità lossless etc etc, quando poi le frequenze si mescolano tutte insieme e la nitidezza che vorresti se ne va a quel paese.

    In passato ho avuto per alcuni giorni anche lo Zeppelin di B&W, ma già dopo pochi secondi di ascolto mi sono rifiutato di pensare che quell'oggetto fosse stato progettato dagli stessi ingegneri che hanno partorito le Nautilus: peggio che comparare un quadro di Michelangelo con una foto sfocata scattata da una Polaroid del 1975.
     
    Ultima modifica: 29 Ottobre 2021
    A Harakid e aleslk piace questo messaggio.

Condividi questa Pagina