Ricorso. Come fare, termini ecc.ecc. | BMWpassion forum e blog
  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Ricorso. Come fare, termini ecc.ecc.

Discussione in 'Codice della strada e "vita da automobilista"' iniziata da nivola, 3 Febbraio 2011.

  1. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Come scrivere il ricorso
    · Redigere il ricorso su fogli aventi sfondo stile foglio protocollo
    · Nella sezione iniziale, relativa all’istante (e cioè a chi propone il ricorso) vanno inseriti i riferimenti che consentano al GdP di mettersi in contatto con noi. Necessario indicare un domicilio all’interno dello stesso Comune di quello del GdP cui si sta facendo ricorso, un numero di fax e/o di PEC. Se non lo si ha, lo si può fissare presso la Cancelleria del GdP stesso. In alcuni casi le cancellerie dei GdP chiedono anche di indicare dei recapiti telefonici. In generale, più metodi di contatto vengono forniti meglio è
    · Indicare all’interno del ricorso il valore della causa (tipicamente pari all’importo della multa ricevuta – senza raddoppio)
    · Chiedere, ancor prima dell’annullamento del verbale, di dichiarare in via preliminare la sospensione dell’efficacia del Verbale (se accolto, questo punto al 99% fa sì che, anche nel malaugurato caso di rigetto del ricorso, paghiate la sanzione minima e non raddoppiata) – Fate presente anche questo punto verbalmente come prima cosa al GdP durante l’udienza in cui comparirete
    · Chiedere da subito, in ipotesi di rigetto del ricorso, di confermare l’applicazione della sanzione nel suo originario importo, nella misura del minimo edittale con vittoria delle spese e la non decurtazione dei punti della patente – Anche in questo caso ribadite verbalmente ed esplicitamente questo punto al GdP in sede di udienza

    La nota di iscrizione a ruolo
    · È un modulo che va compilato dal ricorrente affinché il ricorso in oggetto (che è una causa vera e propria) sia trascritta negli appositi elenchi delle cause attualmente pendenti. Contiene gli estremi di ricorrente ed amministrazione opposta.
    · Sull’ultima pagina dello stesso, in parte alla firma, va apposta la ricevuta di pagamento del Contributo Unificato, il cui valore dipende dal valore della causa (dovrebbe essere di 43 € per cause sino a 1.000 €) – Il contributo unificato può essere pagato via F23 o nelle tabaccherie autorizzate o anche in altri modi (tutti reperibili online)
    · Va inviato insieme al ricorso nella stessa busta, in originale + eventuali copie (v. sotto)

    Quando, a chi e in quante copie mandarlo
    · Si può presentare ricorso al GdP entro 30gg dalla notifica del verbale
    · Il ricorso va inviato all’ufficio del GdP – Solitamente nel verbale ne sono indicati tutti gli estremi; in caso contrario cercare su Internet gli estremi del GdP del comune presso cui è stata rilevata la presunta infrazione
    · Il ricorso va inviato in originale, più eventuali copie (v. punti successivi), così come il verbale e le ricevute di notifica del verbale stesso, necessarie in particolare se il ricorso ha ad oggetto contestazioni in merito alle tempistiche di notifica. Prima di inviare qualsiasi originale, predisporre una o più copie da tenersi per proprio eventuale uso/necessità
    · Prima di inviare qualsiasi cosa, chiamare la Cancelleria del GdP, per chiedere le seguenti informazioni:
    a) se il verbale va inviato solo in originale o vanno anche inviate delle copie insieme allo stesso (nel qual caso, quante – ogni GdP ha le proprie regole)
    b) se la nota di iscrizione a ruolo va inviata solo in originale o, anche in questo caso, con delle copie (nel qual caso, quante – ogni GdP ha le proprie regole), e se va bene apporre la ricevuta di pagamento del contributo unificato sull’ultima pagina della stessa (di solito è così, ma per scrupolo è meglio chiedere)
    c) se vanno inviate fotocopie dei documenti di identità del ricorrente (ogni GdP ha le proprie regole)
    d) quali e quanti canali di “comunicazione” vanno riportati nel verbale (se solo fax, PEC, telefono, domicilio o solo alcuni di essi o tutti)
    · Come prima pagina all’interno della busta utilizzata per la spedizione, inserire un elenco di tutti i documenti contenuti all’interno di quest’ultima, facendo specifica menzione al numero di eventuali copie prodotti per ciascuno di essi

    L’Udienza
    · Con congruo anticipo, il GdP invierà a Voi ed all’amministrazione opposta comunicazione in merito alla data dell’udienza. Alla controparte invierà anche copia del vostro ricorso, chiedendole di produrre eventuali documenti a sua difesa/tutela. Se non vi presentate il giorno dell’Udienza, avete perso il ricorso in partenza (e quasi certamente vi beccate anche la multa raddoppiata)
    · L’amministrazione opposta deve produrre tali documenti entro max 10 gg prima dell’udienza (più precisamente, la Cancelleria del GdP deve averli ricevuti entro max 10gg prima) – chiedete di verificare sulle buste le date dei timbri di invio e ricezione di tale documentazione; se tali termini non sono rispettati, fatelo presente immediatamente al GdP come prima cosa. Probabilmente il GdP vi darà già ragione in partenza senza neanche entrare nel merito del ricorso.
    · In molti uffici di GdP è prassi che il verbale di udienza venga scritto dal ricorrente. Dovrebbe essere compito del Cancelliere, ma di rado questo avviene. Ergo, procuratevi e portate con voi in udienza penna e fogli protocolli sui quali redigere tale verbale. Il verbale va scritto in corsivo. Fatevi mandare da qualcuno che "ci è già passato" un sample da utilizzare come modello di riferimento. Non preoccupatevi in ogni caso; se scrivete inesattezze o comunque non tutti in perfetto “legalese”, non è motivo di lamentela o di opposizione da parte di nessuno, visto che state facendo questo lavoro per conto del Cancelliere!

    Infine
    · Ogni GdP ha la propria testa e ragiona a suo modo. Due ricorsi identici, presentati presso due GdP diversi, anche all’interno dello stesso Comune, possono dare esiti opposti!
     
    Ultima modifica di un moderatore: 13 Novembre 2014
    A 7 persone piace questo elemento.
  2. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Ricorso. Come fare, termini ecc.ecc. Indicazioni Generali

    Salve a tutti; poichè a differenza di altre sezioni nelle quali ci sono ottimo reportage e discussioni importanti in rilievo, in questa sezione, i "tutorial" sono un pò carenti, ho pensato di stilare una sorta di vademecum generale sui ricorsi avverso le sanzioni amministarative, su come farli, a chi presentarli, termini per ricorrere e conseguenze degli stessi, affinchè tutti possiate avere un'idea generale saulla materia. Naturalmente tale discussione può essere sempre integrata, modificata e aggiornata a Vostro piacimento e sempre per l'utilità comune.

    Ho preferito impostare il tutto sulla base di Domande e Risposte per cercare di facilitare la lettura.

    Quali sono i termini per poter presentare ricorso?

    Il termine entro cui è possibile fare ricorso al Giudice di Pace, è di 30 giorni. Il termine entro cui è possibile fare ricorso al Prefetto è di 60 giorni. Nel caso di rigetto da parte del Prefetto, il successivo termine entro cui fare ricorso al Giudice di Pace è di 30 giorni. Nel caso di ricorso spedito per posta, l’ultimo giorno utile è quello della spedizione e non quello della ricezione. Il termine inizia a decorrere dal giorno dell’infrazione, nel caso di contestazione immediata, o dalla notifica del verbale, in caso di mancata contestazione immediata. Tali termini vanno computati giorno per giorno, compresi i giorni festivi, intendosi per 30 e 60 giorni non un mese e due mesi, ma esattamente 30 e 60 giorni. Nel caso in cui oggetto di opposizione non sia un verbale, ma una cartella esattoriale, il termine per la presentazione del ricorso è di 30 giorni dalla notifica.

    Quali sono le condizioni per poter presentare ricorso?

    Il ricorso può essere presentato a condizione che non sia decorso il termine per l'opposizione (60 giorni dalla notifica, vedi sopra) e che non sia stato già effettuato il pagamento della sanzione.

    Posso fare ricorso anche se nel frattempo ho già pagato la sanzione?

    No. Il pagamento della sanzione preclude la possibilità del ricorso.

    La procedura per la contestazione di una multa, comporta spese o cauzioni da pagare?

    La presentazione del ricorso al Prefetto è esente da qualsiasi spesa.

    La presentazione del ricorso al Giudice di Pace comporta invece il pagamento del contributo unificato di 43,00 euro.

    Conviene presentare ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace?

    Contro un verbale di accertamento di infrazione al Codice della Strada può essere presentato ricorso alternativamente al Prefetto o al Giudice di Pace. Il consiglio è di proporre sempre prima ricorso al Prefetto e, solo nel caso in cui dovesse andare male, di rivolgersi al Giudice di Pace.

    Ecco in sintesi perchè è preferibile proporre ricorso innanzi al Prefetto:

    - due possibilità sono meglio di una:Proponendo ricorso al Prefetto sarà possibile, nel malaugurato caso di rigetto, presentare un nuovo ricorso al Giudice di Pace. Viceversa, la diretta proposizione del ricorso al Giudice di Pace preclude la possibilità di sollevare opposizione innanzi al Prefetto, nel caso in cui il ricorso avesse esito negativo, salvo il successivo ricorso per Cassazione).

    - è più semplice: Fare ricorso al Prefetto anzichè al Giudice di Pace è più semplice, poichè è molto più elementare il procedimento da seguire: il ricorrente dovrà infatti semplicemente inviare il ricorso tramite raccomandata e attendere la successiva notifica del provvedimento prefettizio, con cui sarà disposto l'accoglimento o l'annullamento del ricorso.

    - ci potrebbero essere maggiori probabilità di accoglimento: Fare ricorso al Prefetto anzichè al Giudice di Pace presenta maggiori probabilità di accoglimento, dal momento che il Prefetto è tenuto ad emettere il suo provvedimento entro il termine massimo di 210 giorni (il Giudice di Pace non è invece soggetto ad alcun termine per l'emissione della sentenza).

    - Non ci sono spese: Fare ricorso al Prefetto anzichè al Giudice di Pace non comporta alcuna spesa, poichè il ricorrente dovrà semplicemente inviare la raccomandata contente il ricorso, senza dovervi apporre alcuna marca da bollo nè contributo unificato.

    Una volta preparato il ricorso, a chi lo dovrò presentare?

    Una volta scelta l'Autorità Giudicante,I ricorsi possono essere presentati o al Prefetto del luogo della commessa infrazione (indicato nel verbale) oppure al Giudice di Pace (indicato sempre nel verbale), ma non ad entrambi contemporaneamente.

    Come va presentato il ricorso?

    Il ricorso potrà essere inviato per posta raccomandata (con avviso di ricevimento) o presentato personalmente a mani presso l’ufficio.

    Il ricorso può essere inviato direttamente alla Prefettura territorialmente competente oppure all'ufficio o al comando al quale appartiene l'organo accertatore.

    Nel ricorso dovrà essere sempre indicato (nell’intestazione dell’atto) il Prefetto competente a cui il ricorso dovrà essere indirizzato. Il Prefetto territorialmente competente viene individuato in base al luogo in cui è commessa l'infrazione. (Come detto sopra).

    Al ricorso si dovrà allegare (spillare dietro) il verbale in copia, conservandone l'originale in caso di necessità.

    Cosa succede dopo la presentazione del ricorso (in caso di ricorso presentato al Prefetto)?

    Dopo aver presentato il ricorso (personalmente presso la Prefettura o spedendolo via posta raccomandata), non si dovrà fare altro che attendere che il Prefetto lo esamini e che notifichi successivamente il suo provvedimento presso il luogo di residenza del ricorrente. Se il provvedimento è di accoglimento del ricorso, il verbale è annullato. In caso invece di rigetto, il ricorrente potrà scegliere se pagare la sanzione o presentare un successivo ricorso innanzi al Giudice di Pace.

    L'udienza è prevista solo nel caso in cui sia lo stesso ricorrente a chiederla nel ricorso. La mancata richiesta di udienza non influisce comunque sull'esito del ricorso. Pertanto, una volta spedito il ricorso, la procedura si conclude senza alcun'altra necessaria attività.

    Entro che termine il Prefetto è tenuto a rispondere?

    Il Prefetto è tenuto ad adottare il provvedimento (di accoglimento o rigetto) entro 210 giorni totali (o 180 giorni totali se il ricorso è presentato presso l'organo accertatore), che decorrono dalla data di ricezione degli atti da parte dell'ufficio che ha elevato la multa. L'ufficio che ha elevato la multa ha a sua disposizione 60 giorni per trasmettere alla Prefettura il ricorso unitamente alla documentazione necessaria per l'istruttoria. Nel caso in cui il ricorso sia presentato al Prefetto, è da sommare l'ulteriore termine di 30 giorni a disposizione del Prefetto per inviare il ricorso e richiedere la documentazione all'ufficio che ha elevato la multa. L'ordinanza deve essere notificata entro 150 giorni dall'adozione.

    In sintesi:

    - nel caso in cui ricorso sia presentato all'organo che emesso il verbale: 60 giorni (per la trasmissione al Prefetto del ricorso e della documentazione) + 120 giorni (per l'adozione del provvedimento da parte del Prefetto) + 150 giorni (per la notifica del provvedimento al ricorrente da parte della Prefettura); Tot. giorni 330.

    - nel caso in cui il ricorso sia presentato alla Prefettura: 30 giorni (per la richiesta all'organo che ha emesso la multa, da parte della prefettura, dei documenti necessari all'istruttoria) + 60 giorni (per la trasmissione al Prefetto della documentazione) + 120 giorni (per l'adozione del provvedimento da parte del Prefetto) + 150 giorni (per la notifica del provvedimento al ricorrente da parte della Prefettura); Tot. giorni 360.

    In caso di ricorso al Giudice di Pace, qual è la procedura da seguire?

    A distanza di un numero variabile di giorni (si tratta di qualche settimana, o qualche mese), il Giudice esaminerà preliminarmente il ricorso e convocherà l’istante presso l’ufficio. La convocazione avverrà mediante la notifica di un “biglietto di cancelleria”. Il biglietto di cancelleria sarà notificato presso il luogo di elezione del domicilio indicato nel ricorso, purchè sito nel comune in cui ha sede l'ufficio del giudice di pace competente. Proprio per questo, per il caso in cui la residenza del ricorrente sia in altro comune rispetto a quello in cui ha sede l'Ufficio del Giudice di Pace, nei ricorsi bisogna indicare sempre anche il luogo di elezione del domicilio. In base alle ultime modifiche apportate al codice di procedura civile, la notifica potrà avvenire anche tramite fax o posta elettronica. In ogni caso, l'eventuale mancata notifica del biglietto di cancelleria non comporta alcun problema: sarà sufficiente che il ricorrente torni, a distanza di circa un mese, presso l'ufficio per verificare la data di fissazione dell'udienza. In base al carico di lavoro dei singoli uffici giudiziari, l'udienza potrà essere fissata a distanza di qualche mese (generalmente nei piccoli comuni) o anche a distanza di circa un anno (in città come Milano, Roma, Napoli, ecc.). Nel biglietto di cancelleria sarà indicato il nome del giudice, la sezione, la data e l’ora di comparizione. All’udienza, l’istante potrà presentarsi personalmente o delegando un familiare o una persona di fiducia. In caso di accoglimento del ricorso, il giudice dichiarerà la nullità della sanzione esonerando così l’ingiunto dall’obbligo di pagamento.

    Nell'udienza non si dovrà fare altro che riportarsi a quanto scritto nel ricorso, chiedendone l’accoglimento. Il Giudice esaminerà il verbale, leggerà il ricorso, ascolterà le parti se richiesto o ritenuto necessario e deciderà se accogliere o meno l'istanza.

    Guidavo l'auto di proprietà di un conoscente. A distanza di mesi al proprietario dell'auto è arrivato il verbale di una multa. Posso fare ricorso direttamente io in qualità di conducente?

    No. In questi casi, l'unico soggetto legittimato alla presentazione del ricorso è il proprietario del veicolo (in quanto unico destinatario della sanzione). Il conducente può presentare ricorso a suo nome solo quandol'infrazione gli sia stata contestata immediatamente e gli sia stato rilasciato il verbale in cui siano riportate le sue generalità.

    Pur avendo presentato il ricorso, devo inviare la comunicazione con i dati del conducente?

    In linea teorica, dal momento che la pendenza del ricorso interrompe il normale decorso dei termini per l'applicazione della sanzione, non dovrebbe essere necessario effettuare alcuna comunicazione, finchè il Giudice non avrà deciso se accogliere o rigettare il ricorso. Tuttavia, per non correre il rischio di ricevere ugualmente la sanzione per la mancata comunicazione dei dati, consiglio comunque di inviare comunicazione al comando di polizia competente specificando che il ricorso è pendente e di non procedere in base all'art. 126 bis.

    Come succede in caso di rigetto del ricorso?

    Il mancato accoglimento del ricorso, da parte del Prefetto, comporta generalmente il raddoppio della sanzione pecuniaria comminata nel verbale.

    Il raddoppio riguarda, in ogni caso, solo ed esclusivamente la sanzione pecuniaria e mai la decurtazione dei punti. Il rigetto del ricorso non può mai portare ad un aumento dei punti detratti.

    Nell'ipotesi che il ricorso sia rigettato e la sanzione pecuniaria sia quindi aggravata, il ricorrente potrà comunque successivamente presentare ricorso al Giudice di Pace, per chiedere nuovamente l'annullamento del verbale e la riduzione della sanzione al suo importo originario.

    Nel caso in cui, invece, si presenta ricorso al Giudice di Pace, questi non può applicare una sanzione inferiore al minimo edittale.

    Quindi:

    - il Prefetto è tenuto a raddoppiare la sanzione;

    - il Giudice di Pace può applicare la sanzione che ritiene più adeguata, ma non può applicare un sanzione inferiore al minimo. Una volta, salvo rarissime eccezioni, il Giudice di Pace, in caso di rigetto, si limitava a confermare la sanzione nel suo importo minimo.Tuttavia, ora, la normativa è cambiata: se in sede di prima udienza il Giudice non sospende l'esecutività del provvedimento e alla fine rigetta il ricorso non indicando in sentenza l'importo da pagare (pur essendo obbligato a farlo), ma si limita a scrivere "ricorso rigettato" oppure "conferma il provvedimento impugnato" si paga il doppio della sanzione originaria anche in questo caso, come avviene per il ricorso al Prefetto.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 13 Novembre 2014
  3. ippo81

    ippo81 Amministratore Delegato BMW

    2.680
    218
    14 Dicembre 2006
    Reputazione:
    8.017
    ......e anche una ///M
    =D>=D>=D>=D>

    estremamente utile!!!! un po per la complessità del argomento, un po per tutti le "chiacchiere e dicerie" che si sentono a tele merito, e un po per l'ignoranza generale sul tema direi che questo tutorial sia estremamente utile ed interessante!!

    ben fatto mau!!!!!:wink:
     
  4. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Grazie, caro ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />

    Gentilissimo! ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />
     
  5. fede2010

    fede2010 Presidente Onorario BMW

    15.809
    598
    14 Ottobre 2008
    Reputazione:
    250.935
    118d e81->135i e82->120d f20->m
    utilissimo...grande nivola...hai specificato tutto per filo e per segno ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />

    ci capisco qualcosa di ricorsi...e potrei aggiungerci qualcosina...ma meglio di no in pubblico. :D /emoticons/biggrin@2x.png 2x" width="20" height="20" />
     
    A 1 persona piace questo elemento.
  6. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Grazie a te. ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />
     
  7. smercki

    smercki Presidente Onorario BMW

    11.355
    679
    9 Giugno 2004
    Reputazione:
    175.044.823
    520d F11
    Ho presentato ricorso al prefetto per una multa da autovelox, pensavo che bisognava aspettare 150giorni per sapere l'esito ed invece qua leggo che sono quasi 300 8-[
     
  8. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Di solito, per esperienza personale (ma dipende, comunque dalle singole Prefetture), l'esito si riesce a sapere prima di quella scadenza.

    Il termine di circa un anno solare è quello per "stare tranquilli" (diciamo così), in caso di silenzio assenso da parte della Prefetto.
     
    A 2 persone piace questo elemento.
  9. smercki

    smercki Presidente Onorario BMW

    11.355
    679
    9 Giugno 2004
    Reputazione:
    175.044.823
    520d F11
    Arrivata risposta dal Prefetto di Livorno a seguito ricorso per un autovelox preso c/o il Comune di S. Vincenzo

    in pratica mi liquidano con poche righe in cui dicono che la polizia municipale ha smentito puntualmente i punti del mio ricorso...(come un modulo prestampato che inviano a tutti) senza dare alcuna spiegazione...

    ma questo è lecito?
     
  10. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Mah...le repliche della Prefettura dovrebbero essere, comunque, dettagliate e con anche riferimenti normativi e/o sentenze. Di conseguenza, anche le risposte fornite dalla PA senza alcuna spiegazione non dovrebbero essere "coerenti".

    Puoi sempre andare dinanzi al GdP e ricorrere avverso il Decreto prefettizio...
     
    Ultima modifica di un moderatore: 25 Maggio 2011
  11. smercki

    smercki Presidente Onorario BMW

    11.355
    679
    9 Giugno 2004
    Reputazione:
    175.044.823
    520d F11
    ci avevo pensato solo che alla fine ho desistito

    il problema è che la sede del GdP è a circa 350 km da casa mia e da quello che so bisogna presentarsi all'udienza

    quindi tra giorno di ferie e spese di viaggio a/r e la marca da bollo di 38 euro, senza avere la certezza che il ricorso venga accolto ho pensato che il gioco non valga la candela e ho lasciato perdere..
     
  12. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Capisco...:sad::sad:

    *= 33 €...solo per la precisione ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />
     
  13. falkonero

    falkonero Kartista

    166
    1
    8 Settembre 2009
    Reputazione:
    173
    Bmw Z4 2.2i (E-85) - Subaru Impreza
    Eccellente vademecum =D>
     
  14. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Grazie, Falko!! ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />

    OT: tutto ok? ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />
     
  15. falkonero

    falkonero Kartista

    166
    1
    8 Settembre 2009
    Reputazione:
    173
    Bmw Z4 2.2i (E-85) - Subaru Impreza
    Si, tutto ok grazie :wink:, a te come va?
     
  16. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Non mi lamento, grazie ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />
     
  17. Bmwdrifter

    Bmwdrifter Amministratore Delegato BMW

    2.752
    204
    29 Maggio 2011
    Reputazione:
    128.865
    Bmw 318i touring
    Iscritto ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />
     
  18. 105andrea105

    105andrea105 Primo Pilota

    1.047
    150
    19 Luglio 2009
    Reputazione:
    2.564.556
    auto
    aggiungerei solo che, se il prefetto non risponde entro i termini di cui sopra, il ricorso si intende accolto (art. 204 comma 1 bis CdS);

    per mia esperienza (ovviamente opinabile), il prefetto accoglie il ricorso (o non adotta l'ordinanza nei termini, che è lo stesso) solo quando il verbale presenta vizi accertabili documentalmente (quando si tratta di valutazioni, tanto vale andare subito davanti al GdP, anche per evitare il sicuro raddoppio della sanzione pecuniaria -non meno del doppio del minimo edittale-)
     
  19. frenkycooper

    frenkycooper Aspirante Pilota

    1
    1
    19 Maggio 2012
    Reputazione:
    20
    Mini cooper sd
    Ho visto che nn sono stati aggiornati i termini entro cui fare ricorso....dal momento della notifica ci sono 60 giorni al prefetto e 30 al gdp...

    Quindi nn piu 60 giorni al gdp!!!!
     
  20. nivola

    nivola Presidente Onorario BMW

    12.733
    5.135
    6 Aprile 2008
    موليز
    Reputazione:
    1.053.409.495
    Bmw 330 Cd (e46),Fiat 500R '73
    Guarda bene...sono stai aggiornati nel momento della modifica legislativa del 7 0ttobre 2011 ;) /emoticons/wink@2x.png 2x" width="20" height="20" />
     
    Ultima modifica di un moderatore: 21 Maggio 2012

Condividi questa Pagina