1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.
  2. Vuoi sostenere in prima persona il forum? Iscriviti al nostro Virtual Club e riceverai targhetta speciale e rimozione di tutta la pubblicità, proprio tutta! Clicca Qui!

BMW Serie 1 F40 Primo contatto e presentazione della BMW Serie 1 F40 | Impressioni e come è dal vivo (foto).

Discussione in 'BMW Serie 1 F40' iniziata da luca_corsini, 1 Luglio 2019.

  1. AR147

    AR147 Presidente Onorario BMW

    13.038
    1.422
    7 Maggio 2005
    Torino
    Reputazione:
    7.605.890
    Giulia Q - Giulietta QV
    Certo senza dubbio non sono l'ultimo grido in termini di gomma UHP tuttavia rispetto alle Primacy 3 di Audi c'è una bella differenza e quelle si che sono turistiche.

    Mercedes aveva le Pilot Sport 4 che, per quanto siano più recenti, non sono a livello delle 4S, ben più performanti e, secondo me, sono più o meno alla pari con il PZero.

    In ogni caso quello che premeva sottolineare è come la rivista stessa, pur riconoscendo il dinamismo della BMW, dice che Mercedes ha un comportamento altrettanto valido e "più composto". Parlano di relativa carenza di trazione alle basse velocità su BMW, una cosa che pare sia caratteristica di questa piattaforma (vedi le "lamentele" se così si possono definire dei proprietari di Serie 2AT).
     
    A Fabio64 e giacomo piace questo messaggio.
  2. daman74

    daman74 Secondo Pilota

    786
    471
    18 Agosto 2018
    Pavia
    Reputazione:
    3.746.687
    X3 G01 M40i & X1 18d sD MSport
    ci aggiungerei anche quelli di X1 sDrive...:sad:
     
  3. AR147

    AR147 Presidente Onorario BMW

    13.038
    1.422
    7 Maggio 2005
    Torino
    Reputazione:
    7.605.890
    Giulia Q - Giulietta QV
    Si anche X2 sDrive e Mini....alla fine pare sia proprio una caratteristica di questa piattaforma. In ogni caso a breve dovrebbero chiamarmi per il test drive, speriamo bene.
     
  4. rich20

    rich20 Direttore Corse

    2.136
    1.144
    19 Aprile 2008
    Reputazione:
    6.011.699
    BMW 118d
    La vuoi comprare?
     
  5. AR147

    AR147 Presidente Onorario BMW

    13.038
    1.422
    7 Maggio 2005
    Torino
    Reputazione:
    7.605.890
    Giulia Q - Giulietta QV
    Assolutamente no, sono spinto dalla curiosità. Avendo in passato avuto S3 ed A45 AMG sono molto curioso di provare, seppur con un test drive poco approfondito, come si comporta questa 1er e di confrontarla con l'A35 AMG.
     
  6. rich20

    rich20 Direttore Corse

    2.136
    1.144
    19 Aprile 2008
    Reputazione:
    6.011.699
    BMW 118d
    Allora sei un perditempo.
    Sono in buona compagnia... :mrgreen:
     
    A Fabio64 piace questo elemento.
  7. AR147

    AR147 Presidente Onorario BMW

    13.038
    1.422
    7 Maggio 2005
    Torino
    Reputazione:
    7.605.890
    Giulia Q - Giulietta QV
    Esattamente, però non ditelo a quelli della BMW :D
     
    A labrie_it e rich20 piace questo messaggio.
  8. actarus8v

    actarus8v Presidente Onorario BMW

    49.917
    4.402
    31 Ottobre 2007
    Parthenopes
    Reputazione:
    21.500.467
    Christine
    quindi ti fanno provare la M135i , bene :vamp:
     
  9. giacomo

    giacomo Presidente Onorario BMW

    12.806
    586
    4 Marzo 2004
    Reputazione:
    1.808.519
    Renault Clio
    un'analisi fondata, bye
     
  10. AR147

    AR147 Presidente Onorario BMW

    13.038
    1.422
    7 Maggio 2005
    Torino
    Reputazione:
    7.605.890
    Giulia Q - Giulietta QV
    Si M135xi, purtroppo non credo riuscirò a provare anche la versione a TA per motivi di tempo.
     
  11. giacomo

    giacomo Presidente Onorario BMW

    12.806
    586
    4 Marzo 2004
    Reputazione:
    1.808.519
    Renault Clio
    confronto francese:




    Les raisons de choisir la BMW Série 1…


    Ne pas faire comme tout le monde, se faire remarquer par un caractère ou une manière de penser différents et sortir du lot. Tels étaient les préceptes des deux précédentes générations de BMW Série 1. Pas nécessairement homogènes, mais très attachantes, les anciennes compactes à l’hélice faisaient figure d’exception dans
    la catégorie, avec leurs roues arrière motrices. Une architecture qui pouvait en refroidir certains, effrayés, à tort, par la propulsion. Plus classique, plus homogène, et surtout plus sérieuse car moins joueuse, cette nouvelle Une rentre désormais dans le rang. En très bonne traction, elle rassure bien davantage qu’auparavant, en particulier en cas de conduite enjouée sur chaussée humide. Peu sujette au roulis, prenant bien ses appuis et freinant court, la nouvelle Série 1 se révèle une compagne sur laquelle on peut compter, quelle que soit la topographie du trajet.

    Côté moteur, si son 2.0 diesel de 150 ch affiche 30 Nm de couple de plus que la Mercedes, cela ne se ressent pas. Dans les deux cas, les performances sont largement suffisantes avec, notamment, des relances efficaces permettant de doubler en toute sérénité. Toutefois, malgré des prestations excessivement proches, le bloc sans bougie de la bavaroise nous semble légèrement mieux encapsulé que celui de la compacte à l’étoile, dont les légers grognements viennent perturber la quiétude à bord.

    Comme à l’accoutumée chez BMW, l’ergonomie de la Une ne souffre pas la critique. Ajustable aux petits oignons, quel que soit le gabarit du conducteur, la position de conduite est une merveille de confort. Mais ce n’est pas tout. Connu depuis l’apparition de la très décriée Série 7 “Bangle” en 2001, la molette iDrive facilite l’utilisation des nombreuses fonctions des équipements de bord. Intuitif, son maniement nécessite moins d’assimilation que le pavé tactile de la Classe A. Une Mercedes très “techno”, dont chaque menu se compose d’un sous-menu à partir duquel il est possible de déconnecter certaines aides à la conduite, tel que le maintien actif dans la voie, que nous trouvons trop intrusif. Chez BMW, c’est beaucoup plus simple. Au centre de la planche de bord, une seule pression de trois secondes sur un bouton permet de tout déconnecter, hormis l’ABS et l’ESP bien sûr. Quant aux aides “supplémentaires”, elles s’avèrent moins présentes et plus finement calibrées.

    Pour trouver un avantage supplémentaire à la BMW, il faut remplir le coffre. Avec 45 litres de plus, il se montre bien plus généreux que celui de sa rivale du jour, dont le volume (335 litres) déçoit franchement. En outre, le hayon de la Série 1 peut être motorisé (option 510 €), un équipement indisponible sur la Classe A. Au chapitre des options justement, les deux concurrentes, ici choisies en finitions hautes, font jeu égal… dans la démesure. Nos deux compactes premium ont en effet le toupet de facturer l’indispensable accès sans clé, alors que leurs tarifs flirtent avec les 40 000 € ! Sans parler de nos deux modèles d’essai, affichés, eux, 48 119 € (BMW) et 48 200 € (Mercedes)…

    … ou de préférer la Mercedes Classe A

    La lecture du texte relatif à la BMW vous a peut-être laissé pantois. On vous comprend. Malheureusement pour la Série 1, il n’est que la traduction objective des impressions ressenties à son volant. La munichoise n’est évidemment pas une mauvaise voiture. Mais – hélas, trois fois hélas – privée de roues arrière motrices, ce n’est plus une bonne BMW. Son agrément de conduite s’apparente désormais davantage à celui d’une Mini ou du monospace Série 2 Active Tourer, quand l’ancienne Une évoquait une Série 3, référence dans le segment des familiales. À son volant, la direction s’avère dure en point milieu et trop souple ensuite. Comme si les ingénieurs bavarois avaient tenté de recréer, artificiellement bien sûr, la sensation d’être aux commandes d’une propulsion… Pourtant, c’est bien le train avant qui entraîne la
    voiture, et force est de constater qu’il manque de motricité sur chaussée humide. Sur voies rapides, à vitesses élevées, la Série 1 tient aussi moins bien le cap que la compacte étoilée, et réclame de légères corrections au volant. Face à la Classe A signée Mercedes, difficile donc de faire le poids.

    Apparue il y a dix-huit mois, cette quatrième génération de compacte a gagné en homogénéité, en confort, en agrément de conduite, en insonorisation, en comportement… En un mot, sur tous les tableaux. Des progrès qui en font aujourd’hui la référence des compactes premium, en attendant la future Audi A3
    prévue pour la fin de l’hiver. Derrière le volant de la Mercedes, à la douceur de conduite impressionnante, on se sent bien, très bien même, et mieux qu’à bord de sa rivale du jour. Souple et précise, la direction très bien calibrée permet de savoir exactement où l’on pose les roues du train avant incisif. Le tout, dans un confort de suspension un brin plus ouaté. Mention spéciale à l’excellente boîte robotisée à double embrayage à huit rapports, selon nous, la meilleure du genre, car pratiquement dénuée du défaut systématique de ce type de transmission : un patinage excessif en manœuvre, avec une arrivée trop brutale du couple. Sur ce point, la “vraie” boîte automatique, à huit vitesses également, de la Série 1 fait aussi bien, en dépit de changements de rapports un chouïa moins rapides.

    Résolument moderne, l’habitacle de la Classe A se montre aussi légèrement mieux construit. Les fameux aérateurs ronds, du plus bel effet, et les deux écrans “flottants” à l’instrumentation numérique (en option) proposant davantage de paramètres, lui confèrent davantage d’élégance et d’originalité. Le levier de vitesses au volant permet de libérer de l’espace au niveau de la console centrale, qui accueille toutes les babioles présentes dans nos poches. Enfin, si goûts et couleurs sont bien l’affaire de chacun, les haricots au gabarit triple XL de la BMW ne nous semblent pas faire preuve d’une grande finesse. Même en Série 1, on affiche le fait de rouler en BMW. Plus discrète, sans tomber dans le classicisme, la Classe A a donc notre préférence. Mais tout est affaire de goût…

    Verdict :

    Aux points, la Mercedes l’emporte de peu. Mais, au quotidien, son agrément, son confort et son homogénéité lui offrent la victoire, face à une BMW bien sous tous rapports, mais moins enivrante que la précédente.
     
  12. MDJ

    MDJ Presidente Onorario BMW

    12.983
    4.689
    14 Novembre 2012
    Reputazione:
    62.240.019
    F20 120d LCI MSport ZF 8m Sport
    Mod poliglotti dove siete ?
    @Alebmwx3
    @Sgranfius
     
  13. Matteo77

    Matteo77

    5.035
    506
    10 Maggio 2011
    Reputazione:
    8.123.868
    BMW 320xd msport
    Tramite Google traduttore..

    In punti, la Mercedes vince poco. Ma, nella vita di tutti i giorni, la sua approvazione, il suo comfort e la sua omogeneità gli offrono la vittoria, affrontando bene una BMW sotto tutti gli aspetti, ma meno inebriante della precedente.
     
    A MDJ piace questo elemento.
  14. Alebmwx3

    Alebmwx3

    13.741
    7.967
    10 Ottobre 2015
    Reputazione:
    60.878.279
    Bmw X 3 f25
    Io il francese manco so dove stia di casa :mrgreen:
     
    A MDJ piace questo elemento.
  15. MDJ

    MDJ Presidente Onorario BMW

    12.983
    4.689
    14 Novembre 2012
    Reputazione:
    62.240.019
    F20 120d LCI MSport ZF 8m Sport
    Mi si squaglia un mito, mio caro
    azzeccagarbugli: dovete nominare
    a brevissimo un mod francofono
    oppure l'internazionalità del pescion
    rischia di andare a meretrici !!!!
    @Infinity tu, a parte il Trevigiano e
    l'italiano hai qualche altra lingua
    nel tuo curriculum ???
    ;)
     
  16. Stefano1971

    Stefano1971 Secondo Pilota

    945
    394
    1 Dicembre 2013
    Torino - Asti
    Reputazione:
    4.511.742
    DefenderTd4 MiniCooperS F57 Bmw F20 125i
    Io lo capisco e lo parlo un po’ il francese...ma quell’articolo da tradurre è un poema...
     
    A MDJ piace questo elemento.
  17. MDJ

    MDJ Presidente Onorario BMW

    12.983
    4.689
    14 Novembre 2012
    Reputazione:
    62.240.019
    F20 120d LCI MSport ZF 8m Sport
    @Alebmwx3 ecco un candidato...
    ;)
     
  18. freddye78

    freddye78 Secondo Pilota

    951
    242
    18 Settembre 2010
    bergamo
    Reputazione:
    4.694.194
    EX E91 320D 184cv Attiva
    Non comportarti come tutti gli altri, fatti notare da un diverso personaggio o modo di pensare e distinguiti dalla massa. Tali erano i precetti delle due precedenti generazioni della BMW Serie 1. Non necessariamente omogenea, ma molto accattivante, la vecchia elica compatta faceva eccezione
    la categoria, con la loro trazione posteriore. Un'architettura che potrebbe raffreddare, spaventata, erroneamente dalla propulsione. Più classica, più omogenea e soprattutto più seria perché meno giocatore, questa nuova A ora entra nel rango. In ottima trazione, rassicura molto più di prima, specialmente in caso di guida su strada bagnata. La nuova serie 1, che non è soggetta al rotolamento, che tiene bene i cuscinetti e riduce i freni, è un compagno su cui contare, indipendentemente dalla topografia del viaggio.

    Lato motore, se il suo 2.0 diesel da 150 CV mostra una coppia maggiore di 30 Nm rispetto alla Mercedes, non si sente. In entrambi i casi, le prestazioni sono ampiamente sufficienti con, in particolare, aumenti efficaci per raddoppiare con fiducia. Tuttavia, nonostante le prestazioni eccessivamente vicine, il blocco senza candela bavarese sembra incapsulato leggermente meglio di quello della stella compatta, i cui lievi grugniti disturbano la pace a bordo.

    Come al solito in BMW, l'ergonomia di One non subisce critiche. Regolabile su piccole cipolle, qualunque sia la dimensione del conducente, la posizione di guida è una meraviglia di comfort. Ma non è tutto. Conosciuta dall'apparizione del tanto diffamato "Serie Bangle" nel 2001, la ruota iDrive semplifica l'utilizzo delle numerose funzioni delle apparecchiature di bordo. Intuitivo, la sua gestione richiede meno assimilazione rispetto al touchpad di Classe A. Una Mercedes molto "techno", ogni menu è costituito da un sottomenu dal quale è possibile disconnettere determinati aiuti alla guida, come la manutenzione attiva nel percorso, che troviamo troppo invadente. Alla BMW è molto più semplice. Al centro del cruscotto, una singola pressione di tre secondi su un pulsante consente di disconnettere tutto, tranne ABS ed ESP, ovviamente. Per quanto riguarda gli aiuti "aggiuntivi", sono meno presenti e calibrati con maggiore precisione.

    Per trovare un ulteriore vantaggio per la BMW, devi riempire il bagagliaio. Con 45 litri in più, è molto più generoso di quello del suo rivale del giorno, il cui volume (335 litri) delude francamente. Inoltre, il portellone posteriore della Serie 1 può essere motorizzato (opzionale 510 €), equipaggiamento non disponibile sulla Classe A. In termini di opzioni precisamente, i due concorrenti, qui scelti in finiture alte, sono uguali a ... in eccesso. Le nostre due compatte premium hanno davvero il compito di caricare l'accesso essenziale senza chiave, mentre le loro tariffe flirtano con 40.000 €! Per non parlare dei nostri due modelli di prova, esposti, loro, 48 119 € (BMW) e 48 200 € (Mercedes) ...

    ... o preferire la Mercedes Classe A

    Leggere il testo della BMW potrebbe averti lasciato senza parole. Ti capiamo. Sfortunatamente per la Serie 1, è solo la traduzione obiettiva delle impressioni percepite al volante. Ovviamente Monaco non è una cattiva macchina. Ma - ahimè, tre volte purtroppo - privo della trazione posteriore, non è più una buona BMW. Il suo piacere di guida è ora più simile a quello di un minivan Active Tourer Mini o Serie 2, quando il vecchio One ha evocato una Serie 3, riferimento nel segmento familiare. Al volante, lo sterzo è duro nel punto centrale e poi troppo morbido. Come se gli ingegneri bavaresi avessero tentato di ricreare, naturalmente artificialmente, la sensazione di essere ai comandi di una propulsione ... Tuttavia, è l'ingranaggio anteriore che guida il
    macchina e forza è notare che manca di abilità motorie sul marciapiede bagnato. Sui binari veloci, alle alte velocità, anche la Serie 1 è meno orientata rispetto alla stella compatta e richiede piccole correzioni al volante. Di fronte alla Mercedes di Classe A firmata, difficile far peso.

    Apparso diciotto mesi fa, questa quarta generazione di compact ha guadagnato in omogeneità, comfort, piacere di guida, isolamento acustico, comportamento ... In una parola, su tutti i fronti. Progressi che oggi lo rendono il punto di riferimento per la compatta premium, in attesa della futura Audi A3
    previsto per la fine dell'inverno. Dietro al volante della Mercedes, l'impressionante fluidità di guida, ci si sente bene, molto bene e meglio che a bordo del suo rivale del giorno. Flessibile e preciso, la direzione molto ben calibrata consente di sapere esattamente dove si posizionano le ruote della ruota anteriore incisiva. Tutto in un comfort di sospensione un po 'più imbottito. Menzione speciale per l'ottimo cambio robotizzato a doppia frizione a otto marce, a nostro avviso, il migliore nel suo genere, perché praticamente privo del difetto sistematico di questo tipo di trasmissione: eccessiva manovra di slittamento, con arrivo della coppia troppo improvviso. Su questo punto, anche il cambio "vero" automatico, anche a otto rapporti, della Serie 1, nonostante le marce leggermente più lente.

    Decisamente moderno, la cabina della Classe A è anche leggermente migliorata. I famosi aeratori rotondi, l'effetto più bello, e i due schermi "fluttuanti" con strumentazione digitale (opzionale) con più parametri, gli conferiscono maggiore eleganza e originalità. Il cambio al volante libera spazio nella consolle centrale, che contiene tutti i ciondoli nelle nostre tasche. Infine, se gusti e colori sono affari di tutti, i fagioli taglia XL XL della BMW non sembrano mostrare una grande finezza. Anche nella Serie 1, mostriamo il fatto di guidare in BMW. Più discreto, senza cadere nel classicismo, la Classe A ha la nostra preferenza. Ma tutto è una questione di gusti ...

    verdetto:

    In punti, la Mercedes vince poco. Ma, nella vita di tutti i giorni, la sua approvazione, il suo comfort e la sua omogeneità gli offrono la vittoria, affrontando bene una BMW sotto tutti gli aspetti, ma meno inebriante della precedente.

    Fatta al volo con il traduttore Google
     
    A MDJ piace questo elemento.
  19. Infinity

    Infinity

    21.792
    4.456
    22 Gennaio 2004
    Reputazione:
    44.503.092
    BMW 320d E91 LCI
    Beh siamo un po’ OT ...^_^ diciamo che tempo fa andava meglio...la cosa brutte delle lingue è che se non le pratichi ne perdi la, seppur minima, padronanza...;)
     
  20. vittauro

    vittauro Primo Pilota

    1.030
    363
    27 Settembre 2015
    Milano Città
    Reputazione:
    3.000.906
    l'ultima f20 lci2 120d xdrive msport
     

Condividi questa Pagina