Nissan Leaf, provata la mia prima elettrica | BMWpassion forum e blog
  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Nissan Leaf, provata la mia prima elettrica

Discussione in 'Auto Giapponesi e Asiatiche' iniziata da Oceano, 21 Novembre 2021.

  1. Oceano

    Oceano Kartista

    117
    20
    28 Maggio 2009
    Reputazione:
    13.391
    125i F20, 2012
    Ciao a tutti,

    qualche giorno fa ho avuto l'opportunità di testare per un giorno la Nissan Leaf, con la batteria da 62 kWh.
    Era in assoluto la mia prima elettrica mai provata ed ecco cosa mi è rimasto.
    Tralascio l'aspetto estetico e la qualità dei materiali, visto che lo scopo era principalmente capire quale fosse l'esperienza di guida.

    Visto che la mia F20 125i ha l'automatico ZF, non ho avuto alcuna necessità di abituarmi all'assenza di un cambio manuale.
    La partenza da fermo è sorprendentemente semplice, di fatto la vettura non appena accesa è in posizione D(rive), quindi è sufficiente dosare l'acceleratore per spostarsi.

    La prima sorpresa, eh sì, resta una sorpresa anche se si arriva preparati, è la totale assenza di rumore. E intendo davvero totale, perché l'isolamento acustico è molto buono quando si viaggia entro i limiti in città.

    L'accelerazione è molto interessante, più per la linearità che per la mera misurazione in g, anche perché la coppia è certamente notevole nello spunto, ma 200 CV non bastano, considerando il peso della Leaf, per eguagliare le prestazioni di un benzina turbo da oltre 200 CV e qualche centinio di kg in meno.

    Furba la modalità "one pedal", ormai diffusa penso su quasi tutte le elettriche, che consente di guidare senza utilizzare il freno, se non in condizioni di emergenza.
    Freno peraltro pessimo, forse il peggior difetto in termini di esperienza di guida, sia per la scarsa modulabilità sia per la posizione alta del pedale.

    In città si guida davvero in totale relax, mai provato nulla del genere e se il mio utilizzo primario fosse quello cittadino passerei all'elettrica domani, per l'esperienza di guida.

    Tuttavia il mio utilizzo è agli antipodi: solo nei week-end e per percorsi medio-lunghi. Proprio dove la Leaf soccombe, sia per autonomia che per piacere di guida.
    Molte prove, YouTube ne è pieno, affermano che l'elettrica grazie al baricentro passo ha una guida divertente: ebbene, probabilmente il confronto implicito è con utilitarie oppure auto medie, perché rispetto alle "nostre" BMW siamo ad anni luce di distanza.
    In realtà mi è sembrato di guidare un furgoncino per la risposta del telaio e dello sterzo, con le stesse velleità sportive di un Ducato.

    [Continua...]
     
    A Bmw_pugliese e Fabio64 piace questo messaggio.
  2. Oceano

    Oceano Kartista

    117
    20
    28 Maggio 2009
    Reputazione:
    13.391
    125i F20, 2012
    Proseguo in questo post.

    Autonomia: notevole per la guida cittadina ed entro i margini delle aree metropolitane. Soprattutto a velocità inferiori ai 90 Km/h.
    Inaccettabile per i tragitti autostradali e tragica se si procede a velocità sostenuta, con l'auto a pieno carico e magari con riscaldamento acceso o climatizzatore, tipica configurazione da vacanza estiva o invernale.
    In tali condizioni l'autonomia può crollare dai 350 km ottimali fino a poco più di 200 km: davvero troppo poco.
    Esiste la possibilità di selezionare la modalità eco per ridurre la potenza del motore elettrico, ma questo settaggio è estremamente conservativo e selezionandolo sembra di guidare una vecchia Panda 30. In salita.
    Inutilizzabile per i miei gusti.

    Comfort di guida: la posizione di guida personalmente non mi ha convinto. L'imbottitura del sedile è nella media, ma la seduta leggermente rialzata, che piacerà tanto agli amanti dei SUV, non fa per me.
    Preferisco una seduta piuttosto bassa, con sedili avvolgenti e non troppo morbidi ma sempre ergonomici.
    Le possibili regolazioni di sedile e volante non sono confrontabili a quelle offerte da quasi ogni BMW e la posizione dei pedali non mi ha convinto.

    Tecnologia di bordo: c'è davvero molto da questo punto di vista. Dal cruise control adattativo alla telecamera che simula la vista dall'alto della vettura per facilitare il parcheggio. Fantascienza rispetto alla dotazione della mia vecchia F20.

    Sintesi: nel complesso non è il tipo di auto che fa per me, sia dal punto di vista razionale che emotivo.
    Nel primo caso la vedo ancora molto orientata al percorso casa/lavoro, condizione tipica dei commuters.
    Nel secondo caso non ha le caratteristiche che mi "inducono in tentazione", perché so che a parte qualche spunto vagamente brillante al semaforo mi stancherei molto rapidamente di una vettura totalmente incapace di trasmettere quel piacere di guida che ci è tanto caro.

    Mi è però molto chiara una cosa: una vettura interamente progettata attorno ad un motore elettrico, non appena le batterie faranno un salto tecnologico in termini di autonomia e peso, potrà essere infinitamente più sportiva e piacevole da guidare di qualsiasi termica mai costruita. Rombo a parte.
     

Condividi questa Pagina