sabato , 17 novembre 2018
Home » Accessori e optional » Quando sarà disponibile la tecnologia per la guida autonoma di livello 5?

Quando sarà disponibile la tecnologia per la guida autonoma di livello 5?

Sembra che l’industria automobilistica  stia trovando un modo per integrare la guida autonoma di livello 5 nelle auto del prossimo futuro. Tutti i più importanti produttori automobilistici sembrano concentrati nel portare a termine questo compito, compresa BMW. Però, mentre qualcuno di questi sta trovando difficoltà a sviluppare un vero sistema autonomo, altri dicono di esserci già riusciti. Ma BMW non è d’accordo con quest’ultimi.

Questa dichiarazione è stata fatta durante il Salone di Francoforte pochi tempo fa. Klaus Frohlich, membro della sezione management di BMW, ha detto ai media che “non è possibile inserire sensori di livello 5 nelle auto, semplicemente perché ancora non esistono. Dobbiamo ancora sviluppare dei chip per gli scanner laser, e non solamente uno, ma ben cinque.” La ragione dietro a un’installazione così complessa è da trovarsi nel modo in cui gli occhi e il cervello umano lavorano, capaci di valutare diverse situazioni in pochi millisecondi.”

La cosa più mutevole intorno a noi, è l’ambiente. Ciò che vediamo con i nostri occhi è perfetto, possiamo capire cosa è vivo e cosa è morto. Possiamo prevedere i movimenti dei pedoni, ma quando siamo in un’auto che viaggia in una strada con 50 pedoni, dobbiamo riuscire a calcolare gli spostamenti più probabili per tutti i pedoni e i ciclisti in pochissimo tempo… il che è difficile, quindi per ora la tecnologia non è in grado di guidare in modo totalmente autonomo e in modo totalmente sicuro, perché un incidente con una tecnologia di livello 5 vorrebbe dire che i responsabili siamo noi.” – ha detto Frohlich.

E mentre prima o poi raggiungeremo questi traguardi grazie all’avanzamento rapido della tecnologia, grazie anche all’aiuto di molte aziende concentrate nello scopo, testare queste tecnologie sarà un’altra gatta da pelare, e probabilmente sarà un processo ancora più lungo. “Ho avuto bisogno di poco meno di 5 milioni di Km di prove per sviluppare la nuova BMW Serie 5. Per un sistema autonomo di livello 5 probabilmente di Km ce ne vorranno 150 milioni, che non possono essere compiuti in strada, quindi abbiamo costruito un enorme stazione di calcolo computerizzata, con una capacità di 500 petabyte, per calcolare fino al 95% dei nostri dati in ambienti virtuali” – ha spiegato Frohlich.

Le sfide da affrontare che la gente non riesce a vedere sono state spiegate ufficialmente da BMW. Per esempio, per riuscire a processare tutti i dati raccolti dai sensori, anche la rete internet ha bisogno di essere ampliata. Al momento, le BMW includono dei moduli SIM 4G, e mentre per ora il 4G è tutto ciò che serve, per le auto autonome di livello 5, ci sarà il bisogno di elaborare molti più dati, e quindi per il 2020 ci sarà sicuro bisogno di una rete 5G. Questo perché le mappe devono essere più precise, e devono essere precaricate nel sistema dell’auto prima ancora che venga raggiunta un’area designata, per essere sicuri che non accada nulla di storto se la connessione venisse persa.

Oltre tutto, ogni auto avrà bisogno di circa 33 sensori secondo BMW, e se uno di essi dovesse fallire sull’Autobahn, a una velocità molto elevata, questa situazione dovrà essere gestita in autonomamente dal veicolo, dato che una semplice frenata brusca a 200 Km/h non è contemplabile. Tutti questi problemi devono essere risolti prima di poter parlare seriamente delle auto autonome di livello 5, e anche se qualcuno può essere deluso nel sapere quanto lavoro c’è ancora da fare, è giusto che tutto sia fatto come si deve.

About Paolo Colucci

Fondatore del primo forum BMW in Italia nel 2002 è da sempre appassionato del marchio bavarese di cui continua a coltivarne l'interesse e promuovendo eventi e raduni per la propria community

Vedi anche

PRIMA MONDIALE | BMW M340i 2020 svelata prima di L. A.

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Fino a quando non vedremo la ...

BMW M8 | la prova di Autocar

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn In rete stanno trapelando da un ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *