tesina maturità "BMW e il mondo che cambia" | BMWpassion forum e blog
  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

tesina maturità "BMW e il mondo che cambia"

Discussione in 'BMW Classiche e storiche' iniziata da panph, 30 Marzo 2009.

  1. panph

    panph Collaudatore

    424
    6
    28 Marzo 2009
    Reputazione:
    457
    420d GranCoupé M-Sport
    non sapevo bene dove inserire questo topic, questo posto mi sembrava il + adeguato, e frequentato da persone che potrebbero essere in grado di rispondermi :wink:
    quest'anno potrò dichiarare conclusi i miei studi alle superiori... esco dal liceo scientifico tecnologico, e come tesina porto "BMW e il mondo che cambia".
    come argomenti ovviamente tema centrale storico: la storia della BMW, dalla sua creazione nel 1917 fino ai giorni nostri, il programma prosegue con fisica e scienze, con studio di motori elettrici, e programmi BMW efficient Dynamics e BMW Clean Energy, per poi sfociare in filosofia con Marx, studio di ambienti produttivi e catene di montaggio...

    a breve posterò una prima bozza della tesi, ho appena finito la parte storica...
    e i titoli dei paragrafi sono:
    • Il contesto
    • Nasce la BMW
    • Il primo motore: BMW IIIa
    • Nel primo dopoguerra
    • Produzione per l’esercito tedesco durante la WWII.
    • Nel secondo dopoguerra
    • La rinascita
    • Il periodo BMW-Glas
    • Produzione attuale

    la prima parte direi di averla fatta molto bene, con il generoso aiuto di Wikipedia e di alcuni siti di appassionati... il mio dubbio è dal capitoletto secondo dopoguerra in poi... più che parlare delle tappe meccaniche e dei modelli che hanno fatto la storia della bmw mi sembra che non posso dire altro... ho parlato della 340, della 507, Isetta, 700, 1600gt, per poi approdare agli anni 70' con la serie3 e serie 5.. non ho scritto un gran che e mi piacerebbe implementare questa sezione..
    secondo voi cosa potrei aggiungere di molto rilevante dal secondo dopoguerra in poi? accetto qualunque consiglio, da modelli, a riferimenti di gestione dell'azienda (infatti ho scritto anche della rolls royce, mini ecc..), siti o libri particolarmente ricchi di informazioni ecc ecc.. tutto
    grazie :wink:


    AGGIORNAMENTO: dato che ormai siamo nel 2016 aggiorno il link per scaricare la tesina, visto che ho ricevuto una grande richiesta! il link funzionante è il seguente:

    https://dl.dropboxusercontent.com/u/83124560/alessio_bonfante_tesina.pdf
     
    Ultima modifica di un moderatore: 3 Febbraio 2016
  2. fastfreddy

    fastfreddy Direttore Corse

    2.387
    95
    30 Dicembre 2007
    Reputazione:
    78.443
    E63 630i SMG
    ...beh, il passaggio fondamentale é stata l'assemblea del '59 (dicembre forse?) nella quale si é deciso di rifiutare la proposta d'acquisto di Daimler e di rilanciare l'azienda sulla base dei nuovi progetti di Michelotti e dei soldi del buon Herbert Quandt che diventa da quel giorno l'azionista di riferimento...il rilancio passa dalla 700 e, più concretamente, dalla Neue Klasse (citeremo anche la Isetta realizzata su licenza della ISO Rivolta) che rimettono in ordine i conti e rendono popolare un marchio sino ad allora molto più esclusivo...in pratica la BMW moderna nasce in questi anni: stile italiano e soldi di uno dei più grandi magnati dell'industria e della finanza tedesche (BMW, Loewe, Altana, Varta ecc.) ....vedi anche: http://www.bmw-stiftung.de/

    http://www.historischesarchiv.bmw.de/1/webmill.php?fx=g&id=630050
     
    Ultima modifica di un moderatore: 30 Marzo 2009
  3. panph

    panph Collaudatore

    424
    6
    28 Marzo 2009
    Reputazione:
    457
    420d GranCoupé M-Sport
    ok grazie, questo passaggio lo avevo riassunto in poche righe... data la sua importanza cercherò altre info e giu a implementare... xò cacchio.. solo di parte storica sono già a 18 pagine... devo darmi una calmata :mrgreen::mrgreen:
     
  4. fastfreddy

    fastfreddy Direttore Corse

    2.387
    95
    30 Dicembre 2007
    Reputazione:
    78.443
    E63 630i SMG
    ...purtroppo ho appena chiuso il piccolo sito dove conservavo un pò di documenti e riferimenti storici...se trovo qualcosa nei pc te li giro...

    Comunque nell'archivio storico BMW (che ho linkato nel post precedente) trovi parecchio materiale...

    Se vuoi qualche spunto di riflessione posso anche buttarteli lì, ma poi devi trovarti i riferimenti documentali...per esempio sul legame tra la famiglia Quandt e il regime nazista...
     
  5. batmobile

    batmobile Presidente Onorario BMW

    16.069
    936
    25 Marzo 2004
    Reputazione:
    241.296
    dalla 02 alla e36.
    Seti serve documentazione o altro, mandami un pm, ci vediamo e ti ceerco di aiutare:wink:
     
  6. Seraph

    Seraph Amministratore Delegato BMW

    3.507
    722
    3 Novembre 2008
    Reputazione:
    308.387
    .
    Quando hai finito me la passi almeno la presento io quando tocca a me per la maturità? :D
    Comunque complimenti per l'idea ;)
     
  7. fastfreddy

    fastfreddy Direttore Corse

    2.387
    95
    30 Dicembre 2007
    Reputazione:
    78.443
    E63 630i SMG
    Riguardo l'aspetto produttivo c'é uno spunto interessante: BMW di recente ha inaugurato un bell'edificio che connette i vari ambiti dello stabilimento di Lipsia...

    http://www.bmw-werk-leipzig.de/leipzig/deutsch/lowband/com/de/index.html

    Uno dei rari esempi moderni di evoluzione dell'architettura industriale...

    Riporto quanto avevo scritto a suo tempo per Virtualcar...facendo un parallelo con il mitico Lingotto...

    ...e poi ci sarebbe anche da parlare del "4 cilindri"; uno dei più eclatanti esempi di identificazione tra architettura e impresa...

    ----------------------------
    Dal Lingotto a Lipsia: evoluzione della fabbrica di automobili
    Prendo spunto dall’articolo di Casabella n°732 a proposito del nuovo stabilimento BMW di Lipsia [1] per una breve riflessione su architettura industriale e automobili.
    E’ piuttosto insolito leggere recensioni di “fabbriche” adibite alla produzione di auto sulle riviste di architettura (a maggior ragione prestigiose come questa) visto che generalmente sono costruzioni poco interessanti (al più compaiono sporadicamente i centri adibiti al design o i musei): l'architettura di qualità non ha molto successo in luoghi che sono innanzitutto iper-funzionali, che rispondono a strette logiche economiche e che non hanno per loro natura un ritorno diretto d’immagine.
    In realtà non ci riferiamo all’intero complesso ma solo a un suo piccolo ambito, ovvero al corpo centrale dello stabilimento che collega, in un vorticoso gioco architettonico, i vari spazi produttivi tradizionalmente ospitati in strutture molto più convenzionali. Il progetto é dell'arch. Zaha Hadid [2] (irachena trapiantata in terra inglese e prima donna a conquistare il Premio Pritzker) che ha vinto un concorso indetto dal costruttore bavarese nel 2001.
    "Cuore dell'intero complesso, la costruzione accoglie gli impianti di smistamento delle produzioni realizzate nei tre reparti della fabbrica di autoveicoli (trattamento delle scocche, verniciatura e assemblaggio), e i servizi per le persone che vi lavorano e per i visitatori. Inoltre il nuovo complesso ospita la mensa e la caffetteria, spazi di socializzazione, nonché uffici, laboratori e aree per il controllo della qualità. Per usare le parole del bando di concorso, si tratta di un edificio multifunzionale che favorisce la comunicazione. E proprio intorno al concetto di comunicazione - interna all'azienda e diretta verso l'esterno - ruota la filosofia BMW, che ha trovato nell'architettura di Zaha Hadid e Patrik Schumacher una convincente e spettacolare espressione e interpretazione (...) Orgogliosa esibizione della qualità del prodotto, i prodotti stessi sono visibili sin dalla hall d'ingresso, e poi da tutti gli spazi di lavoro e di sosta, e come una sorta di leitmotiv attraversano fisicamente e visivamente l'intero edificio (...) Gli operai, che accedono ai vari reparti di produzione o si recano alla mensa situata al primo piano, vedono gli ingegneri e gli impiegati alla loro scrivania oppure impegnati in meeting ristretti all'interno di box vetrati adibiti a questo scopo; anche i cuochi al lavoro nella mensa preparano gli alimenti in vetrina, mentre i visitatori vengono immediatamente colpiti dalla vista delle automobili che paiono fluttuare nello spazio che li accoglie e dalla visione diretta di coloro che garantiscono la qualità dei prodotti messi in scena su questo palcoscenico dove lo spettacolo della merce é stato organizzato con massima cura e chirurgica precisione". [3]
    Guardando le immagini non si può non notare la singolarità di questo edificio: un complicato gioco di volumi, superfici, colori, materiali che sembra scontrarsi con la severa logica di un ambiente produttivo. Eppure proprio la complessa ma raffinata progettazione del "caos" organizza in modo insolito ma comprensibilissimo questo spazio. Quanti secoli sono passati dalla stupenda fabbrica fordista del Lingotto? [4] ...nemmeno uno, ma sembrano cento. La razionale e possente architettura di Giacomo Mattè Trucco, che accoglie la realtà alienante della catena di montaggio con la sua organizzazione lineare dello spazio produttivo, dista anni luce dall'iperbolica, espansiva e multiforme fabbrica che mette in scena la produzione. Tuttavia, nonostante il secolo che li separa, questi due esempi di grande architettura industriale sono accomunati dalla perfetta sintesi del messaggio che intendono esprimere, ognuno in modo coerente alla propria epoca: il Lingotto é un irripetibile esempio di architettura industriale, probabilmente la miglior costruzione che si potesse immaginare per una fabbrica di automobili (stupende ancor oggi le grandi rampe elicoidali che salgono all’affascinante pista di collaudo che corona l’edificio) che rappresentava sé stessa e la magnificenza della produzione organizzata; allo stesso modo il corpo centrale dell'impianto di Lipsia, in un periodo storico dove non contano più dimensione e presenza, materializza il messaggio di un'azienda che si fa rappresentare dal suo ciclo produttivo. L'immutabile e rigida catena di montaggio fordista si rispecchia nei tratti regolari del Lingotto; la complessità e la spettacolarizzazione della produzione moderna trovano espressione compiuta in questo elaborato animale tecnologico (quasi organico) di Lipsia. L'architettura è profondamente diversa, ma il messaggio il medesimo: l'industria, celebrando sé stessa, affascina ed é specchio fedele del tempo.
    Nell’impianto BMW sembrano superate anche le tradizionali divisioni di classe: non ci sono più steccati invalicabili tra operai, impiegati e dirigenti ma gli spazi si compenetrano; ogni "attore" ha pari dignità in questa messa in scena. Più che una fabbrica sembra quasi la trasposizione moderna della bottega rinascimentale nella quale operavano a stretto contatto, in un processo creativo multidisciplinare ma univoco, capimastri e allievi, ingegneri e pittori; un luogo nel quale i committenti si recavano in visita a osservare e ordinare l'opera come oggi i clienti fanno visita alla fabbrica BMW.
    Benché Lipsia non sia la Firenze del ‘400 e le BMW, per quanto apprezzabili, non siano opere d’arte, va quindi dato merito alla Bayerische Motoren Werke (peraltro non nuova a interventi di un certo interesse [5] ) di aver restituito dignità a luoghi che sembravano destinati a essere inesorabilmente dimenticati.
    fastfreddy
    [1] http://www.bmw-werk-leipzig.de
    [2]http://www.zaha-hadid.com
    [3] cit. in: "Il palcoscenico meccanico della merce" di Chiara Baglione
    Casabella n. 732 pag. 92 (aprile 2005).
    [4] http://it.wikipedia.org/wiki/Lingotto
    [5] …la stessa BMW che, paradossalmente, sta appiattendo l’aspetto delle
    sue concessionarie con architetture stereotipate di scarso profilo.
     
  8. beckervdo

    beckervdo

    55.589
    3.918
    26 Febbraio 2006
    Reputazione:
    356.000.000
    BMW 530d E61 / Mazda 2 1.3 16V
    Qualcuno non dimentichi la EMW (Eisenach Motoren Werke)

    Il progetto M1 (che doveva essere una Lamborghini)

    il credere nei motori ad idrogeno e metano (750iHL, 523g)

    ed in maniera moderna dell'affare LandRover - Rover

    la diatriba con il gruppo VAG per il controllo di Bentley e Rolls-Royce

    e come nome della tesina potresti utilizzare anche un simil spot: "BMW: un grande passato davanti a sè"

    e annoverare magari alcune figure di spicco nelle competizioni: Nelson Piquet, Alex "Pineapple" Zanardi ad esempio
     
    Ultima modifica di un moderatore: 30 Marzo 2009
  9. batmobile

    batmobile Presidente Onorario BMW

    16.069
    936
    25 Marzo 2004
    Reputazione:
    241.296
    dalla 02 alla e36.
    non dimenticare la creazione della divisione sud africa, che ha permesso di usare le utensilerie delle berline glas per molti anni in + che in Europa, come di vendere le e12 per altri 2 anni... oltre a modelli specifici.

    Altro aspetto, che la accomuna ad alfa, la produzione postbellica di cucine e pentole.
     
  10. fastfreddy

    fastfreddy Direttore Corse

    2.387
    95
    30 Dicembre 2007
    Reputazione:
    78.443
    E63 630i SMG
    Riguardo la "gestione aziendale" é meglio sorvolare :lol: ...hanno cominciato costruendo auto di lusso, sostanzialmente fallendo (un pò per via delle guerre, un pò per via della Mercedes che allora era "il costruttore").

    Hanno ripreso con le auto di lusso nel dopoguerra non capendo che si comincia dal basso...che i soldi non c'erano e che il marchio non aveva la forza di imporsi...

    Poi c'é stata la rinascita che citavo nel primo reply (basata sostanzialmente sulla grande cocciutaggine e capacità organizzativa tipica dei tedeschi) che ha fatto della BMW un costruttore di primo piano nei segmenti alto di gamma...

    Negli anni '90 hanno pensato bene di seguire l'esempio di VW cercando di diventare un gruppo a 360 gradi vedendo nell'agonizzante industria britannica l'occasione per farlo...ma come Hitler non riuscì ad andare oltre manica, anche BMW ci ha lasciato lo zampino :lol: arrivando sull'orlo del fallimento...

    Quindi lasciamo stare...se proprio BMW é l'esempio lampante dell'impossibilità di mischiare prodotti di lusso e utilitarie...l'unica che sembra vagamente riuscirci é VW, ma solo oggi e non sempre...
     
  11. fastfreddy

    fastfreddy Direttore Corse

    2.387
    95
    30 Dicembre 2007
    Reputazione:
    78.443
    E63 630i SMG
    Tra le strategie aziendali di succeso dovresti citare senz'altro la "riconoscibilità del prodotto"...tecnicamente e anche stilisticamente BMW é uno dei prodotti più tradizionali del panorama automobilistico (assieme a Mercedes Benz, ovviamente); alla lunga questo modo di fare ha pagato conferendogli un'immagine molto solida e duratura...tutti i designers che entravano in BMW, che fossero un Bangle qualunque o Bertone, sapevano che per disegnare una BMW erano imprescindibili alcuni elementi: proporzioni, doppio rene, gomito del montante C, doppi fari, ecc.
     
  12. Silverice

    Silverice Amministratore Delegato BMW

    3.543
    72
    14 Settembre 2005
    Milano
    Reputazione:
    295.379
    Z4 3.0 -330Ci -Tiguan Rline (Ex e36-e30)
    Forse ti può essere utile la rivista che stanno pubblicizzando proprio in questi gg in edicola con la storia del marchio :wink:
    purtroppo non ricordo il nome della rivista, ma non mi pare una delle solite :-k
     
  13. batmobile

    batmobile Presidente Onorario BMW

    16.069
    936
    25 Marzo 2004
    Reputazione:
    241.296
    dalla 02 alla e36.
    Gomito di Hoffmeister
     
  14. bourne

    bourne Amministratore Delegato BMW

    2.973
    237
    31 Maggio 2008
    Reputazione:
    310.916
    il trattore nero
    Complimenti per la tesina e per la fantasia di trovare un argomento tanto appassionante e riuscire a legarlo alle materie prettamente scolastiche.
    Non ti so molto aiutare (se non dirti del Bmw Welt per l'archiettetura moderna e la logistica).


    E io che feci il Neorealismo..:redface::redface:
     
  15. beckervdo

    beckervdo

    55.589
    3.918
    26 Febbraio 2006
    Reputazione:
    356.000.000
    BMW 530d E61 / Mazda 2 1.3 16V
    Alto di Gamma per caso?
     
  16. panph

    panph Collaudatore

    424
    6
    28 Marzo 2009
    Reputazione:
    457
    420d GranCoupé M-Sport
    grazie a ttt per gli aiuti...
    riprendendo un po' di cose che avete detto:
    la parte relativa al museo nuovo, la "scodella" e il 4 cilindri l'ho già citato, e andrò a visitarlo a pasqua, così da poter completare la tesina con un bel video che inserirò nel ppt di monaco..
    poi EMW già scritto anche abbastanza approfondito, periodo BMW-Glas anche..

    adesso la sto uppando sul mio webspace... poi metto il link così potete scaricarla... ricordo che è solo un abbozzo.. e il layout è ttt sfasato xkè la sto facendo in docx e l'ho convertita in doc così ttt possono vederla..
     
  17. panph

    panph Collaudatore

    424
    6
    28 Marzo 2009
    Reputazione:
    457
    420d GranCoupé M-Sport
    bella la parte che ha trovato fastfreddy sulla fusione di industria e architettura... potrei inserirla nella parte della tesina riguardo l'impatto di bmw sull'ambiente.. oltre che analizzare la parte puramente ecologica come emissioni, consumi, risparmi vari ecc, potrei anche parlare di come cercare un giusto connubio tra industria e ambiente.. bella idea ;) non ci avevo pensato...

    poi anche come diceva batmobile delle bmw a idrogeno, è tema centrale della parte di scienze.. sapevi che nel 1979 bmw ha creato la prima vettura a idrogeno in assoluto? era una 520Hi.. :biggrin:

    http://panph.altervista.org/tesina_bmw_2003.doc
    ATTENZIONE: se nn lo apre con il semplice click, fate tasto destro e scarica file, o qualcosa del genere.. a me non lo fa con il singolo click.. sarà safari..
    qui è possibile scaricare la bozza della tesina... ricordo che è un abbozzo.. devo rivederla.. soprattutto la parte finale, che praticamente non c'è scritto niente..
    dateci un'occhiata e se avete voglia di dare una modifica e poi reinviarmela, terrò conto dei cambiamenti :wink:
     
    Ultima modifica di un moderatore: 31 Marzo 2009
  18. fastfreddy

    fastfreddy Direttore Corse

    2.387
    95
    30 Dicembre 2007
    Reputazione:
    78.443
    E63 630i SMG
    Me la leggo con calma, ma una cosa devi correggerla subito...il logo originario depositato (ufficio imperiale dei brevetti ??? ...non ricordo), non nasce come stilizzazione dell'elica...il brillante accostamento all'elica é di qualche anno più tardi ma inizialmente non c'era questa intenzione...la ripartizione in quattro campi é ispirata alla bandiera bavarese (e ai relativi colori).
     
  19. fastfreddy

    fastfreddy Direttore Corse

    2.387
    95
    30 Dicembre 2007
    Reputazione:
    78.443
    E63 630i SMG
    L'ho letto...se mi consenti una critica che spero costruttiva, imho devi metterci qualche tua personale considerazione...perché sennò rischi di raccontare semplicemente la storia di una società (cosa che può anche essere interessante ma normalmente una tesina sottintende un qualche apporto personale...o forse non ho capito che tipo di lavoro devi fare).

    ...una piccola cosa...a proposito dell'Alpina: " il tutto ovviamente ad un prezzo spropositato"...spropositato é un giudizio...se il mercato compra, vuol dire che non é spropositato :wink: ...ci metterei qualcosa del tipo "prezzo più elevato".

    Per il resto mi sembra che le informazioni riportate siano corrette.

    Questa magari ti fa comodo...non so...

    [​IMG]
     
  20. M3 E30 DTM

    M3 E30 DTM Kartista

    168
    6
    17 Marzo 2009
    Reputazione:
    67
    M3 E30 - M3 e46 GTR V8 - 330d
    Ciao,
    Ti ho inviato un PM:wink:
     

Condividi questa Pagina