Home » BMW Serie 4 » BMW Serie 6 E63 by Hartge – avevano previsto tutto?

BMW Serie 6 E63 by Hartge – avevano previsto tutto?

Il principale punto di discussione per tutta la community bavarese è, senza dubbio, il nuovo design della BMW Serie 4 2021. Anche se ci sono diversi aspetti su cui discutere, come la quasi totale assenza dell’Hofmeister Kink, l’aspetto più controverso è ovviamente situato nella parte anteriore. Sì, stiamo parlando delle griglie. Incredibilmente, tempo fa qualcuno ha avuto un’idea molto simile a quella di BMW nei giorni nostri e no, non stiamo parlando dei Simpson.

Stiamo parlando del team di tuners Hartge. Tempo fa, questi tuners hanno presentato un loro progetto derivato dalla BMW Serie 6 E63 che presentava delle enormi griglie sviluppate in verticale. A peggiorare le cose, l’auto scelta come protagonista di questa build presentava già da sé un design controverso, dovuto alla forma particolare dei fari che BMW amava modificare in continuazione all’epoca.

Le auto della così detta “era Bangle” sono sicuramente particolari, tanto che appena Bangle se ne andò dall’azienda le vetture cambiarono drasticamente la loro estetica. La BMW Serie 6 E63 faceva parte di quell’era e Hartge decise di spingere ancora più duramente sull’acceleratore. Il paraurti di serie fu sostituito con uno nuovo, caratterizzato da griglie più grandi, con un design che si avvicina tremendamente a quello che abbiamo visto sulla nuova Serie 4 Coupé.

Trattandosi di un prodotto Hartge, ovviamente anche i cerchi, gli scarichi e il motore furono modificati. Considerando che questo modello di Hartge fu lanciato più di 15 anni fa, potremmo affermare che BMW abbia preso ispirazione da questa build? Voi che ne pensate?

About BMWPassion

Vedi anche

BMW M4 2021 – un altro Leak per BMW!

Diversi mesi prima del suo debutto ufficiale, la BMW M4 2021 è nuovamente protagonista dei ...

BMW Serie 4 Cabrio – ce la immaginiamo così

I talentuosi “renderer” di X-Tomi Design hanno di recente pubblicato la loro ultima creazione, che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *