lunedì , 21 agosto 2017
Home » Mercato » MINI: allo stabilimento di Oxford prodotti 3 milioni di esemplari

MINI: allo stabilimento di Oxford prodotti 3 milioni di esemplari

MINI Clubman JCW 3° Milion

MINI: allo stabilimento di Oxford prodotti 3 milioni di esemplari da 2011. La MINI John Cooper Works Clubman è l’esemplare n° 3 milione

MINI: allo stabilimento di Oxford prodotti 3 milioni di esemplari da 2011. La MINI John Cooper Works Clubman è l’esemplare n° 3 milione. L’80% delle vetture prodotte sono spedite in tutto il mondo. Da circa 300 vetture al giorno nel 2001 a circa 1.000 odierne, con una famiglia di ben 4.500 operai ad Oxford che producono una nuova vettura quasi ogni minuto. L’80 per cento delle MINI costruite qui, sono esportate in più di 110 mercati in tutto il mondo. Da quando hanno iniziato la costruzione delle MINI nel 2001, la piccola inglese si è dimostrata molto popolare in tutto il mondo. La passione e l’impegno che tutti i presenti presso l’impianto hanno per la costruzione di un prodotto di alta qualità è fondamentale per questo successo. L’esemplare n° 3 milionesimo costruito ad Oxford è un risultato notevole.

Le vendite di MINI nel mondo

Le vendite di MINI, sia nel Regno Unito che a livello internazionale, sono andate rafforzandosi nel corso degli ultimi 15 anni. Nel suo primo anno quasi 40.000 MINI sono state vendute in tutto il mondo. Entro il 2015 questo numero era salito a quasi 340,000 vetture. I tre stabilimenti del Regno Unito hanno un ruolo da svolgere nella sua produzione – Hams Hall vicino a Birmingham realizza i motori, Swindon produce gli stampati del corpo vettura ed i sottoinsiemi per MINI, e tutto questo viene spedito a Oxford con la scocca, pronta per transitare nei reparti di produzione, verniciatura ed assemblaggio finale.

Insieme, questi impianti hanno contribuito a generare e sostenere l’occupazione per migliaia di persone direttamente e indirettamente, anche se la catena di fornitori è molto più ampia, così come quella dei rivenditori.

Un cuore pulsante: Oxford

Dal 2000, ben 1,75 miliardi di £ sono stati investiti dal BMW Group nei tre impianti e ad Oxford questo ha incluso un reparto Verniciatura a regola d’arte, una nuovo impianto di realizzo corpo vettura ad alta tecnologia, una nuova area di assemblaggio finale, un nuovo centro logistico, un nuovo centro di Controllo Qualità e Centro di Ingegneria e la MINI Academy, dove vengono addestrati gli apprendisti dell’impianto.

Oxford, il cuore e la casa di produzione della piccola inglese, ha una ricca storia di produzione di motori. E’ stato il primo impianto di costruzione di automobili dal 1913 quando il grande progettista, imprenditore e filantropo William Morris (in seguito Lord Nuffield), ha prodotto la sua prima auto, una “Bullnose” Morris, nei pressi dell’impianto di produzione odierna.

Cartella stampa completa

About Michele Picariello

Ingegnere Meccanico con la passione per la scrittura. Si dedica da tempo alla ricerca di informazioni tecniche e commerciali per il mondo BMW e le realtà ad esso connesse.

Vedi anche

BMW M2 Coupe' LCI F87

BMW M2 Coupe restyling: la bomba mignon di Monaco si rinnova esteticamente

58shares Facebook Twitter WhatsApp Google+ Flipboard Telegram LinkedIn Digg BMW M2 Coupe restyling: la bomba ...

BMW Serie 1 M.Y. 2018

BMW Serie 1 M.Y. 2018: la piccola di Monaco si rinnova nuovamente

47shares Facebook Twitter WhatsApp Google+ Flipboard Telegram LinkedIn Digg BMW Serie 1 M.Y. 2018: la ...