annuncio

Comprimi

AVVISO PER GLI UTILIZZATORI DI TAPATALK

Tapatalk al momento sembra non funzionare correttamente. Essendo un app di terzi il suo funzionamento non può dipendere da noi.
E' stato comunque segnalato alla loro assistenza il malfunzionamento e ci è stato riferito che cercheranno quanto prima di sistemare il problema.
BMWpassion è un sito Responsive, la cui grafica si autoadatta agli schermi dei cellulari ed quindi agevolmente fruibile anche con questi terminali.
Per conoscere le novità potete seguire questo breve tutorial:
http://www.bmwpassion.com/forum/foru...ell-08-06-2017
Visualizza altro
Visualizza di meno

ZTL - legislazione in merito e RICORSI -

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ZTL - legislazione in merito e RICORSI -

    Un mio caro amico è stato multato con 3 contravvenzioni (3 nell'arco temporale di 10 minuti), per circolazione in ZONA TRAFFICO LIMITATO, nel comune di REGGIO EMILIA, circa un mese fa, mentre accompagnava in auto la propria figlia disabile (portatrice di handicap) a fare delle visite o delle fisioterapie.
    Le 3 multe (sanzioni) sono di cerca 80 euro cad/l'una...(non mi pare ci sia stato il decurtamento punto, da verbale).



    Ora, spulciando in interneto ho trovato questo:

    Può un soggetto disabile, titolare di specifica autorizzazione ex artt. 188 C.D.S. E 381 D.p.r. 495/1992 e pedissequo contrassegno, autonomamente o accompagnato da altro conducente, entrare nelle zone a traffico limitato di un qualsiasi Comune d'Italia, senza incorrere nel rischio di essere sanzionato per la violazione all'art. 7 C.d.S.?

    Il Giudice di Pace di Arezzo ha sentenziato che il Codice della Strada (art. 381 del Regolamento di attuazione) attribuisce al disabile, munito di autorizzazione dal proprio comune di residenza, il diritto di circolare nelle zone soggette alla limitazione del traffico, cosiddette Ztl, diritto che non è vincolato ad uno specifico veicolo, ed è valido su tutto il territorio nazionale.
    Tale autorizzazione agisce in deroga al punto b -primo comma- e nono comma dell’art. 7 C.d.S. il quale prevede la facoltà per le Amministrazioni Comunali di limitare la circolazione dei veicoli in determinate zone cittadine per “accertate e motivate esigenze” elencata nello stesso articolo.
    La decisione in questione nasce dal caso di un disabile (rectius: dal padre del medesimo che conduceva in auto il ragazzo) il quale, munito di un regolare permesso di circolazione rilasciato dal proprio Comune di residenza (Lanciano), si è recato con l’auto presso il Comune di Arezzo, ed ha attraversato la Ztl.
    A seguito della ripresa della targa del veicolo da parte della video-camera all’ingresso della Ztl è stata successivamente irrogata la sanzione.
    Il disabile ha fatto ricorso al Prefetto di Arezzo, il quale, tuttavia, ha respinto il medesimo asserendo la violazione di “procedure previste ed indicate nella segnaletica”.
    Il successivo ricorso al Giudice di Pace di Arezzo, invece, ha dato l’esito sopra descritto.
    Detta Sentenza pare particolarmente importante in quanto evidenzia che sono illegittimi tutti i regolamenti del Comune, anche se contenuti in apposita Ordinanza comunale richiamata nella segnaletica di accesso alle Zone a Traffico Limitato, i quali prevedano una preventiva autorizzazione specifica per l’accesso alla Ztl a chi è già in possesso di una autorizzazione, in quanto disabile, rilasciata dal Comune di residenza.
    Detta Sentenza, in sostanza, avvalora la piena validità di un’autorizzazione che è connessa alle condizioni della persona, e dunque vieta i particolarismi autorizzativi comunali.

    massima:

    nel caso che il Comune, in base alle risultanze successive di apparecchiature di video-controllo degli accessi alla Ztl, invii la sanzione al presunto violatore, quest’ultimo ben può esibire, anche solo nel giudizio di opposizione, l’autorizzazione rilasciata dal Comune di residenza in quanto disabile, con conseguente annullamento della sanzione.
    La suddetta autorizzazione esclude del tutto la necessità di una ulteriore autorizzazione specifica alla circolazione da parte di altro Comune, seppur regolamentata a mezzo di apposita Ordinanza comunale, in quanto è valida su tutto il territorio nazionale.
    Non costituisce, pertanto, valida eccezione da parte del Comune di transito quella per cui il disabile avrebbe dovuto richiedere, specificamente, anche in via semplificata, l’autorizzazione anche del detto Comune, in quanto detta pretesa contrasta col diritto sancito dal Codice della Strada, e concretizzato nella autorizzazione di cui il disabile è già in possesso.”
    I Disabili, alla luce di questo precedente giurisprudenziale, si spera potranno avere in futuro sonni più tranquilli!
    (Altalex, 8 settembre 2006. Nota a cura del Dott. Enzo Benincasa e dell'Avv. Stenio Benincasa. Si veda anche l'articolo di Altalex Mese)


    Giudice di Pace


    Arezzo


    Sentenza 27 giugno 2006


    REPUBBLICA ITALIANA


    In nome del popolo italiano

    Il Giudice di Pace di Arezzo, dottor Rodolfo Pieschi, ha pronunciato la seguente

    SENTENZA

    nella causa civile iscritta al n° 115/06 del R.G., promossa, con ricorso, da XXXXX, che si difende in proprio ex Art. 82 C.p.C.,
    RICORRENTE
    contro
    UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO - PREFETTO di Arezzo
    RESISTENTE
    OGGETTO: Opposizione a Decreto-ingiunzione del Prefetto, che ha confermato una sanzione amministrativa.
    CONCLUSIONI:
    Il ricorrente chiede l'annullamento delle contravvenzioni.
    Il resistente Prefetto di Arezzo ha delegato il Comune di Arezzo alla tutela in sede giudiziaria, in relazione al presente procedimento, ex Art. 205, 3 ° comma D.Lg.vo n. 285 del 30.04.1992.

    SVOLGIMENTO DELLA CAUSA

    Con ricorso depositato il 16.01.2006 ed all'udienza del 27.06.2006 il sig. xxxxx esponeva che il giorno 18.12.04, con vettura di sua proprietà, venuto ad Arezzo dalla sua residenza di Lanciano (Chieti), entrava in ZTL (via Guido Monaco) in orario non consentito (h. 1 0,16 e 10,20), ma, in tale occasione, era in possesso di autorizzazione, in quanto aveva quale trasportato il figlio, di anni 13, riconosciuto disabile. L'auto aveva il contrassegno invalidi n. 939 del 29.9.2003. Notificati al sig. xxxxxx n.2 addebiti di infrazione all'Art. 7 cod. d. str., il ricorrente si opponeva di fronte al Prefetto di Arezzo, che confermava però le infrazioni con proprio Decreto-Ordinanza poiché, secondo l'Ente, il conducente non aveva attivato "le procedure previste ed indicate nella segnaletica".
    Avverso il Decreto lo stesso si rivolgeva a questo Giudice di Pace.
    All'udienza del 27.06.2006, si costituiva il Comune di Arezzo, a seguito della predetta delega, chiedendo invece la conferma dei verbali di accertamento (e del conseguente Decreto prefettizio ), poiché, secondo l'Amministrazione Locale, il possesso di permesso per portatori di handicap non costituisce deroga alla norma violata. Il Comune - si legge in comparsa di costituzione e risposta - ha infatti messo in opera una serie di facilitazioni per mettere in condizione le persone con limitate capacità motorie di non risentire delle barriere di accesso al centro storico. L'Ente ha scritto ai portatori di handicap residenti nel Comune di Arezzo, ha inserito apposita segnaletica con le procedure per l'autorizzazione all'accesso ed ha provveduto all'indicazione di apposito numero verde. Stanti tali iniziative, il Comune escludeva la possibilità di una "sanatoria a posteriori" che lascia spazio ad abusi "in modo troppo marcato". Concludeva pertanto per la reiezione del ricorso.
    All'udienza, dopo la precisazione delle conclusioni e la discussione, questo giudicante pronunciava dispositivo di sentenza, riservandosi sulle motivazioni.

    MOTIVI DELLA SENTENZA

    Si da atto, innanzi tutto, della legittimità della comparsa di costituzione e risposta del Comune di Arezzo, ai sensi dell'Art. 205 L. n. 214 del 1.8.2003 (Nuovo Codice della strada) che prevede, da parte del Prefetto, la delega della tutela giudizi aria all'Amministrazione cui appartiene l'organo accertatore, nei giudizi di opposizione alle Ordinanze-Ingiunzioni di pagamento emesse dal Prefetto, a seguito di ricorso ex Art. 203 cod. d. str.
    La Prefettura di Arezzo ha emanato, dopo la citata normativa, il Decreto n. D/14/03D-Area IV del 15.10.2003, con delega al Comune a rappresentare l'Ufficio Territoriale del Governo di Arezzo.
    Risulta in atti una copia di "concessione parcheggio invalidi" da parte del Comune di Lanciano, con scadenza 29.9.2008. Nel caso di specie il sig. xxxxx (conducente) aveva con sé il figlio disabile ed il suo status gli consentiva detti accessi, poiché poteva fruire delle agevolazioni previste dall'Art.188 cod. d. str., in primis la circolazione nelle zonè soggette a limitazione di traffico.
    Dalla lettura dell'Art. 381/2° comma, 3° periodo del Reg. di attuazione al codice della strada (D.P.R. n. 495/92), emerge con chiarezza che il permesso di circolazione di veicoli a servizio di invalidi con deficit deambulatorio non è vincolato ad uno specifico veicolo ed ha validità su tutto il territorio nazionale. La verifica fatta anche a posteriori, con utilizzo di strumenti di rilevamento e controllo, negli accessi in ZTL, della titolarità del permesso in capo a chi si assume trasportato nel veicolo, incombe sull'Ente, ed è onere dello stesso operare in concreto, assumendo le iniziative utili ad evitare abusi. L'osservazione del Comune che un cittadino, nelle condizioni sopra esposte, deve richiedere preventiva autorizzazione ad accedere alla ZTL comunicando la targa del veicolo, non appare conforme alle norme del vigente cod. d. str., che riservano libertà di accesso nelle ZZ.TT.LL. ai veicoli con portatori di handicap.
    Pertanto, la circostanza che si esegua un controllo di possibili accessi abusivi mediante un sistema di videocontrollo automatizzato non può comportare una riduzione del diritto di libera locomozione ai soggetti portatori di handicap. La possibilità di libero accesso deve così essere garantita solo esibendo il permesso-concessione per invalidi. Appare pertanto pur sempre giustificabile la condotta del Comune, che notifica il verbale al proprietario di un veicolo non riconoscibile dal sistema di videocontrollo come veicolo trasportante un soggetto invalido, proprio perché detta circostanza non è altrimenti riscontrabile dal Comune se non in un momento successivo, e cioè in sede di ricorso in opposizione al verbale di contestazione. Ciò rende pertanto necessaria una attività da parte del ricorrente, volta all'accertamento giurisdizionale del suo diritto di accesso, attività svolta dal sig. xxxxxx, che tra, l'altro, avendo la residenza a Lanciano (Chieti), non è risultato destinatario di avvisi da parte del Comune di Arezzo.

    P.Q.M.

    Il Giudice di Pace, decidendo sul ricorso di xxx avverso il Decreto-Ordinanza del Prefetto di Arezzo n. 780/781/05 - Area IV - del 12.9.05, ANNULLA il Decreto sopra indicato, disponendo, conseguentemente l'annullamento dei verbali nn. 44800/04 e yyyyyyyyy.
    NULLA per le spese di lite.
    Così deciso ad Arezzo il 27 giugno 2006




    Vorrei sentire la "vostra" in merito, per capire se effettivamente ci sono gli estremi VALIDI per il ricorso e se avete esperienze in merito.

    Grazie

    :wink:
    Ultima modifica di Head; 06-08-2008, 14:57.

  • #2
    Carissimo...ti riporto il caso di Gallipoli dove io opero....

    anche qui il centro storico è accessibile solo mediante pass pena il verbale di 80€....chi accompagna un disabile ha TUTTO il diritto di poter accedere....lo stesso però deve comunicare al nostro Comando la propria targa ed il numero di pass disabili per avere un autorizzazione temporanea!

    Il numero del ns comando è infatti riportato su un maxiCartello/segnale all'ingresso della ZTL!

    Comunque sia mi pare assurdo che un giudice di pace rigetti un ricorso così motivato....significherebbe IMHO limitare i diritti di una persona che purtroppo ha già tanti limiti imposti!

    Fai fare ricorso....allegando la fotocopia del talloncino d'invalido dal proprietario dell'auto e fai allegare una dichiarazione del trasportato che conferma che in quella data e in quell'ora si faceva accompagnare in ZTL dal Sig.****** in Via o piazza********tramite auto targata****!!

    Spero di esserti stato d'aiuto!:wink:



    NOTORIOUS©MCMLXXVIII
    When ya talk 'bout Me...u best watch ya hole!
    Pessimo Elemento
    ير البحري

    Niente REP ma opere di bene!
    Vendonsi medaglie!

    Commenta


    • #3
      Azz pensavo si trattase di un PM!

      Alex io comunque farei spostare il 3d nella sezione dedicata al mondo delle invalidità......che ne pensi?



      NOTORIOUS©MCMLXXVIII
      When ya talk 'bout Me...u best watch ya hole!
      Pessimo Elemento
      ير البحري

      Niente REP ma opere di bene!
      Vendonsi medaglie!

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da BiggD530 Visualizza il messaggio
        Azz pensavo si trattase di un PM!

        Alex io comunque farei spostare il 3d nella sezione dedicata al mondo delle invalidità......che ne pensi?
        Penso sia la cosa migliore.:wink:

        peta che segnalo.

        Commenta


        • #5
          NB: non c'è la decurtazione punti per questa infrazione (anche se nel caso specifico non c'è stata infrazione IMHO)!



          NOTORIOUS©MCMLXXVIII
          When ya talk 'bout Me...u best watch ya hole!
          Pessimo Elemento
          ير البحري

          Niente REP ma opere di bene!
          Vendonsi medaglie!

          Commenta


          • #6
            Come avrai visto, ho chiesto LUMI anche a lorenzo e quartosavona.
            Direi che mi ha già detto molto TU.

            Grazie.
            :wink:

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da BiggD530 Visualizza il messaggio
              Carissimo...ti riporto il caso di Gallipoli dove io opero....

              anche qui il centro storico è accessibile solo mediante pass pena il verbale di 80€....chi accompagna un disabile ha TUTTO il diritto di poter accedere....lo stesso però deve comunicare al nostro Comando la propria targa ed il numero di pass disabili per avere un autorizzazione temporanea!

              Il numero del ns comando è infatti riportato su un maxiCartello/segnale all'ingresso della ZTL!

              Comunque sia mi pare assurdo che un giudice di pace rigetti un ricorso così motivato....significherebbe IMHO limitare i diritti di una persona che purtroppo ha già tanti limiti imposti!

              Fai fare ricorso....allegando la fotocopia del talloncino d'invalido dal proprietario dell'auto e fai allegare una dichiarazione del trasportato che conferma che in quella data e in quell'ora si faceva accompagnare in ZTL dal Sig.****** in Via o piazza********tramite auto targata****!!

              Spero di esserti stato d'aiuto!:wink:
              a Roma chi ha il talloncino disabili puo' accedere alla ztl....confermo e sottoscrivo quanto da te consigliato...

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Head Visualizza il messaggio
                Come avrai visto, ho chiesto LUMI anche a lorenzo e quartosavona.
                Direi che mi ha già detto molto TU.

                Grazie.
                :wink:
                Figurati!:wink:

                Originariamente inviato da lorenzo78 Visualizza il messaggio
                ....confermo e sottoscrivo quanto da te consigliato...
                :wink:



                NOTORIOUS©MCMLXXVIII
                When ya talk 'bout Me...u best watch ya hole!
                Pessimo Elemento
                ير البحري

                Niente REP ma opere di bene!
                Vendonsi medaglie!

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da lorenzo78 Visualizza il messaggio
                  a Roma chi ha il talloncino disabili puo' accedere alla ztl....confermo e sottoscrivo quanto da te consigliato...
                  idem a messina, chi ha il pass disabili può accedere alla ZTL o alle aree temporanee pedonali
                  Lavori In Corso...Lavori In Corso...Lavori In Corso...Lavori In Corso...Lavori In Corso...

                  Commenta


                  • #10
                    Ecco dai un'occhiata qui se non l'hai fatto non l'ho ancora letta ma...http://www.actre.it/viabilita/ztl_disabili.php

                    Commenta


                    • #11
                      Forse riesumo un post piuttosto vecchio ma posso dire la mia visto che purtroppo mi sono visto recapitare dal comune di Padova una multa per accesso in ZTL. Ho contattato il comando di Padova e mi hanno richiesto fax dei documenti quali carta d'identità e del cartellino e hanno provveduto ad annullare la sanzione.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Pojus Visualizza il messaggio
                        Forse riesumo un post piuttosto vecchio ma posso dire la mia visto che purtroppo mi sono visto recapitare dal comune di Padova una multa per accesso in ZTL. Ho contattato il comando di Padova e mi hanno richiesto fax dei documenti quali carta d'identità e del cartellino e hanno provveduto ad annullare la sanzione.
                        Si sono comportati bene.....:wink::wink:

                        Commenta


                        • #13
                          Ciao a tutti, ho letto con interesse i Vs. post e visto che vi vedo ben preparati mi permetto di chiedervi consiglio...
                          premetto che sono disabile, titolare di patente di guida B speciale e ho il regolare taliando identificativo rilasciato dal mio Comune di residenza esposto nel cristallo anteriore; a maggio scorso mi sono recato a Roma e sono transitato in due via a ZTL, mi sono quindi arrivati 2 sanzioni di 85,05 euri (se pago subito)..
                          Nei verbali è indicato il numero del servizio "CHIAMA ROMA" dove ho chiamato per chiedere cosa potessi fare.. ma mi hanno detto che dovevo preventivamente chiamre un numero verde, inviare copia documenti ecc ecc ecc per ovviare al rilevamento della mia targa e che ora in ogni caso devo pagare le sanzioni...
                          che mi consigliate di fare?
                          ringrazio tutti per l'attenzione. antonio

                          Commenta


                          • #14
                            A Mè ne sono arrivate ben 11 da euro 85 l'una per lo stesso motivo, ho chiamato telefonicamente e spiegato l'inconveniente, spedito documentazione dell'invalidità e tutto quanto disponevo e dal comando (senza fare ricorsi) mi sono state cancellate, prova a insistere con il comandante e se è sensibile come il mio ha possibilità di sistemate....:wink:

                            Commenta


                            • #15
                              bene dai, almeno tu hai trovato qualcuno comprensivo, a me una telefonista del numero indicato nel verbale mi ha detto che ormai visto che erano state emesse le devo pagare.... tu dove hai chiamato? ai numeri telefonici indicati nei verbali o hai trovato il numero diretto del comando della Polizia Municipale?

                              Commenta

                              Statistiche comunità

                              Comprimi

                              Attualmente sono connessi 301 utenti. 34 utenti e 267 ospiti.

                              Il massimo degli utenti connessi: 1,645 alle 14:06 il 07-11-2011.

                              Sto operando...
                              X