lunedì , 18 dicembre 2017
Home » Moto » BMW Motorrad Italia SBK: tempo e superpole!

BMW Motorrad Italia SBK: tempo e superpole!

BMW SBK 1000
E’ la fine dell’estate in Australia, quando stamane si  sono svolte sul circuito di Phillip Island, le prove cronometrate, le prove libere e le due Superpole valide per il primo round del campionato mondiale eni FIM Superbike 2015.
Non c’è espressione di contatto uomo-macchina migliore della Superbike o della MotoGP. Ogni curva, ogni piega, ogni angolo di inclinazione del polso destro è un turbine di emozioni. Il quadro digitale che si illumina come se fosse natale a quota 15mila giri al minuto e la ruota anteriore che tende a puntare verso il cielo: libertà.

Il BMW Motorrad Italia SBK Team, team ufficiale BMW, ha perseverato nello sviluppo e nella messa a punto della S 1000 RR di Sylvain Barrier in vista delle due gare di domani. Il pilota francese, stamani, ha fatto segnare il tempo di 1’32”555 che non ha, però, migliorato il suo miglior crono di ieri, ma gli ha comunque consentito di ottenere la quindicesima posizione in classifica e di qualificarsi quindi agevolmente per la Superpole 1. C’è ancora molto da lavorare, ma per un team giovane come il BMW Motorrad Italia SBK, la salita era nota.

Nel primo pomeriggio il team è sceso in pista per un turno di prove libere, utile per definire le ultime messe a punto in vista della successiva Superpole.
Barrier ha concluso le libere al diciannovesimo posto con il tempo di 1’33”544. Tutto da rifare insomma.

Nella Superpole 1, che permette ai primi due piloti di accedere alla Superpole 2, Barrier non è riuscito a sfruttare a pieno la gomma morbida da qualifica ed ha dovuto fermare il tempo a 1’33”057, concludendo così all’ottavo posto mancando l’accesso alla Superpole 2.

Questo gli consentirà di partire dalla sesta fila con il diciassettesimo tempo nelle due gare che si disputeranno sulla distanza di 22 giri ciascuna. Chi vivrà vedrà!
Vediamo i commenti a caldo dei piloti e del Team Principal.

Sylvain Barrier : “Purtroppo le cadute delle prove e di ieri mi hanno tolto sicurezza. Oggi non ho spinto al massimo perché non volevo rischiare un’ulteriore caduta. Siamo all’inizio del campionato e non voglio comprometterlo con un infortunio, come invece successe lo scorso anno. La moto va bene, ma non potendo sfruttarne tutto il potenziale non so bene a che punto sia arrivata con lo sviluppo. Ora voglio rilassarmi e trovare la giusta concentrazione per le gare di domani che saranno certamente difficili vista anche la mia posizione di partenza”.

 Gerardo Acocella – Team Director : “ E’ stata una giornata difficile, nella quale non abbiamo raccolto il frutto del nostro lavoro. La moto è migliorata molto in questi due giorni ed abbiamo anche raccolto moltissimi dati, che ci saranno utili per proseguire nel suo sviluppo. Purtroppo a causa delle cadute delle quali è stato vittima in questi giorni Sylvan ha perso la confidenza necessaria per esprimersi al massimo e questo ha condizionato la sua Superpole”.

 

About Michele Picariello

Ingegnere Meccanico con la passione per la scrittura. Si dedica da tempo alla ricerca di informazioni tecniche e commerciali per il mondo BMW e le realtà ad esso connesse.

Vedi anche

BMW M5 Safety car del MotoGP: svelata nei particolari

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn La partnership di BMW con il ...

I primi esemplari di BMW M4 GT4 consegnati ai team di corse privati

WhatsApp Facebook Twitter Google+ Facebook Messenger Pinterest Telegram LinkedIn Un po’ di tempo fa BMW ...